Home Salute Seguire una dieta a zona in menopausa

Seguire una dieta a zona in menopausa

Dieta a zona in menopausa

Con l’avanzare dell’età il corpo della donna si trova di fronte ad un ultimo fortissimo cambiamento ormonale: la menopausa.  il cambiamento principale legato alla menopausa è nella produzione di estrogeni.  Gli estrogeni hanno il compito di proteggere il cuore, mantenere un corretto equilibrio per le ossa e tenere il metabolismo attivo. Con la menopausa gli estrogeni  smettono di funzionare e pertanto le donne si possono ritrovare di fronte a problemi ossei (osteoporosi) e a evidente aumento di peso.

Per ovviare a questi problemi, una alimentazione sana ed equilibrata associata ad esercizio fisico, seppur moderato, può intervenire e migliorare di molto la situazione. La dieta a zona, in particolare, riesce sia a ridurre il rischio di ingrassare, che a bilanciare il calo di estrogeni, rendendolo meno repentino. Tutto questo grazie all’azione della dieta a zona nei confronti degli elicosanoidi. La dieta a zona favorisce la produzione di elicosanoidi buoni, che hanno il merito di rallentare la perdita di estrogeni, rendendola più graduale e quindi meno aggressiva per la donna.

La dieta a zona in menopausa sarà arricchita da Omega 3 e proteine, ma anche Sali minerali e vitamine. In particolare di calcio, sostanza fondamentale per il benessere delle ossa.  Quindi spazio a formaggi light, latte scremato, yogurt ma anche carciofi e spinaci che contengono calcio e ferro. Ovviamente, per favorire l’ingresso di Omega 3, il dietologo deciderà di inserire nei blocchetti delle proteine molto pesce, meglio se azzurro, che contiene, oltre agli omega 3 anche i grassi necessari per eseguire correttamente la dieta a zona. l’assunzione di questi pesci favorisce non solo il dimagrimento, ma riduce anche il rischio di malattie cardiovascolari ( a cui la donna è più esposta a causa del calo di estrogeni ) e a combattere ansia e depressione che possono colpire le donne in menopausa.

La dieta a zona del dottor Sears prevede 2 g di Omega 3 al giorno, in particolare il medico si riferisce all’olio di pesce. Quindi possiamo decidere di assumere 2 g di olio di pesce al giorno oppure di consumare alimenti che lo contengono ma non solo gli Omega 3.

Un’altra sostanza fondamentale per la vita durante la menopausa è la soia.

La soia è molto sfruttata nella dieta a zona. non solo per le sue capacità di abbassare i livelli di colesterolo, ma anche per la capacità di migliorare la vita e allungarla. Studi scientifici infatti dimostrano che la soia è uno degli alimenti della longevità. Prima di tutto perché stimola la produzione dell’ormone CKK, quello che ha il merito di non farci sentire fame e poi perché assumendo almeno 100 g di soia al giorno, siamo portati a mangiare molto meno.

E mangiare meno, ma comunque con gli opportuni nutrienti e vitamine, è garanzia di longevità. Non solo. La soia è molto utile per combattere l’osteoporosi e quindi prevenire le rotture ossee, di cui la protagonista è certamente la frattura al femore, molto frequente nelle donne più che negli uomini. La soia contiene isoflavoni che servono per diminuire le vampate di calore senza apportare nessun effetto collaterale.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 9 Media: 3.2]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui