Home Alimentazione Semi di zucca: usi e proprietà

Semi di zucca: usi e proprietà

I semi di zucca sono molto piccoli, ma vantano delle proprietà nutrizionali decisamente invidiabili. Si tratta dei frutti che vengono estratti dai semi della zucca, che si presentano di colore verde scuro contenuti in una buccia non edibile dal colore bianco crema. I semi di zucca sono diventati molto ‘gettonati’ e sono stati riscoperti in tempi recenti per il loro valore nutritivo, anche se da tempo vengono consumati in tutto il mondo come spezza fame, spuntino o come decorazione e complemento di tante ricette in cucina.

La recente informazione sulla bontà dei semi oleosi e sulle loro virtù salutari ha condotto molti produttori a commercializzare i semi di zucca in una versione pronta al consumo, quindi i semi sono oggi disponibili in sacchetti e confezioni che li mantengono freschi e che ne permettono un uso veloce e funzionale in cucina. Come accade con tutti i semi oleosi e la frutta secca in generale, è buona norma scegliere prodotti assolutamente naturali, quindi non tostati né addizionati con sale o zucchero. Attenzione anche al metodo di conservazione, perché alcune confezioni di semi di zucca possono contenere conservanti nocivi per la salute. È quindi intelligente acquistare i semi di zucca in una versione super naturale, per approfittare al meglio delle loro importanti virtù nutritive.

Semi di zucca: una miniera di salute

I semi di zucca svolgono alcune funzioni importanti per il benessere e la salute. Nel dettaglio, questi semi così buoni e delicati sono un vero e proprio toccasana per il cuore e per l’intero sistema cardio vascolare. La ragione va ricerca nell’elevato contenuto di omega 3 e di omega 6, acidi grassi positivi che proteggono la salute delle arterie e che aiutano ad abbassare i livelli di colesterolo cattivo nel sangue, innalzando quelli di colesterolo buono. I semi di zucca contengono anche minerali che favoriscono la fluidificazione e l’ossigenazione del sangue, quindi sono considerati un super cibo adatto a chi desidera migliorare la salute del sistema ematico e un valido supporto per chi pratica attività fisica e sport anche a livello agonistico.

I semi di zucca sono amici del buon riposo, perché contengono alte percentuali di triptofano. Si tratta di un aminoacido precursore della serotonina, ovvero dell’ormone che assicura un buon umore e che favorisce il sonno continuo e rilassato. Il riposo notturno è fondamentale per il benessere e la salute del corpo, perché permette di recuperare tutte le energie necessarie per affrontare gli impegni della giornata e concede al corpo il giusto tempo per attuare la rigenerazione cellulare. Il relax è favorito anche dall’alta percentuale di magnesio contenuta nei semi di zucca. Il magnesio è un minerale che lavora attivamente sul sistema nervoso e sulla muscolatura e molte sono le persone che soffrono di carenza del minerale. La carenza di magnesio si verifica con la spossatezza, con i crampi muscolari e anche con un umore nervoso e irascibile. Cercare la giusta integrazione di magnesio con l’alimentazione è importante per favorire il riposo, mantenere un umore sereno e affrontare gli impegni di ogni giorno con maggiore positività.

I semi di zucca vantano proprietà antinfiammatorie riconosciute. In alcuni casi i semi possono lavorare attivamente per contrastare le irritazioni e i gonfiori e vengono consigliati per coadiuvare le cure sfiammanti in quanto si tratta di un cibo rasserenante e assolutamente privo di effetti collaterali. Le proprietà antinfiammatorie sono estese a tutto il corpo, ma si concentrano soprattutto sull’azione attuata nel sistema ematico. Il ferro contenuto nei semi di zucca è abbondante e questa caratteristica li rende ideali per chi soffre di carenze di minerale e quindi di anemia o scarsa ossigenazione. Al contempo, i semi di zucca sono ricchi di fitosteroli e lavorano per abbassare i livelli di colesterolo e trigliceridi alti nel sangue, che possono dare origine ad infiammazioni anche gravi. La loro funzione si espande al benessere intestinale, perché i semi di zucca sono piccini ma vantano un elevato contenuto di fibre. La loro assunzione è consigliata a chi soffre di digestione disordinata e anche a tutte le persone che lamentano stipsi cronica e intestino pigro.

