Sai che variare le flessioni aiuta a migliorare l’allenamento?

Quando l’allenamento diventa scontato e noioso è preferibile considerare di variare luogo in cui svolgere la sessione e variante dell’esercizio. Le flessioni rappresentano uno degli esercizi più utilizzati per tonificare e rafforzare non solo i muscoli delle braccia ma di tutta la parte superiore del corpo, soprattutto in assenza di particolari attrezzature.

Come variare le flessioni- foto mejorconsalud.com

I piegamenti sulle braccia o push-up a corpo libero promettono di coinvolgere bicipite, tricipite, pettorali e addominali. Il più delle volte, i programmi di allenamento includono un paio di serie da 15 flessioni tutti i giorni per allenare i gruppi muscolari superiori con costanza, rischiando di appiattire la sessione di workout con esercizi statici e poco divertenti.

Quello che bisogna fare per non rinunciare a un allenamento completo e definire il corpo è quello di riconsiderare le flessioni per allenare i muscoli interessati in nuove declinazioni. Ma come fare le flessioni?

  • Flessione classica – Chi è alle prime armi può provare a scendere progressivamente verso terra, fino a eseguire il piegamento sulle braccia alla perfezione.
  • Flessione con i guantoni da Box – Basta appoggiare prima una mano e poi l’altra, rigorosamente con il guantone per non farsi male.
  • Flessione coi pesi – Si tratta di una specie di piegamento al contrario che si realizza con il sollevamento di un peso alla volta.
  • Flessione sull’altalena – In una sessione outdoor è possibile approfittare di un parco giochi per fare una flessione in sospensione.
  • Flessione con la palla – È possibile reggersi sulla palla per procedere con il piegamento verso terra, mantenendo un certo equilibrio.
  • Flessione con la gamba sollevata – Non bisogna far altro che sollevare una gamba e provare a compiere il piegamento.
  • Flessione con le ginocchia a terra – I neofiti possono provare a compiere i primi piegamenti con qualche serie con le ginocchia per terra.
  • Flessione con la panchina – Dopo aver fatto una corsetta, si può scegliere una panchina e procedere con qualche flessione, facendo attenzione a reggersi bene con le braccia piegate sul bordo della panchina.
  • Flessione contro la parete – Il principio è lo stesso, semplicemente il piegamento non viene realizzato per terra ma contro il muro.

Queste semplici idee possono variare notevolmente il modo con cui si fanno i piegamenti sulle braccia, stimolando così la voglia di continuare ad allenarsi e mantenersi in forma.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

Myriam Amato

Informazioni sull'autore
Laureata in Informazione e sistemi editoriali, amante della cultura orientale e appassionata di benessere, salute e fitness.
Tutti i post di Myriam Amato