Pigrizia vs Cellulite: combattere il problema in casa.

D’ inverno si sa, uscire a far attività fisica è impresa di pochi eletti. Ma lo specchio non mente e i segni della sedentarietà si fanno notare su glutei e cosce. Molte donne credono che la cellulite sia dovuta solo ad un fattore genetico e sia inutile provare a  combatterla. Niente di più errato! Che ci sia una base genetica è ormai noto, ma i suoi effetti si possono ridurre notevolmente con pochi e semplici accorgimenti.

Non bisogna trascurare l’alimentazione: “per eliminare liquidi, bisogna assumere liquidi”. Col freddo l’istinto della sete cala, ma vi si può porre rimedio con tisane specifiche (usando ad esempio il Ginkgo biloba) o con un semplice tè al limone (anche senza teina, per chi ne teme gli effetti neuro-stimolanti. Due tazze al giorno aiutano la diuresi ed eliminano il gonfiore. Accesso libero alle bontà dell’ orto. Con le basse temperature non c’è cosa migliore di un caldo minestrone in cui non possono mancare sedano, asparagi, cavolfiore e finocchio. E infine la frutta, da assumere sia cotta (mele o pere) sia sottoforma di centrifughe (come quella di mirtillo, ottimo vasodilatatore).

Purtroppo non si può affidare tutto il compito alla sola alimentazione. L’ attività fisica è importante e anche in casa si possono fare esercizi mirati mentre si guarda la televisione. Ci si può stendere su un tappetino e ruotare le gambe come se si stesse pedalando. Oppure appoggiarsi allo schienale di una sedia e, in piedi e a gambe unite, portare in dietro e in alto le gambe in maniera alternata. Non importa quanto si alzino le gambe, bisogna stare attenti a far contrarre i muscoli del glutei perché su di loro ci deve essere il massimo del lavoro. Non si hanno più scuse e, difficile a crederlo, la prova costume è alle porte. Meglio non farsi trovare impreparate!

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

Luca M.

Informazioni sull'autore
Ciao! Mi chiamo Luca, sono a capo della redazione di Sanioggi.it da quando il sito è stato lanciato, nell'inverno del 2011.
Tutti i post di Luca M.