Il miglioramento del benessere intestinale è amplificato dalla funzione regolatrice del ph propria dei semi di zucca. Questi semi sono infatti in grado di alcalinizzare il ph dell’organismo e quindi di contrastare gli stati di acidità che possono indurre alla comparsa di infiammazioni e di stati dolorosi. I semi di zucca possono quindi essere introdotti in una dieta alcalina con fiducia, perché si tratta di alimenti riposanti e rasserenati del sistema gastro intestinale, che aiutano a combattere i bruciori di stomaco e a prevenire la formazione di ulcere, coliti, pirosi e gastriti.

I semi di zucca: un valido aiuto per la prostata

I semi di zucca sono conosciuti per la lor azione attiva sulla prostata. L’olio che viene estratto dai semi viene impiegato come rimedio naturale nella cura della ipertrofia benigna di questo organo, caratterizzata dall’ingrossamento anomalo della prostata e dalla diminuzione del calibro e del getto urinario, da urgenza nella minzione e dà un senso incompleto di svuotamento.

La funzione attiva sulla prostata dei semi di zucca deriva dall’elevato contenuto di uno speciale aminoacido, la cucurbitina, che secondo la comunità scientifica è in grado di migliorare le condizioni dell’organismo e quindi di favorirne la guarigione, nonché di prevenire l’insorgenza di questa patologia. I semi di zucca fanno bene alla prostata perché contengono lo zinco, minerale prezioso e raro in natura, e altri sali quali il manganese, il magnesio, il fosforo e il ferro. Il tutto è coadiuvato dall’importante presenza degli acidi oleici e linoleici, dai carotenoidi quali la luteina e il beta carotene e dai tocoferoli. Questo pool di principi attivi lavora nella protezione degli organi interni e favorisce il buon funzionamento della prostata, proteggendola e quindi coadiuvando la guarigione in caso di patologie che la interessano.

I sintomi dell’ipertrofia prostatica vengono contrastati anche grazie all’elevato contenuto di betasteroli presenti nei semi. Queste sostanze sono molto simili agli androgeni e agli estrogeni e sono utili per abbassare i livelli di colesterolo e di inibire la conversione del testosterone nel diidrosterone, contrastando naturalmente le cause dell’ipertrofia prostatica.

Semi di zucca: ma fanno davvero ingrassare?

Per molto tempo i semi di zucca son stati considerati un alimento povero, quasi il ‘fanalino di coda’ di tutti i semi di oleosi. Disponibili in elevate quantità e dal sapore leggero, questi semi sono stati per anni sottovalutati, ma grazie alla ricerca moderna sono finalmente saliti sul podio dei super cibi e il loro consumo viene consigliato dai medici nutrizionisti perché prezioso ai fini della ricerca di benessere e di salute.

I semi di zucca sono infatti una ricca fonte di sali minerali importanti come lo zinco, raro da incontrare altrove, il magnesio, il manganese e il selenio. I semi di zucca sono un alimento completo perché contengono aminoacidi preziosissimi, acidi grassi insaturi e tante vitamine, fra le quali spiccano la vitamina C, la E, la K e quelle del gruppo B.

Per molto tempo i semi di zucca sono stati considerati un alimento da consumare ‘con le pinze’, soprattutto per chi sta seguendo una dieta dimagrante. Il contenuto di calorie dei semi di zucca non deve essere certamente sottovalutato, perché come accade con tutti i semi oleosi, si tratta di cibi particolarmente concentrati. Questa caratteristica chiede di evitare il consumo massivo e di concentrarsi su piccole porzioni, da consumare al mattino, quando il corpo necessità di energia fresca e può digerire i semi di zucca con più semplicità.

I semi di zucca fanno quindi ingrassare se vengono inseriti in una dieta disordinata e consumati in varianti salate o zuccherate, ma se vengono scelti al naturale e mangiati come colazione, spuntino o merenda, si tratta di grandi alleati della perdita di peso e del processo di dimagrimento.

