Home Al Femminile Roche, prodotti farmaceutici

Roche, prodotti farmaceutici

Roche è una delle aziende farmaceutiche più importanti di tutto il mondo. Ma qual è la sua storia? Perché venne fondata?

Image_3

Roche prende il nome da Fritz Hoffmann-La Roche, un imprenditore che credeva fermamente nella potenzialità del prodotto farmaceutico di marca, arrivando a definirlo il futuro stesso della medicina.

Fu Hoffmann-La Roche a riconoscere l’importanza di produrre a livello industriale quei farmaci che permettono ogni giorno di lottare contro le più diverse malattie. E su questo principio, sulla base di un desiderio profondo di voler aiutare gli altri, fondò Roche.

E’ stato incredibile lo sviluppo dei vari farmaci biotecnologici. Essi hanno permesso a milioni di persone in tutto il mondo trattare patologie, risolvere problemi, malattie gravi come il cancro, la sclerosi multipla e varie patologie autoimmuni. Con i farmaci biotecnologici è stato possibile prevenire o trattare malattie rare e molti individui sono stati salvati.

In soli tre minuti di storia, tutti racchiusi in questo video, ecco che l’azienda Roche si apre a noi.

Si è posta infatti come obbiettivo non solo quello di far comprendere un po’ meglio la natura del proprio lavoro, ma anche di aiutare le persone a comprendere la storia, il metodo di azione e lo sviluppo dei farmaci biologici.

Image_2

Come si può apprendere dalla loro pagina di approfondimento, che potete leggere qui, la natura del farmaco è si quella che tutti noi conosciamo, cioè il curare o prevenire malattie. Tuttavia l’azienda Roche vuole andare in profondità ed è per questo che inizia a parlare di principi attivi e eccipienti, spiegando come i primi permettono di curare il disturbo mentre i secondi servono ad aiutare l’organismo ad assorbire il principio attivo, evitare che questo venga compromesso da sostanzhe chimiche o mascherare odori particolari.

Un interessante approfondimento da parte di Roche che ci spiega la natura dei prodotti biogarmaceuti. Un argomento che non dovremo perdere l’occasione di approfondire.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui