Home Salute Trisma: cause, sintomi, rimedi e trattamenti

Trisma: cause, sintomi, rimedi e trattamenti

Il trisma si presenta come una contrattura spastica e prolungata che coinvolge i muscoli masticatori (sollevamento e abbassamento della mandibola), un problema che sottende a patologie che colpiscono il sistema nervoso centrale,  infiammazioni a carico  del cavo orale o fenomeni artritici.

Trisma- foto medicinaurgenza.com

La contrattura spastica e prolungata interessa i muscoli masticatori fino a provocare l’incapacità parziale o totale di procedere con l’apertura della bocca.

Viene a delinearsi così una difficoltà che impedisce di parlare o mangiare chiamata trisma facciale o trisma mandibolare.

Muscoli facciali

Muscoli del viso- foto nononsensecosmethic.blogspot.it

È essenziale conoscere l’anatomia facciale per comprender quali muscoli e meccanismi vengono coinvolti dal problema definito “riso sardonico”:

  • Masseteri – Collocati a livello della faccia laterale del ramo della mandibola e imputati al sollevamento e protrusione della mandibola.
  • Temporali – I gruppi muscolari che si trovano lateralmente sul cranio e che determinano il sollevamento della mandibola.
  • Pterigoide mediali – Questi muscoli interni supportano il sollevamento della mandibola.
  • Pterigoidei laterali – Si tratta dei muscoli esterni implicati nell’abbassamento della mandibola.

Trisma: Cause

Trisma: cause- foto hospitaldodente.com.br

Il trisma facciale può essere provocato da disturbi a livello di sistema nervoso centrale o problemi locali a carico dei muscoli masticatori oppure del cavo orale.

Questo significa che le cause del trisma rintraccia cause di tipo patologiche e sostanze che provocano la contrazione dei muscoli.

Causa sistema nervoso

Tetano- foto scienze.fanpage.it

Un cattivo funzionamento del sistema nervoso centrale può causare una contrazione muscolare generica. Ma cosa compromettere il normale funzionamento?

  • Tetano – Il batterio Clostridium tetani penetra nell’organismo e libera in circolo una tossina che provoca il trisma tetanico e la paralisi spastica di tutti i gruppi muscolari del corpo.
  • Epilessia – Questa patologia del sistema nervoso centrale provoca crisi convulsive che contraggono e irrigidiscono i muscoli.
  • Rabbia – La malattia virale può generare uno stato di contrazione muscolare persistente.
  • Meningite – La patologia di natura infiammatoria che colpisce le meningi provoca rigidità muscolare a livello di collo e volto.
  • Stricnina – Il comune pesticida può essere causa di un avvelenamento e contrazioni muscolari persistenti e dolose.
  • Parkinson – Lo stato di tremore muscolare generico coinvolge anche i muscoli masticatori.

Cause locali

Ascesso- foto greenme.it

È possibile che le cause del trisma mandibolare siano localizzate a livello di collo e testa. Non resta che scoprirle:

  • Artrite infiammatoria – La patologia può essere sia di origine autoimmune che originata da un’usura dell’articolazione temporo-mandibolare.
  • Blocco alveolare inferiore – Una anestesia locale del cavo orale o un trattamento per trattare sintomi dolorosi a carico di denti può causare un blocco anestetico del nervo alveolare inferiore.
  • Carcinomi cavo orali – Questo genere di tumori può spingere contro i nervi responsabili dei meccanismi masticatori.
  • Ascesso – Le patologie infettive che coinvolgono tonsille e cavo orale possono provocare gonfiore generale e contratture muscolari.
  • Fratture – La rottura dell’osso zigomatico o dell’osso mascellare può essere la causa di una contrazione muscolare forzata.
  • Arterite di Horton – L’infiammazione di origine autoimmune colpisce i vasi sanguigni di testa e collo e creano problemi a tale strutture.
  • Infiammazione cavo orale – Miosite del massetere o del temporale possono generare una infiammazione che si estende ai muscoli della mandibola.
  • Stress intenso – Quello che viene chiamato trisma isterico altro non è che una risposta a un evento di forte stress.
  • Anchilosi congenita – La anchilosi congenita dell’articolazione temporo-mandibolare crea uno stato di trisma di natura ereditaria.

Trisma: Sintomi

Irrigidimento di tutta la mandibola- foto consigli.hospitadella.it

Il trisma è di per sé un sintomo che sottende a problemi e patologie atre, ma che si accompagna generalmente a un quadro sintomatologico ben preciso:

  • Alterazioni degenerative dell’articolazione
  • Apnea
  • Atrofia da inattività
  • Dolore
  • Infiammazione
  • Irrigidimento di tutta la mandibola

Trisma mandibolare: Cura e trattamenti

Trisma mandibolare cura- foto sulamed.info

Il trisma prevede una terapia che deve essere incentrata a curare la causa scatenante che ha promosso questo tipo di contrattura momentanea muscolare.

Va da sé che solo il medico può interpretare le cause che sottendono a tale disturbo per migliorare la qualità di vita ed eliminare il problema

Trisma: Rimedi naturali

Camomilla- foto deabyday.tv

Fortunatamente esistono dei rimedi naturali contro lo spasmo dei muscoli mandibolari diretti a migliorare i sintomi che accompagnano il trisma facciale:

  • Tisane a base di erbe – Infusi con sostanze ricche di proprietà antinfiammatorie e decontratturanti possono fungere da rilassante muscolare naturale: camomilla (azulene e bisabololo), partenio (sesquiterpeni, flavonoidi e polifenoli), echinacea (echinacoside) e passiflora (vitexina).
  • Magnesio – Un buon livello di magnesio può migliorare i sintomi e alleviare gli spasmi muscolari.
  • Terapia caldo/freddo – L’alternanza di borsa dell’acqua calda e impacchi di ghiaccio promuove la circolazione e riduce lo stato infiammatorio.
  • Sport – Attività come yoga e meditazione rilassano l’organismo a livello muscolare e nervoso.
  • Esercizi – Eseguire esercizi di mobilitazione della mandibola aiutano a stimolare il suo corretto funzionamento: movimenti laterali, movimenti di apertura e chiusura e movimenti dall’alto verso il basso.

Trisma: Terapia farmacologica

Trisma mandibolare cura – foto inran.it

Il medico potrebbe decidere di prescrivere di trattamenti medici a base di farmaci per ridurre lo stato di contrazione muscolare:

  • Miorilassanti – Farmaci come muscoril o tiocolchicoside che rilassano e riducono la contrazione a carico dei muscoli mandibolari.
  • Corticosteroidi – Cortisone e altri farmaci simili riducono lo stato infiammatorio legato a questa particolare condizione.
Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 9 Media: 2.6]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui