Home Al Femminile Gravidanza Sarà maschio o femmina? In arrivo il test di gravidanza immediato

Sarà maschio o femmina? In arrivo il test di gravidanza immediato

test di gravidanza immediato

Mai più corredini in neutro arancione o giallo. Niente verde. D’ora in poi potete saper con certezza il sesso del nascituro direttamente dall’esame del sangue, senza bisogno di attendere la visita medica specialistica. Per i futuri genitori che proprio non possono fare a meno di conoscere il sesso del loro futuro bambino, si tratta di una grande novità.

Un gruppo di ricercatori sud coreani del dipartimento di Ostetricia e Ginecologia del Cheil General Hospital e del Centro Sanità della Donna presso l’Università KwanDong School of Medicine di Seoul (Corea del Sud), hanno fatto questa sensazionale scoperta: valutando il rapporto tra due particolari enzimi, è possibile conoscere il sesso del futuro bambino. Gli enzimi sotto esame sono il DYS14 e il GAPDH.

Con questo nuovo tipo di esame ematico, si dovrebbero ridurre le invasive visite intra vaginali, oppure omniocentesi e villocentesi, che comunque non vengono eseguite con lo scopo di conoscere il sesso del bambino, bensì con quello di conoscere eventuali malformazioni. Si tratta di esami invasivi che spesso portano all’aborto. La normale ecografia, poi, che permette solitamente di vedere l’apparato genitale del feto, si avrà solo dopo la 11° settimana, cioè dopo che l’apparato genitale si sarà formato. L’esame del sangue si può fare subito. E da risultati immediati.

Lo studio è stato condotto su 208 donne in stato di gravidanza. Sono state sottoposte al test ematico, è stato dato loro il risultato e mai, voglio dire proprio mai, il risultato dell’esame di laboratorio ha fornito valori diversi da quelli  reali. Se era stato previsto la nascita di una femmina, è nata una femminuccia. E viceversa.

I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla prestigiosa rivista The Fabes Journal con tutti i dettagli della ricerca.
le analisi sulle donne incinta sono state effettuate durante il primo trimestre di gravidanza. Dopo aver fatto il prelievo ematico, sono stati valutati i valori di DYS14 e GAPDH nel plasma materno, e quando il bimbo è nato, hanno avuto la conferma.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 3 Media: 2]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui