Home Integratori Alimentari & Cosmetici Preparati a base di pioppo nero: cosa sono e a cosa servono

Preparati a base di pioppo nero: cosa sono e a cosa servono

La natura ci fornisce piante officinali in grado di mantenerci in salute, qualcosa da trasformare in un rinforzo. Scopriamo il pioppo nero.

Pioppo nero- foto pixabay.com

Non è una novità che il mondo degli integratori naturali sfrutti le proprietà dei doni di Madre Natura per sostenere l’organismo. Il pioppo nero non fa eccezione.

Iniziamo col dire che il pioppo nero vanta una simbologia ancorata al regno dei morti, dall’albero di Persefone alla trasformazione di Fetonte.

Tornando al presente, possiamo dire che il Populus Nigra L. è una pianta della famiglia delle Salicaceae e originaria della Turchia e dell’Iran utilizzata per gestire bronchite, nevralgia ed emorroidi.

In realtà questa pianta cresce spontaneamente e/o viene coltivata anche in Italia in terreni umidi e zone fredde.   

Oltre a poter raggiungere i 30 m di altezza e vivere oltre tre secoli, gli amenti di pioppo nero sono sessuati, la corteccia è rugosa e le foglie sono alterne.

In ultimo, ma non per importanza, il pioppo nero vanta un frutto a forma di capsule bivalvi.

Varietà di pioppo

Pioppo tremulo- foto flickr.com

Esistono varie specie di pioppo, oltre al Populus Nigra L., tra le quali spiccano il pioppo bianco (Populus Alba L.) e il pioppo tremulo (Populus tremula L.)

Da un lato il pioppo bianco ha foglia e parte inferiore della corteccia giallo chiaro e parte superiore color verde scuro mentre dall’altro lato il pioppo tremulo è caratterizzato da foglie leggere.

Dal canto suo, invece, la foglia di pioppo nero e la corteccia sono tendenti al grigio, le gemme scure e vischiose diventano infiorescenze sessuate e i frutti presentano capsule bivalvi.

Infine per quanto riguarda la sua moltiplicazione ricordiamo il legame tra il pioppo nero e la talea (ramo provvisto di gemma che si rigenera).

Pioppo nero: Proprietà

Foglia di pioppo- foto pixabay.com

Le proprietà di questo pioppo sono legate ai principi attivi contenute nei rami e nelle gemme, primi tra tutti olio essenziale, flavonoidi, tannini, resine, glucosidi, salicina e acido gallico.

  • Emorroidi – Le sostanze con potere antisettico e sedativo si rivelano efficaci in caso di comparsa di emorroidi.
  • Reumatismi – L’azione antisettica e antinfiammatoria riesce a lenire i dolori reumatici e artritici.
  • Bronchite – Le proprietà balsamiche e anticatarrali agiscono contro i problemi del sistema respiratorio come la bronchite.
  • Nevralgia – I principi attivi contenuti sviluppano un’azione calmante che permette di far sparire nevralgia e mal di testa.

Preparazioni a base di pioppo nero

Impacchi- foto pixabay.com

Il pioppo nero può essere acquistato in erboristeria, farmacia e negozi online sotto forma di unguento, tintura madre, estratto secco o sciroppo.

Uso esterno

È possibile usare il preparato per creare un impacco esterno dall’azione astringente e antinfiammatoria.

Non bisogna far altro che preparare un decotto con 5 grammi di gemme tritate e corteccia e una tazza di acqua, farlo raffreddare, immergere un panno pulito e applicare l’impacco sulla zona interessata.

In alternativa si può usare un “unguento populeo”, vale a dire un composto farmaceutico a base di Populus Nigra L. e altre piante officinali ideale per lenire i dolori.

Uso interno

Se si intende agire con l’albero pioppo nero dall’interno, invece, si può scegliere il decotto, la tintura madre o le gemme.

  • Decotto – Basta versare 2 grammi di gemme tritate in mezza tazza di acqua e bere un paio di tazzine durante il giorno in caso di febbre.
  • Tintura madre – In questo caso è possibile acquistare la tintura madre o preparare una tintura vinosa home made con 5 grammi di preparato, 100 ml di vino rosso e 10 giorni di macerazione).
  • Gemme – Le gemme diluite in mezzo bicchiere di acqua (una volta al giorno) possono essere usate per calmare la tosse e gestire l’infiammazione del bronchi.

Pioppo nero: Controindicazioni

L’uso di preparati a base di Populus Nigra L. non presenta particolari effetti collaterali.

In linea di massima viene sconsigliato in caso di allergia all’aspirina (acido salicilico), gravidanza o allattamento, età inferiore ai 12 anni e periodo di disintossicazione dall’alcool.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui