Home Rumors Tumori al polmone in aumento per le donne

Tumori al polmone in aumento per le donne

Tumori al polmone

Oltre 5.3 milioni le donne fumatrici in Italia. E un pericoloso incremento dei tumori ai polmoni per il gentil sesso. Queste in soldoni le parole di Carmelo Iacono, presidente dell’Associazione  Italiana Oncologica Medica (AIOM), al seminario che si è tenuto in data odierna nella sede dell’Agenzia del Farmaco Italiano. I tumori sono in aumento costante nelle donne di circa il 2% l’anno. Non solo. Dalle ricerche è risultato che le donne non vogliono smettere di fumare. Anzi. Per combattere questa terribile malattia e sensibilizzare le fumatrici, la AIOM ha promosso un progetto innovativo di borse di studio, dedicato ai cervelli nostrani. Questo non solo per favorire la ricerca oncologica, ma anche per evitare le numerose e famose fughe di cervelli che interessano continuamente i giovani italiani.

L’iniziativa comincerà a Gennaio 2012 ed è nata da una idea completamente italiana che ha visto come protagonisti sia la AIOM che la Agenzia Italiana del Farmaco, AIFa. Le borse di studio saranno destinate a ragazzi provenienti da svariate parti d’Italia, con lo scopo di agglomerare l’eccellenza in un unico progetto. E non saranno dedicate esclusivamente al tumore ai polmoni, ma anche a quello della mammella e del retto. Tre patologie molto gravi che colpiscono ogni anno e portano alla morte oltre 68.000 persone (almeno questo il dato relativo al 2011). Pensate che i morti per questo tipo di tumori, fanno da soli il 39% del totale dei morti per cancro. Una cifra sconcertante. La cosa più preoccupante è che l’incremento dei tumori al polmone in particolare, riguarda anche donne che non hanno mai fumato.

Inoltre questa lodevole iniziativa, non solo garantirà un eccellenza nello studio e nella preparazione, ma permetterà anche di incrementare un organico che è sempre più ridotto a causa dei tagli fiscali. Queste le spiegazioni di Sergio Pecorelli, responsabile della AIFa  che aggiunge dettagli sul progetto. Il Presidente spiega che gli interventi sono mirati a sensibilizzare le persone, soprattutto sulla prevenzione. Questo porterà vantaggi per i pazienti, che non si ammaleranno, e risparmi in termini economici. Solo per i medicinali antitumorali e oncologici in genere, in Italia si spendono oltre 3.200 euro l’anno.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui