Home Salute Sindrome della bella addormentata: Storia di due giovani donne

Sindrome della bella addormentata: Storia di due giovani donne

Il nome scientifico è Sindrome di Kleine-Levin (KLS)ma comunemente viene indicata come la “sindrome della bella addormentata“, proprio per indicare la caratteristica di questa rara patologia che porta a dormire per molto tempo, a volte anche mesi.

Sindrome di Kleine- Levin  

La sindrome di Kleine-Levin è  un disturbo molto raro del sonno, che colpisce prevalentemente gli uomini ma le donne non sono da meno. Questa patologia venne descritta per la prima volta prima da Kleine nel 1925 e poi da Levin nel 1936, dove negli scritti si faceva riferimento a 7 persone con ipersonnia e fame patologica.

 Sintomi

Questo tipo di disturbo, come già detto,colpisce prevalentemente gli adolescenti maschi, si manifesta con episodi reversibili di sonno, che possono durare anche mesi, eccessiva assunzione di cibo, e ipersessualità.

La storia di Nicole e Stacey 

La sindrome di Kleine Levin si manifesta principalmente negli uomini e forse per questo che sono ci sono voluti anni prima che a Nicole e Stacey venisse riconosciuta questa patologia. Nicole Delien, 17 anni e Stacey Comefors, 15 anni, sono due giovani studentesse alle quali è stata loro riconosciuta la” sindrome della bella addormentata”, solo dopo molti anni. La difficoltà di vivere con questa malattia la conoscono bene queste due ragazze e le loro rispettive famiglie,che in recenti interviste hanno spiegato come si svolge la quotidianità delle rispettive figlie: “Si alzano solo per andare in bagno o bere,anche se si svegliano sono in uno stato di sonnambulismo, e di conseguenza non ricordano nulla“.

Delle due però, Nicole è quella che ha battuto qualsiasi record, cadendo in un sonno profondo durato ben 64 giorni consecutivi, durato dal  giorno del Ringraziamento,che si è celebrato i il 24 novembre 2011, fino a fine gennaio 2012.

Le storie di Nicole e Stacy sono una piccola  testimonianza di questa malattia che colpisce mille persone in tutto il mondo,e di cui purtroppo, ancora, non esiste una cura definitiva.

Entrambe le ragazze assumono  il  Modafinil, stimolante che le aiuta a restare sveglie,e sembra funzionare, dal momento che entrambe parlano di miglioramenti.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui