Salute delle donne: orgasmo precoce

eiaculazione-precoce1

Fino ad oggi si conosceva la problematica relativa all‘orgasmo precoce negli uomini, ma da qualche anno a questa parte è arrivata una nuova disfunzione per le donne. Stiamo parlando dell’orgasmo precoce, un disturbo che esiste da sempre ma che viene trattato solo ora.

Pensate che il 40% della popolazione mondiale soffre di orgasmo precoce e per il 3% di queste donne il problema può diventare addirittura cronico. Di questi disagio soffrono molte donne che spesso per vergogna preferiscono non parlarne, visto che il disturbo è associato all’eiaculazione precoce maschile.

Esiste una netta differenza tra i due disturbi, infatti, il disturbo degli uomini è descritto nel manuale di diagnostica estimata della salute mentale, mentre per le donne non è considerato così catastrofico. Pensate che il primo studio sull’orgasmo precoce femminile è stato condotto dall’Ospedale magallhaes Lemos di Porto, in Portogallo.

I risultati delle analisi sono stati pubblicati su Science Daily, secondo gli scienziati che hanno condotto le analisi, pare che nella vita sessuale di una donna, l’orgasmo precoce si presenta almeno una volta, visto che il 3% della popolazione femminile è predisposto a raggiungere troppo presto l’orgasmo.

Ovviamente per avere dei risultati ufficiali, gli esperti del settore hanno distribuito un questionario di donne con età compresa tra i 18 e i 45 anni per un totale di510 persone. Il 40% ha dichiarato di aver provato durante la propria vita sessuale, almeno una volta l’orgasmo prima di quanto desiderassero.

Il 14% racconto di avere avuto sporadiche esperienze, mentre il 3% risponde ai criteri di una disfunzione dovuta a questo disturbo. Una delle partecipanti alla ricerca, ha spiegato la sgradevole sensazione provata dopo un episodio di orgasmo precoce. Un forte disagio che spinge ad interrompere il rapporto con un conseguente cambio di umore e sensazione di malessere psicologico.

Una seconda ricerca è stata effettuata sempre nell’ambito della sfera sessuale femminile e riguarda l’effettivo calo di desiderio sessuale collegato al mal di testa. Per alcuni uomini si tratta solamente di una scusa, in realtà pare essere un problema reale. Il 90 per cento delle donne che soffriva di emicrania o cefalea, ha dichiarato di avere una vita sessuale inferiore agli standard.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 2 Media: 4]