Smettere di fumare: è possibile con un nuovo vaccino

Smettere di fumare

Smettere di fumare: Il fumo non è solo un vizio è una vera e propria piaga, una morte su sei è causata dal vizio del fumo che è causa di 70 mila decessi all’anno, solo nel nostro paese. I modi per smettere di fumare sono tanti, ma la maggioriate riescono solo ad attenuare la dipendenza dal fumo di tabacco sol parzialmente, così il fumatore torna dopo qualche mese a fumare.
Recenti ricerche condotte dal genetista Ronald Crystal, della Cornell University di New York, hanno dimostrato che può essere sintetizzato un vaccino che liberi totalmente dal vizio del fumo. Per spiegare il meccanismo di tale vaccino ci basta pensare alle molecole di nicotina, la sostanza che causa la dipendenza dal fumo, queste viaggiano indisturbate nel sangue in quanto gli anticorpi non riescono a riconoscerle, una volta entrate nel nostro organismo queste molecole passano dal sangue al cervello e si legano ai ricettori del piacere, creando in questo modo la dipendenza.

Smettere di fumare: Le molecole di nicotina riescono a passare al cervello grazie alla loro dimensione estremamente piccola, il cervello, infatti, presenta un sistema di filtri che impedisce a particelle estranee di introdurvisi, la nicotina ci riesce perché troppo piccola. L’idea è stata quella di creare un anticorpo che si leghi alle molecole di nicotina e le faccia aumentare di volume in modo che il cervello non faccia passare le molecole di nicotina e di conseguenza queste, non arrivando al cervello, non si legano ai recettori del piacere e, quindi, non creano dipendenza da fumo.
Le statistiche attuali vedono un solo ex fumatore su tre che smette definitivamente di fumare, questo accade perché la dipendenza creata dalla nicotina è molto forte ed immediata, basti pensare che la nicotina impiega solo 15 secondi per passare dal sangue al cervello e legarsi ai recettori del piacere, il problema principale si ha quando l’effetto della nicotina svanisce, il fumatore infatti tende a ricercare inconsciamente quella sensazione di piacere e si accende un’altra sigaretta.

Smettere di fumare: I prodotti per smettere di fumare attualmente in commercio sono molteplici, ma richiedono che il fumatore abbia una gran forza di volontà, questi metodi non inibiscono l’effetto della nicotina ma lo alleviano. Vi sono poi dei vaccini anti fumo, questi sono composti da anticorpi addestrati a riconoscere ed eliminare la nicotina presente nel sangue prima che questa arrivi al cervello, purtroppo però, pur essendo questo un metodo efficace non può considerarsi una soluzione definitiva perché porta con se alcune complicazioni e ha breve durata.

VIZIO DEL FUMO: COLPA DELLA NICOTINA

Smettere di fumare

Smettere di fumare: Il nuovo vaccino messo a punto dalla Cornell University di New York differisce dal vaccino che si usa attualmente dal fatto che anziché contenere anticorpi già istruiti per combattere la nicotina, contiene una sequenza di geni che hanno in memoria tutte le informazioni per creare gli anticorpi necessari all’interno del nostro organismo. La sequenza di geni, per essere trasportata all’interno del nostro organismo, viene inserita in un virus, questo si occuperà di trasportarla sino al fegato, luogo in cui avverrà la fabbricazione dell’anticorpo specifico.
Per il momento i risultati dell’utilizzo di questo vaccino sono stati riscontrati solo su cavie animali, presto inizierà la sperimentazione sull’uomo e, speriamo, che finalmente si possa sconfiggere il vizio del fumo.

Leggi anche:

Anche in himalaya si soffre di inquinamento dell’aria

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 0 Media: 0]