Presenza filamenti di muco nelle urine uomo e donna: cosa significa, cause, sintomi e come si cura

La presenza di muco nelle urine è fisiologica, ma quando diventa eccessiva a tal punto da renderle i filamenti di muco visibili a occhio nudo potrebbe nascondere un problema. Scopriamone di più!

Quella sostanza dalla consistenza vischiosa e collosa e dal colore bianco-giallognolo presente nelle urine è il segno di una corretta lubrificazione delle membrane del corpo.

Le cose cambiano quando le tracce di muco nelle urine non è riscontrabile più soltanto al microscopio, ma viene individuata a occhio nudo e in più assumono un colore scuro ed emanano un cattivo odore.

Un eccesso di filamenti di muco nelle urine può nascondere problemi al tratto urinario (es. irritazioni, infiammazioni o infezioni).

A cosa serve il muco?

Il muco è una sostanza prodotta dalle membrane mucose del corpo con lo scopo di inglobare gli agenti estranei, ripulire le mucose e mantenere la funzionalità dei distretti (apparato digerente, sistema respiratorio, distretti oculari e apparato uditivo).

Un certo quantitativo di muco viene prodotto anche dall’apparato genitale e dal tratto urinario a livello fisiologico, ma una condizione irritativa delle mucose potrebbe portare a una produzione eccessiva e a un cambio di aspetto (copiose, scure e maleodoranti).

La presenza di filamenti di muco nelle urine cosa significa? Nella donna arriva quando ci sono infiammazioni o infezioni al tratto urinario e si accompagna spesso a prurito, bruciore e dolore.

Al contrario i filamenti di muco nelle urine nell’uomo, essendo meno frequente, segnala l’esistenza di un problema.

Muco nelle urine: Cause

Le cause della presenza eccessiva di filamenti di muco nelle urine nella donna e nell’uomo possono essere di origine patologica e non patologica.

Cause non patologiche

  • Scarsa igiene – La scarsa igiene delle parti intime o della zona anale può comportare alla proliferazione batterica e quindi un’infezione delle vie urinarie.
  • Mancato svuotamento del retto – Lo svuotamento incompleto del retto può causare un aumento dei batteri e facilitare il loro arrivo nel tratto uro-genitale.
  • Svuotamento incompleto della vescica – Non riuscire a svuotare completamente la vescica o trattenere l’urina promuove la proliferazione batterica e predispone all’infezione.
  • Gravidanza – La secrezione vaginale fisiologica può diventare copiosa a seguito dell’attività della cervice uterina durante la gravidanza. Pur essendo normale il muco nelle urine in gravidanza, non si può escludere completamente la presenza di un’infezione al tratto uro-genitale.
  • Ovulazione – Spesso la causa del muco nelle urine è l’ovulazione e si riconosce come muco cervicale.

Cause patologiche

  • Infezioni al tratto uro-genitale – Le infezioni genitali provocate da clamidia, gonorrea e altre malattie veneree coinvolgono il tratto uro-genitale e causano muco eccessivo, bruciore e dolore.
  • Calcoli renali – In caso di calcoli renali, il corpo prova a espellere questi agglomerati di minerali producendo una maggiore quantità di muco.
  • Sindrome dell’intestino irritabile – Questo disturbo determina gonfiore e dolore addominale, meteorismo e diarrea o stitichezza. In molti casi causa la presenza eccessiva di muco nelle feci e nelle urine.
  • Colite ulcerosa – La malattia infiammatoria cronica causa lacerazioni che a loro volta provocano sanguinamento e versamento del muco nell’intestino. Il risultato è l’insorgenza di dolore a livello addominale, diarrea e perdite di muco nelle feci e nelle urine.

Sintomi

Un eccesso di muco presente nelle urine è già di per sé un sintomo associabile ad altre condizioni (patologiche o non patologiche). Tuttavia potrebbe essere accompagnato da altri sintomi.

Tra i sintomi correlati ci sono la necessità frequente di urinare, il fastidio in fase di minzione e il dolore a livello addominale.

Diagnosi

La diagnosi della presenza di muco nelle urine avviene a seguito di un esame delle urine, un’analisi citologica delle urine e una urino-coltura.

Soltanto dopo aver individuato l’agente patogeno responsabile dell’infezione o la causa del problema, quindi, è possibile iniziare il trattamento giusto.

Muco nelle urine: Come si cura

In caso di filamenti di muco nelle urine è necessario individuare la causa che ha scatenato tale condizione e seguire la cura ad hoc.

Per esempio, gli antibiotici si rivelano utili in caso di infezione alle vie urinarie mentre gli antispasmodici e gli antidolorifici riescono a trattare i calcoli renali.

È necessario svuotare completamente la vescica e il retto e cambiare le abitudini di igiene delle parti intime e della zona anale (es. lavando sempre le mani, sfruttando prodotti specifici e usando asciugamani puliti).

In caso di muco nelle urine non ci sono rimedi naturali veri e propri, ma l’alimentazione può essere considerata un valido alleato. Cosa fare? È necessario ridurre il sale per sostenere la funzionalità renale; evitare i cibi grassi e zuccherati per non “nutrire” i batteri; eliminare i cibi irritanti per non peggiorare i sintomi correlati alle infezioni; consumare i cibi ricchi di potassio per promuovere l’attività renale; bere molta acqua.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

Myriam Amato

Informazioni sull'autore
Laureata in Informazione e sistemi editoriali, amante della cultura orientale e appassionata di benessere, salute e fitness.
Tutti i post di Myriam Amato