Le ragioni vanno ricercate nell’elevato contento di fibre, che permette di regolarizzare la digestione e di combattere i fenomeni di stipsi, migliorando la ritenzione idrica grazie all’azione fluidificante del sangue e dei liquidi in generale. Non solo, perché i semi di zucca sono in grado di mantenere stabile il livello degli zuccheri ed evitano di conseguenza i cali di energia nel corso della giornata. Si tratta di una caratteristica molto importante per chi sta seguendo una dieta dimagrante, perché la vitamina K presente nei semi di zucca, garantisce che il livello degli zuccheri presenti nel sangue sia costante ed evita di avvertire i picchi di fame e i picchi glicemici. Questa funzione è inoltre supportata dalle alte quantità di ferro presenti nella loro composizione.

La quantità ideale di semi di zucca da consumare al giorno è di 10 grammi, quindi un cucchiaino. Seguendo questo suggerimento non si rischia in assoluto di accumulare peso, anzi, si lavora con un’integrazione buona e intelligente che favorisce le funzioni vitali e favorisce una perdita di peso ragionata e naturale.

Semi di zucca: come si mangiano

I semi di zucca sono fra i semi più dolci e gradevoli che si trovano in natura. Si possono consumare al naturale oppure tostare per farli diventare più croccanti. In questo caso è consigliato di non cuocerli per più di 15-20 minuti a circa 80°C, quindi ad una temperatura bassa per evitare di dipendere le loro preziose proprietà nutritive. Una volta tostati, i semi di zucca possono essere salati o zuccherati, ma si tratta di una scelta che fa ‘lievitare’ l’ago delle calorie e che chiede quindi di essere ponderata se si sta seguendo un regime alimentare ipocalorico.

I semi di zucca possono quindi essere aggiunti allo yogurt, impiegati come complemento per i frappè e i frullati, ma è nella preparazione di prodotti da forno e di snack dolci e salati che trovano il loro uso più carismatico. I semi di zucca possono infatti essere impiegati per completare il pane, i cracker, i biscotti e le torte, soprattutto quelle fatte in casa con gusto e creatività.

I semi di zucca possono quindi essere aggiunti alle insalate in combinazione con altri semi oleosi e sono molto buoni se aggiunti alle minestre o alle vellutate di verdura. Scopriamo quindi una ricetta che prevede l’impiego dei semi di zucca. Si tratta di una vellutata di verdure che può essere consumata in ogni stagione e che si propone come un primo piatto depurante e goloso, da consumare alla sera per riposare il corpo dopo le fatiche della giornata.

Semi di zucca: prepariamo la vellutata di verdura

Ingredienti:

  • ¼ di zucca sbucciata e privata dei semi, ridotta in polpa;
  • 1 carota matura;
  • 1 patata;
  • 174 di cipolla dolce (anche di Tropea)
  • ½ litro di brodo fresco vegetale
  • olio extravergine di oliva
  • 100 grammi di ricotta fresca
  • erbe aromatiche a piacere
  • 1 cucchiaio colmo di semi di zucca naturali

Preparazione:

Laviamo la polpa di zucca, puliamola con cura e tagliamola a dadini molto piccoli. Sbucciamo le carote, tagliamo le estremità e tagliamole a rondelle. Tritiamo quindi la cipolla molto fine e rosoliamola in padella con un filo di olio e con le erbe aromatiche se vogliamo donare un sapore fresco al piatto. Aggiungiamo le carote e la polpa di zucca al soffritto e rosoliamo per qualche minuto. Aggiungiamo quindi il brodo fino a coprire le verdure e lasciamo bollire il tutto a fuoco lento, mescolando di tanto in tanto, fino a che le verdure non saranno belle morbide.

Una volta cotte le verdure, frulliamo la zuppa fino ad ottenere una crema morbida e completamente omogenea. A parte stemperiamo la ricotta fresca con un cucchiaio di brodo vegetale e amalgamiamo fino ad ottenere una crema che ha la consistenza di una mousse. Regoliamo di sale e pepe a piacere e versiamo la ricotta nella vellutata. Mescoliamo il tutto per far assumere alla zuppa una consistenza cremosa.

Versiamo nei piatti la vellutata e guarniamo il piatto con i semi di zucca naturali, completando la minestra con un filo di olio extravergine di oliva a crudo e a piacere una macinata di pepe fresco.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui