Termometro digitale: ecco gli ambiti professionali in cui è indispensabile

Oggi più che mai, in pieno contesto Covid, la misurazione della temperatura è diventata una costante imprescindibile in moltissimi contesti professionali e lavorativi. Un’esigenza nata per contrastare la diffusione del virus verificando la presenza o meno di febbre. In realtà questo è solo uno degli ambiti professionali (e non) in cui può essere utilizzato questo versatile strumento di misura, che può essere impiegato nelle industrie, nei laboratori, nelle cucine, nelle officine ed altro ancora. 

L’uomo ha da sempre cercato di misurare la temperatura ed i suoi cambiamenti: nel corso della storia sono stati sviluppati diversi strumenti per raggiungere questo scopo. Questo lungo processo di evoluzione ha portato alla nascita dell’attuale termometro digitale, dispositivo che consente di rilevare le temperature in modo semplice, rapido e preciso. Scopriamo quali sono le sue caratteristiche e le sue possibili applicazioni

Le varie tipologie di termometro digitale 

Come si può notare navigando sul portale di RS Components, sito web dove trovare un’ampia gamma di termometri digitali di qualità, esistono numerosi i modelli che differiscono tra loro per le funzionalità e i possibili utilizzi. In linea di massima tutti i termometri sono dotati di un sensore (che può essere di diverse tipologie) che rileva la temperatura; il dato viene poi tradotto in gradi e mostrato sul display presente sul corpo dello strumento. 

Ormai i termometri digitali hanno quasi del tutto soppiantato i tradizionali modelli a liquido: sono molto più facili da utilizzare, le misurazioni sono rapide ed il grado di precisione delle rilevazioni ha raggiunto livelli elevatissimi. Inoltre è possibile scegliere tra un’infinità di modelli. La prima distinzione è quella tra dispositivi portatili e termometri da banco: i primi possono essere portati ed utilizzati praticamente ovunque, mentre i secondi sono perfetti per l’installazione fissa in ambienti come laboratori, officine e cucine. 

Una seconda ripartizione può essere fatta in base all’utilizzo ed alle modalità di impiego. In questo caso è possibile distinguere tra i termometri ad infrarossi, che permettono di misurare le temperature a distanza, i termometri con sonde per la misurazione della temperatura delle superfici ed i termometri ad immersione, che sono dotati di sonda da far penetrare nel materiale che si intende analizzare. 

Come scegliere il modello giusto per ogni ambito professionale 

Ovviamente è possibile fare anche ulteriori distinzioni: i fattori da considerare quando si intende acquistare un termometro digitale sono parecchi. Tenendo conto di quello che è l’utilizzo che si andrà a fare del dispositivo, la scelta deve basarsi su diverse caratteristiche, come ad esempio il campo di funzionamento, inteso come l’intervallo tra le temperature minima e massima supportate, le dimensioni, l’impermeabilità, la resistenza agli urti e così via. 

Fortunatamente fare questa scelta è semplice, grazie ai filtri di ricerca che si possono usare sul sito di RS Components. Questa ditta specializzata nella fornitura di industrie ed imprese permette di selezionare gli articoli in base alle loro caratteristiche: marchio, tipo di termometro, tipo di sonda, dimensioni, scala di temperatura, misure minime e massime, tipo di sensore, tipo di batteria, possibilità di immagazzinare i dati rilevati e così via. 

In questo modo è possibile individuare rapidamente il modello più adatto alle proprie esigenze. Le possibili applicazioni, d’altronde, sono davvero tante. I termometri digitali sono praticamente indispensabili in diversi ambiti e settori. Al di là dell’utilizzo in campo medico e sanitario, infatti, i vari modelli di termometro digitale vengono impiegati nell’industria alimentare e nelle cucine, nei laboratori, dagli addetti al riscaldamento ed alla ventilazione, nella ricerca scientifica, nel campo della manutenzione industriale e così via. 

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 0 Media: 0]