Home Integratori Alimentari & Cosmetici Proteine della soia: cosa sono e a cosa servono

Proteine della soia: cosa sono e a cosa servono

La dieta vegana o l’intolleranza al lattosio possono portare a un calo dell’apporto proteico. Le proteine vegetali come le proteine della soia possono essere d’aiuto!

Semi di soia- foto pixabay.com

I semi di soia presentano un elevato contenuto di proteine (circa il 37% del peso a secco) e un mix di grassi polinsaturi e glicosidi.

La soia può essere consumata sotto forma di chicchi interi oppure prodotti come latte di soia, tofu e tempeh. Il legume può essere trasformato anche in un integratore proteico di un’origine vegetale.

Gli integratori a base di proteine di soia diventano indispensabili per sostenere l’organismo ed evitare situazioni di carenza.

Benefici 

Palestra- foto pixabay.com

Possiamo dire a grandi linee che i benefici delle proteine di soia sono legati a doppio filo alle caratteristiche del legume. Quali sono i principali effetti sull’organismo?

  • Muscoli – Il profilo amminoacidico sostiene la costruzione dei muscoli e quindi le proteine della soia sono ideali per il bodybuilding, anche se si può dire che tra le proteine della soia o del latte è meglio preferire le seconde per tale scopo.
  • Peso – Una dieta iperproteica potrebbe favorire la perdita di peso e per questo anche le proteine della soia sono perfette per dimagrire.
  • Benessere – I benefici per la salute sono molteplici, dalla riduzione del colesterolo LDL al miglioramento dell’assorbimento della vitamina D.

Proteine della soia

Piatto proteico- foto pixabay.com

Nell’ambito degli integratori si possono classificare tre tipi di integrazione in base al grado di raffinazione: proteine isolate, proteine concentrate e proteine strutturate.

Proteine isolate della soia

Le Soy Protein Isolate o SPI rappresentano la qualità più raffinata delle proteine ricavate dai semi di soia.

Gli integratori di proteine della soia isolate presentano un valore proteico più alto rispetto a quello presente nei semi secchi.

Il perché risiede nella lavorazione  a scambio ionico e microfiltrazione che da un lato aumenta il carico proteico mentre dall’altro lato annienta la presenza di lipidi e glicidi.

Va da sé che integratori con questo genere di caratteristiche possono aumentare l’assetto proteico dei cibi e sostituire la carne.

C’è da dire che le proteine isolate della soia in polvere vengono usate nel settore alimentare per produrre cereali da colazione, dolci, latticini, salse e zuppe.

Proteine concentrate della soia

Le proteine concentrate presentano una buona percentuale di proteine, una parte di fibre e un contenuto ridotto di zuccheri.

Questo tipo di proteine in polvere della soia può essere usata per aumentare la quota proteica degli alimenti, trattenere liquidi e lipidi e migliorare la funzionalità dell’apparato.

Proteine di soia strutturata

Le proteine strutturate TSP o proteine vegetali testurizzate TVP si presentano come prodotti alimentari sostitutivi della carne.

Dall’hamburger vegetali al ragù vegetariano, infatti, la soia e le sue proteine vengono utilizzate nei piatti vegetariani.

Come usare le proteine della soia

Frullato- foto pixabay.com

Solitamente si trovano sotto forma di integratori, polveri, prodotti per capelli e formule dedicate allo sport in qualsiasi negozio specializzato (es. proteine della soia Decathlon) o e-commerce fornito.

  • Polvere – Le proteine di soia in polvere possono essere usate per aumentare la carica proteica di frullati, pietanze varie e passati di verdure.
  • Integratori – Gli integratori alimentari sostengono il benessere del corpo quando non si può o non si riesce a consumare pasti solidi.
  • Prodotti per capelli – L’abbinamento di principi attivi di origine vegetale e le proteine della soia è positivo suoi capelli: ostacola la caduta dei capelli, protegge il cuoio capelluto e dona volume.
  • Formule per lo sport – Gli sportivi possono sfruttare le proteine della soia per sostenere il post-allenamento e velocizzare il recupero muscolare.

Le proteine isolate e non della soia fanno male?

Ipotiroidismo- foto pixabay.com

Le proteine della soia fanno male? No, se si sa cosa evitare e come assumere le formule integrative e i prodotti addizionati.

Proteine isolate e non della soia e ipotiroidismo. Anche le migliori proteine della soia possono minare con il metabolismo dello iodio e aumentare le disfunzioni ormonali causati dalla cattiva funzionalità tiroidea.

In ultimo, ma non per importanza, le proteine in polvere della soia potrebbe avere controindicazioni in caso di gravidanza o allattamento.

Essenzialmente le proteine della soia nelle controindicazioni segue le stesse indicazioni dell’uso di soia con i suoi effetti collaterali e le sue limitazioni.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui