Home Integratori Alimentari & Cosmetici Vitamina D3 o colecalciferolo: cos’è e a cosa serve

Vitamina D3 o colecalciferolo: cos’è e a cosa serve

Sappiamo quasi tutto della vitamina D, ma spesso ignoriamo l’importanza di una sua forma particolare chiamata vitamina D3 o colecalciferolo. Scopriamo meglio di cosa si tratta!

Integratori- foto pixabay.com

La vitamina D è una sostanza autoprodotta dal corpo che induce l’assorbimento e il deposito di calcio e fosforo, sostanze fondamentali per la salute delle ossa e il funzionamento del cuore e del sistema nervoso.

Nella sua declinazione meno conosciuta si rivela una serie di vitamine liposolubili che si origina dalla trasformazione del precursore del colesterolo prima in colecalciferolo e dopo in calcifediolo e calcitriolo.

Vitamina D3: A cosa serve?

Ossa- foto pixabay.com

Il 7-deidrocolesterolo viene convertito in colecalciferolo dai raggi solari e successivamente trasportato nel fegato per diventare calcifediolo, che a sua volta arriva nei reni e viene alterato in calcitriolo (forma attiva).

La vitamina D3 viene immagazzinata a livello muscolare e tissutale (tessuto adiposo) per supportare l’attività biologica dell’organismo.

In questa forma favorisce l’assorbimento di calcio e fosforo, la mineralizzazione delle ossa e la crescita delle cellule di ossa e pelle.  Non a caso viene indicata la vitamina D3 per sostenere i capelli!

Proprietà e benefici

Dermatite- foto pixabay.com

Non è possibile liquidare le proprietà e i benefici di questa vitamina a quanto detto finora, anche perché si tratta di un componente essenziale per l’equilibrio dell’organismo.

  • Ossa – Il colecalciferolo è utile per la salute delle ossa, tanto per quanto riguarda la mineralizzazione e il rafforzamento quanto per quanto concerne lo sviluppo. In più ostacola l’osteoporosi.
  • Pelle – Questa forma di vitamina D potrebbe aumentare la sintesi delle proteine della pelle e diventare un perfetto lenitivo in caso di dermatite atopica e psoriasi.
  • Glicemia nel sangue – Questa vitamina sarebbe capace di aumentare la sensibilità delle cellule all’insulina e quindi tenere sotto controllo i livelli di glicemia nel sangue.
  • Ciclo mestruale – Il colecalciferolo potrebbe essere efficace contro le irregolarità del ciclo mestruale e il dolore che accompagna i giorni “no” del mese.
  • Massa muscolare – La sua capacità di sollecitare la produzione di testosterone favorirebbe la riparazione di eventuali danni muscolari e l’aumento della massa muscolare.
  • Peso – Può aiutare a dimagrire nella misura in cui è capace di stimolare l’ormone che aumenta il senso di sazietà e limitare la formazione di grasso addominale.

Vitamina D3: Alimenti

Salmone- foto pixabay.com

Ma la vitamina D3 dove si trova? È presente nelle carni (tacchino, pollo, anatra e altre), nei pesci (sgombro, tonno, salmone, anguilla sogliola, pesce spada e sardine) e in altri prodotti (funghi, uova e latte intero).

Oltre a sapere dove si trova la vitamina D3, però, è bene ricordare che basta esporsi al sole 10 minuti al giorno per fare un pieno vitaminico.

Vitamina D3: Integratori

Integratore in perle- foto pixabay.com

In linea di massima è difficile cadere in deficit, visto che la maggior parte del fabbisogno giornaliero viene soddisfatto dall’esposizione al sole e dalle fonti alimentari.

Come già accennato, è sufficiente esporsi al sole 10 minuti al giorno e seguire una dieta sana per assicurare la quota consigliata di 10 mg per i neonati e gli adulti e 15 mg per i teenager e le donne incinte o in allattamento.

Alcuni bambini da 6 a 11 mesi, anziani, soggetti affetti da lupus eritematoso, vegani e vegetariani e donne in menopausa, gravidanza o allattamento possono avere la vitamina D3 bassa.

Nei casi di vitamina D3 in carenza, quindi, occorre ricorrere agli integratori alimentari in modo da evitare il fenomeno del rachitismo nei bambini e l’osteomalacia con problemi articolari annessi negli adulti.

In commercio non esistono integratori puri per sopperire  alla carenza di vitamina D3, ma soluzioni con vitamina D3, minerali e vitamine in grado di lavorare sinergicamente al metabolismo del calcio e del fosforo.

Ogni formulazione di vitamina D3 in gocce, perle, fiale, sciroppo, polvere o caramelle gommose, quindi, promette di sostenere l’organismo nelle funzioni biologiche espletate dal complesso vitaminico.

Vitamina D3: Effetti collaterali

Sonnolenza- foto pixabay.com

Qualsiasi integratore con vitamina D3 deve essere usato seguendo le indicazioni mediche per evitare una situazione di sovra dosaggio che potrebbe intossicare l’organismo.

L’impossibilità di espellere questa vitamina liposolubile può diventare causa di sonnolenza, nausea, diarrea, aumento di diuresi, problemi renali, ipertensioni e calcificazioni ossee.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui