Home Rumors Come prepararsi alla Maratona di New York 2017?

Come prepararsi alla Maratona di New York 2017?

La maratona di New York è un evento annuale unico nel suo genere: migliaia e migliaia di corridori e 42 chilometri e 195 metri da percorrere. Ma come arrivare a gareggiare da non professionista?

Come prepararsi alla Maratona di New York 2017?- foto abc7ny.com

Gli amanti del running si trovano a percorrere un iter che copre i cinque distretti di New York: Staten Island, Brooklyn, Queens, Manhattan e Bronx.

Partecipare all’impresa non è cosa da poco, soprattutto per i non professionisti. L’essenziale è cercare di arrivare preparati allenandosi con costanza durante i mesi che precedono la maratona di New York 2017.

Come prepararsi alla maratona di NY?

Come prepararsi alla maratona- foto blog.unisalute.it

Ovviamente chi inizia da zero e vuole partecipare a una delle più importanti maratone degli Stati Uniti deve tener presente che occorrono circa 7-8 mesi per una prepararsi ad hoc.

Gli appassionati di running, invece, possono creare un allenamento che li aiuti step by step a percorrere distanze sempre più lunghe, come per l’appunto quella della maratona per eccellenza. Superare il traguardo dei 30 chilometri in allenamento significa essere in grado di partecipare all’evento senza intoppi o rischi.

Un allenamento ottimale deve tener presente il percorso della maratona, un iter fatto di salite e ponti. È necessario potenziare la forza di quei distretti muscolari che verranno sollecitati con la corsa: caviglie, polpacci, glutei e schiena.

Una volta organizzato il programma di allenamento per partecipare alla maratona di New York è fondamentale partire con una cadenza di 3 allenamenti settimanali, specialmente se non si è mai affrontata una tale distanza.

Come si organizza un allenamento di questo tipo? Basta iniziare 5-6 mesi prima e variare le sessioni tra ripetute, fondo medio e lento per abituare corpo, mente e gambe a coprire la distanza di 42 chilometri e 195 metri.

In fase di allenamento è preferibile non superare i 34-36 chilometri per non sovraccaricare il fisico durante la preparazione ed evitare di toppare nella gara vera e propria. Non bisogna dimenticare che correre per 42 chilometri significa esaurire molte energie e lasciare spazio a una fase di ripresa di circa 15 giorni, un lasso di tempo in cui si perdono ore preziose di allenamento.

Una sessione di allenamento costante e mirata deve prevedere di fatto dei momenti di riposo attivo ovvero un tempo di recupero in cui nuotare, andare in bici e fare una passeggiata consentono di mantenere il fisico attivo e allenato per la New York City Marathon.

Forse non si riuscirà a concorrere per stabilire un nuovo record della maratona di New York, ma è possibile lavorare sulla preparazione fisica e provare a completare la corsa che si terrà come sempre nella prima domenica di Novembre.

Maratona di New York: vincitori italiani

Ricordiamo che nulla è impossibile. Di fatto sono quattro gli italiani che hanno tagliato per primi il traguardo della Maratona di New York: Orlando Pizzolato (1984 e 1985), Gianni Poli (1986), Giacomo Leone (1996) e Franca Fiacconi (1998).

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui