Home Fitness Come scegliere il tappetino yoga

Come scegliere il tappetino yoga

Yoga e pilates sono due discipline che, mediante esercizi a corpo libero e tecniche di respirazione, trasferiscono notevoli benefici fisici e psicologici. Ma siamo davvero sicuri di avere il tappetino giusto? Come scegliere il tappetino yoga?

Come scegliere il tappetino yoga- foto montreal.carpediem.cd

Il tappetino è la prima cosa che si compra quando si decide di praticare yoga o pilates o semplicemente di eseguire esercizi a corpo libero.

La verità è che la scelta del tappetino per yoga rappresenta una scelta importante perché può evitare di stare scomodi mentre si eseguono esercizi a terra o di scivolare dopo aver sudato parecchio.

Non resta che scoprire come valutare i migliori tappetini yoga sul mercato e scegliere quello che più si adatta alle proprie esigenze in qualsiasi negozio specializzato o sulle piattaforme online  ricercando tappetino yoga Amazon, tappetino yoga Decathlon, tappetino yoga professionale e così via.

Tappetino yoga: materiali

Il mercato offre una vasta gamma di tappetini yoga realizzati in materiali differenti che influenzano i fattori aderenza, durabilità, comfort e consistenza.

Va da sé che la scelta di un materiale può essere sia una questione di preferenze che di reazione con il corpo:

  • Cloruro di polivinile (PVC) – Il materiale permette di godere di un tappetino yoga antiscivolo che dura a lungo, a discapito però di un impatto negativo sull’ambiente.
  • Cotone – Il cotone è ecosostenibile e assorbe il sudore, ma che non fornisce un ottimo grip con il pavimento.
  • Gomma naturale riciclata – Il materiale assicura un’ottima presa molto simile al PVC, ma potrebbe scatenare allergie in caso di predisposizione.
  • Iuta – Il materiale ricavato dalle fibre della pianta dello Iuta fornisce una buona presa grazie al polimero di resina PER (Polymer Environmental Resin).
  • Bambù, sughero e canapa – Questi materiali totalmente naturali vengono usati per creare validi tappetini yoga.

Lunghezza

La lunghezza è un fattore estremamente importante da considerare quando si decide di acquistare un tappetino da palestra.

In linea generale tutte le migliori marche creano tappetini yoga piuttosto lunghi che sembrano adeguarsi alle esigenze della maggior parte della gente.

Larghezza

La larghezza standard solitamente è di 60-65 centimetri e solitamente va bene per tutti, ma è possibile valutare anche tappetini yoga leggermente più larghi.

Variante yoga e location

La variante yoga che si intende praticare e la location in cui verrà praticata sono molto essenziali per la scelta del tappetino yoga.

Se per esempio si decide di praticare una variante statica è necessario prestare attenzione a comfort e spessore del tappetino, se si preferisce dedicarsi al Bikram Yoga è fondamentale optare per un tappetino in grado di assorbire il sudore e se si opta per un corso più vigoroso come il Power yoga o l’Ashtanga vinyasa allora è importante che il tappetino sostenga in ogni posizione e che non stacchi dal pavimento.

Prezzo

Ovviamente le varianti di materiale, lunghezza e larghezza influiscono sul prezzo del tappetino yoga: da 10 fino a 100 euro.

Il prezzo lievita in maniera proporzionale al tipo di materiale utilizzato, soprattutto quando si tratta di materiali naturali ed ecosostenibili.

Durabilità

La durabilità è un aspetto che dipende sia dal tipo di tappetino yoga scelto che dalle modalità con cui lo si mantiene.

Non bisogna dimenticare che anche i migliori tappetini yoga potrebbero rompersi se li si lasciano al sole per molto tempo, li si lava in maniera sbagliata o li si usa in modo inappropriato.

Spessore, densità e peso

I fattori spessore, densità e peso possono rendere un tappetino yoga confortevole o meno ogni volta che si eseguono esercizi da seduti o asana appoggiati sulle ginocchia.

E’ giusto scegliere un tappetino abbastanza spesso, ma non troppo spesso per non perdere il contatto da terra e rendere gli asana in piedi più difficili.

C’è da dire che lo spessore determina anche il peso e per questo diventa importante pensare a come portare il tappetino yoga da casa alla location.

Struttura a “celle aperte” o “chiuse”

Esistono tappetini yoga a “celle aperte” che assorbono il sudore in pratiche yoga in cui si suda (es. Hot yoga) e tappeti yoga a “celle chiuse” che non assorbono il sudore e sono più facili da pulire.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui