Home Benessere Sapone di Aleppo: preparazione, benefici e ricetta

Sapone di Aleppo: preparazione, benefici e ricetta

Scopriamo gli effetti benefici che il sapone di Aleppo dona al nostro corpo. Ricco di proprietà positive, questo sapone è adatto per la salute della pelle e per migliorare il nostro aspetto estetico. Vedremo anche i suoi utilizzi più comuni quest’oggi. Non rimane che incominciare allora quindi dobbiamo partire dalla domanda principale, ossia cos’è di preciso il sapone di Aleppo?

sapone-di-aleppo

Il sapone di Aleppo lo troviamo in 2 varianti ovvero liquido e solido. Si tratta di un sapone benefico ed è un cosmetico naturale. Al suo interno troviamo l’olio di alloro e quello d’oliva, 2 ingredienti utili per la nostra salute. Questo prodotto naturale è privo di conservanti, additivi chimici etc.

Il sapone di Aleppo è biodegradabile al 100% e lo possiamo comprare in erboristeria. Naturalmente anche le farmacie e le parafarmacie dispongono di questo particolare sapone nato per la cura del corpo. È un prodotto che può essere utilizzato per tre mesi circa dal momento della sua apertura.

Preparazione a livello industriale

Il sapone di Aleppo prevede vari passaggi per essere realizzato per poi essere venduto così come lo conosciamo noi oggi, le industrie devono eseguire un processo di lavorazione ottimale e adesso lo scopriremo da vicino in 6 passaggi:

  1. Prima di tutto occorrono le olive, queste vengono raccolte e in seguito sono messe a essiccare. Passati circa 12 mesi sono pronte per la lavorazione che porta poi al nostro amatissimo olio d’oliva. Per la precisione è nel mese di novembre che vengono raccolte le olive, inizia tutto questo lungo processo.
  1. Grazie al calore che viene ottenuto dal legno di olivo, l’olio viene cotto e mescolato utilizzando degli emulsionatori.
  1. Dopo diversi giorni i produttori aggiungono l’olio di alloro, in seguito l’acqua e l’idrossido di sodio, quest’ultimo ha la funzione di far diventare il prodotto iniziale, il sapone di cui parliamo oggi. Per quanto riguarda le percentuali di olio di alloro non sono sempre le solite ed è anche questo chiaramente che va ad interferire con la qualità.
  1. Occorro diverse settimane prima che il sapone sia pronto, in pratica deve solidificare e sono necessari anche dei supporti appropriati per questo passaggio.
  1. Quando il sapone sarà solido significa che è pronto per il processo dove verrà suddiviso (con la tagliatura) in tanti panetti. A seguire viene aggiunto il timbro, quello dell’azienda che lo ha realizzato.
  1. Per concludere il sapone viene fatto essiccare, ovvero deve rimanere del tempo in magazzini di stoccaggio. Passato il tempo necessario, il sapone di Aleppo sarà pronto. In quest’ultimo fase cambia colore, ossia prima era verde in seguito diventa giallo paglierino.

I benefici del sapone di Aleppo

Dopo che abbiamo visto la preparazione a livello industriale di questo sapone, dobbiamo assolutamente scoprire i vantaggi che sono stati riscontrati sul corpo umano in merito al suo impiego più o meno costante. Questo prodotto è ricco di proprietà cosmetiche che sono utili per la pelle e per la nostra bellezza. Iniziamo dicendo che è un potente antiossidante e quindi ritarda l’invecchiamento della pelle. Si dimostra idratante, di conseguenza è ottimo il suo uso topico. Offre una forte azione antibatterica e questo è tutto a vantaggio della nostra pelle.

Contro le infiammazioni cutanee è un validissimo prodotto naturale, tutto merito delle sue proprietà antinfiammatorie. L’effetto lenitivo si occupa di contrastare il dolore inerente alle infiammazioni. Lo stesso vale per le infezioni di natura batterica. Il sapone di Aleppo è anche un perfetto detergente e disinfettante.

Oltre ai benefici appena citati, questo sapone può essere utilizzato da coloro che si dimostrano intolleranti o allergici verso alcune sostanze di natura chimica che troviamo nei profumi.

Nel campo della cosmetica trova spazio per la cura della pelle grassa, ottimo come struccante, per stimolare la cicatrizzazione (in merito alle ferite lievi), un valido detergente per l’igene intima e molto altro ancora.

Altri suoi impieghi: l’igiene dei neonati, depilazione (da utilizzare prima), detergente che rallenta l’invecchiamento.

Sapone di Aleppo: ricetta casereccia

Qui di seguito vediamo la preparazione casalinga per creare il sapone di Aleppo. Come ingredienti necessari occorrono 1 litro d’olio di oliva, 185 grammi di infuso d’alloro assieme a delle foglie (almeno 2 manciate) e per finire 125 grammi di soda caustica. Si possono utilizzare 2 metodologie per questo procedimento, ovvero la preparazione a caldo oppure a freddo. Vediamo subito la prima:

  • Il primo passaggio serve per ottenere l’olio di alloro, quindi prendere le foglie di questa pianta e introdurle dentro un contenitore e in seguito aggiungere 500 ml d’olio di oliva. Occorrono 2 settimane di riposo e il contenitore deve rimanere al sole o comunque in un posto caldo.
  • Per il secondo passaggio concentrarsi sull’infuso di alloro. Acqua bollente alla quale devono essere unite le foglie di alloro, appena l’infuso è pronto aspettare che la sua temperatura sia pari a 40°. In seguito unire alla soda caustica facendo molta attenzione nel versarlo lentamente. Mescolare con cautela il tutto durante il procedimento.
  • Adesso è giunto il momento di riscaldare l’olio di alloro e quello di oliva con il metodo a bagnomaria. È importante che l’acqua raggiunga i 40°. Successivamente unire queste 2 miscele ma solamente quando presentano la solita temperatura. Dopo un’accurata mescolata, introdurle nel mixer e frullarle per un po’.
  • È necessaria una cottura di circa 2 ore con il metodo a bagnomaria. Passato il tempo necessario è possibile versare negli stampi il sapone. Dovranno passare almeno 72 ore in modo che il tutto si solidifichi bene. Solamente dopo si potrà tagliare il sapone di Aleppo fatto in casa inoltre utilizzare dopo 6 mesi che è stato essiccato (dal momento del taglio).

Il metodo a freddo con il quale si può ottenere questo tipo di sapone è identico alla preparazione a caldo, cambia solamente che in quest’ultimo non serve la bagnomaria. In pratica lo si versa negli stampi dopo che è stato frullato nel mixer.

NB. Il sapone di Aleppo non presenta effetti collaterali o controindicazioni, ma bisogna prestare attenzione solamente al contatto diretto con gli occhi. Questo perché può causare bruciore e irritazione. Chiaramente è un sapone e perciò non deve essere ingerito.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 3 Media: 2.3]
ClaudiaL
Appassionata di dieta, alimentazione, benessere e rimedi naturali. Curiosa quanto basta per tenermi sempre aggiornata e creare contenuti che possono rivelarsi utili agli altri!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui