Ritrova la linea e brucia calorie con la camminata: ecco come!

camminata

Camminare è una delle attività che più fanno bene all’organismo, a dirlo sono i medici e gli studiosi di tutto il mondo che da sempre raccomandano ogni giorno di fare un po’ di movimento per rimanere in forma ed in salute più a lungo. Con l’arrivo della bella stagione, le giornate di sole e gli abiti estivi, viene ancora più voglia di farsi una bella camminata all’aria aperta in un giardino pubblico oppure, ancora meglio, al mare sulla spiaggia. La camminata infatti non solo aiuta a prevenire tantissime malattie, a rimanere in forma, ma permette anche di bruciare un numero considerevole di calorie senza affaticarsi per niente. Per questo motivo moltissimi dietologi consigliano come attività fisica per dimagrire proprio la camminata.

Si rimane davvero stupiti nello scoprire quante calorie si possono bruciare con una semplice camminata all’aria aperta. A dimostrare l’efficacia di questo metodo dimagrante e remise en forme, sono stati tantissimi studi internazionali, tra cui ad esempio quello che è stato condotto da Claudio Maffeis, un docente di clinica pediatrica dell’Università di Verona. Nel suo studio Maffeis ha addirittura dimostrato che camminare può aiutare decisamente a far perdere molto più peso rispetto alla corsa. Infatti anche se è vero che lo sforzo nella camminata è meno intenso è anche vero che quando si decide di fare una camminata si riesce a praticare l’attività fisica per molto più tempo e in modo molto più costante. Secondo alcuni esperti che hanno studiato la camminata come metodo di cura del corpo e di dimagrimento l’andatura perfetta per rimanere in forma è quella che si aggira intorno ai 4 Km/h. In tal modo si brucia un pacchetto di calorie in cui il 40 per cento sono costituite da grassi, che permettono di ottenere un dimagrimento ottimo. Il consiglio perchè la cura della camminata si efficace è quello di non camminare mai meno di 30 minuti consecutivi, in modo da stimolare in modo continuo ed efficace il metabolismo e bruciare molti più grassi.

A questo punto viene da chiedersi quante calorie si possono bruciare con una camminata. Gli studiosi hanno saputo rispondere anche a questo quesito, ad esempio infatti una camminata a passo moderato, con una distanza percorsa pari a circa 800 metri fatti in 10 minuti, le calorie che vengono perse camminando sono pari a circa 35, mentre se il passo è particolarmente sostenuto le calorie bruciate arrivano a 42. Quindi facendo un breve calcolo se si decide di camminare per almeno un’ora con un passo spedito, si potrebbero bruciare fino a oltre 300 calorie.

La camminata dunque potrebbe essere un ottimo sport per tutti coloro che per via del tempo o della pigrizia non praticano mai sport. Gli studiosi infatti hanno sempre sottolineato come quest’ultimo sia fondamentale per rimanere in salute, ma nonostante ciò l’ultimo rapporto dell’Istituto superiore di sanità ha evidenziato come un italiano su tre è sedentario.A questi si aggiungono quegli italiani ( un ulteriore 37% di connazionali) i quali praticano un’attività fisica talmente modesta che si colloca molto lontana dai parametri previsti dalle linee guida riconosciute a livello internazionale ossia 30 minuti di attività fisica al giorno, almeno cinque volte la settimana.

Proprio a questa categorie di persone si è rivolta la ricerca dell’Università dell’East Anglia di Norwich, in Gran Bretagna, pubblicata sull’International Journal of Clinical Practice che ha evidenziato come grazie alla camminata si può non solo dimagrire, ma anche prevenire ben  24 malattie. I ricercatori inglesi hanno elaborato tutti i risultati di 40 studi che sono stati compiuti tra il 2006 e il 2010 da varie università e istituti ed infine hanno stilato l’elenco di 24 patologie che si possono prevenire con l’attività fisica praticata con la semplice camminata.

Ecco allora la lista delle principali malattie che si possono prevenire con una camminata:
• malattie cardiovascolari (infarto, ipertensione arteriosa, ischemia);
• diabete di tipo 2;
• obesità;
• depressione;
osteoporosi;
• problemi di erezione;
• malattie degenerative del cervello (demenza senile, Alzheimer);
• alcuni tipi di tumore (soprattutto forme particolare come il cancro alla prostata e al colon-retto).

I ricercatori hanno poi diffuso alcuni consigli pratici per sfruttare questa proprietà della camminata e prevenire le malattie in modo semplice e poco costoso:

• per gli adulti fino ai 65 anni si consiglia di praticare 150 minuti a settimana di camminata, ossia all’incirca mezz’ora per cinque giorni su sette
• chi svolge in modo abituale altri sport come jogging e mantiene un ritmo di passi più elevato può praticare la disciplina per 20 minuti tre volte la settimana;
• le persone anziane, a meno che non ci siano delle controindicazioni gravi, non devono assolutamente mai smettere di muoversi;
• per aumentare i benefici dell’attività fisica svolta con la camminata si consiglia di non fumare e seguire una dieta equilibrata.

 

Per approfondimenti

camminare riduce la fame e i chili di troppo

previeni le malattie e tieniti in forma camminando

 

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 0 Media: 0]