Stitichezza: rischi, complicanze e rimedi da conoscere

Soffrire di stitichezza non è certo piacevole, ma può rivelarsi anche pericoloso. Sono infatti diverse le complicanze che potrebbero presentarsi non evacuando regolarmente ed è per tale ragione che è importante trovare un rimedio che sia efficace. La stitichezza è un disturbo che fortunatamente si può risolvere, sia modificando il proprio stile di vita e l’alimentazione sia utilizzando prodotti specifici come lassativi e purganti.

Quali sono però nel dettaglio i rimedi più efficaci per combattere la stitichezza e quali complicanze potrebbero insorgere se la si trascura troppo a lungo? Scopriamolo insieme.

I rimedi più efficaci contro la stitichezza

Fortunatamente, la stipsi è un disturbo che si riesce a risolvere con una certa facilità. Sono infatti numerosi i rimedi contro la stitichezza che si possono acquistare in farmacia senza prescrizione medica e che presentano pochissime controindicazioni. Parliamo innanzitutto dei lassativi, che agiscono ammorbidendo le feci e facilitando in questo modo l’evacuazione. In caso di stipsi occasionale, qualora non si volessero assumere farmaci per via orale, è possibile utilizzare anche le supposte che si rivelano un ottimo aiuto e permettono di evacuare nel giro di pochi minuti. Tornando ai lassativi, è bene sapere che ne esistono di varie tipologie: da quelli osmotici a quelli stimolanti a quelli di massa. Trovare quello giusto per il proprio caso nello specifico potrebbe non essere semplicissimo, dunque conviene andare per tentativi fino a quando non si individua la soluzione più efficace. L’organismo di ognuno infatti reagisce in modo differente ai lassativi.

Rischi e complicanze della stitichezza

Trovare il giusto rimedio contro la stitichezza è importante, perché come abbiamo accennato questo è un disturbo che se trascurato potrebbe portare a complicanze decisamente più serie. Vediamo quali sono le più diffuse.

Emorroidi

Tra le complicanze meno gravi della stitichezza troviamo la comparsa delle emorroidi: un disturbo decisamente diffuso, che però provoca non pochi problemi ed è alquanto fastidioso. Tendenzialmente, ad essere maggiormente a rischio di emorroidi sono quelle persone che si sforzano parecchio nel momento della defecazione proprio perché soffrono di stitichezza. Questo sforzo eccessivo causa un rigonfiamento delle vene dentro ed intorno all’ano, che spesso risultano anche doloranti.

Fecaloma ed occlusione intestinale

In coloro che soffrono di stitichezza cronica e sottovalutano questo problema, si può formare all’interno dell’intestino un fecaloma ossia un ammasso di feci dure che rimane bloccato. Si tratta di una complicanza piuttosto seria, anche perché è tra le principali cause di occlusione intestinale: condizione che non ci si può mai permettere di sottovalutare e che in alcuni casi necessita di un intervento chirurgico per essere risolta.

Prolasso rettale

Un’altra complicanza della stitichezza è il prolasso rettale, ossia la fuoriuscita di parte dell’intestino dall’ano. A causarlo, anche in questo caso, è l’eccessivo sforzo che viene effettuato durante l’evacuazione delle feci e non si tratta di certo di un problema di poco conto. Il prolasso rettale negli adulti non si risolve infatti spontaneamente come avviene nei lattanti e nei bambini piccoli. L’unica soluzione è l’intervento chirurgico: una procedura dunque invasiva, che sarebbe decisamente meglio evitare trattando adeguatamente la stitichezza.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

Luca M.

Informazioni sull'autore
Ciao! Mi chiamo Luca, sono a capo della redazione di Sanioggi.it da quando il sito è stato lanciato, nell'inverno del 2011.
Tutti i post di Luca M.