Per evitare il mal di schiena usa il cuscino giusto!

cuscino-letto

 

Molto spesso il mal di testa e i dolori al collo possono derivare da un cattivo riposo ed in particolare da una tipologia errata di cuscino. Un cuscino infatti, per permettere di riposare bene durante la notte, non dovrebbe mai essere troppo alto, poichè in tal modo potrebbe portare  il collo, e di conseguenza il tratto del rachide cervicale, in una posizione troppo innaturale. E’ sconsigliato anche l’uso di un cuscino troppo basso, soprattutto per le persone che amano dormire in posizione supina, in tal caso il soggetto sarà costretto a piegare il capo all’indietro, tenendo sempre in tensione le vertebre e tutti i muscoli del suo collo.

L’altezza ideale è pari a circa 20 centimetri, con una larghezza di circa un metro, in modo da poter poi appoggiare in modo comodo le spalle e il capo senza dover cascare di lato durante il risposo nella notte. Infatti ogni modo di riposare impone alle vertebre dell’area cervicale con un superlavoro delle vertebre che il cuscino adatto può però compensare. Se invece sei abituato a dormire girato su un fianco, è meglio utilizzare un appoggio un po’ più alto, in modo da mantenere la testa in linea con la spina dorsale e non lasciarlo piegare sulla spalla.

I modelli ortopedici che sono adatti a problemi particolari, vanno scelti seguendo il consiglio personalizzato di un ortopedico. Vediamo allora qualche modello di cuscino che ci può aiutare a riposare meglio senza i fastidiosi mal di schiena e il torcicollo. Troviamo prima di tutto i guanciali sagomati che hanno una parte più alta in corrispondenza del collo e una molto più bassa sotto la testa. Questi cuscini sono utili per sostenere la posizione supina e sono perfetti per chi soffre di infiammazione ai dischi intervertebrali e di cervicale. Ottimo anche il cuscino a  rullo, da collocare sotto la curva lordotica del collo, in tal modo le vertebre si manterranno in lieve trazione in caso di cervicale. Buoni anche i cuscini rialzati ai lati del capo, perfetti in caso di artrosi cervicale. Il cuscino a forma di cuneo invece mantiene sollevato il torace e le spalle. Questo tipo di cuscino è un’ottima scelta per chi ha il dorso particolarmente incurvato (ipercifosi dorsale), per i soggetti asmatici (la leggera flessione anteriore del busto infatti facilita la respirazione) e per chi soffre di roncopatia (il russare) e per coloro che accusano delle apnee notturne ( ciò è dovuto al fatto che il cuneo attenua l’ostruzione della faringe e di tutti i tessuti molli del palato).

Molto importanti anche i materiali che compongono il cuscino, troviamo quindi i cuscini imbottiti di piume d’oca perfetti dal punto di vista del comfort, poiché sono sempre morbidi, ma mai troppo molli, sono particolarmente sconsigliati per asmatici e allergici, perché sono con facilità riempiti di acari. I cuscini possono essere anche imbottiti di gommapiuma e rappresentano una soluzione igienica per chi soffre soprattutto di riniti allergiche, infatti si mantengono liberi da microrganismi,però sono anche duri e possono provocare cefalea, vertigine e dolore alle orecchie soprattutto se si dorme su un lato, comprimendo tutti i recettori nervosi e le cartilagini. Un’altra pecca è il fatto che sono caldissimi d’estate. I cuscini in lattice sono una via di mezzo fra i primi due, sono lavabili, antiacaro, ma al contrario troppo rigidi in caso di dolori cervicali. I cuscini ad acqua sono riempiti con un liquido che si adatta ai cambi di posizione e da un grande comfort per il collo. Troviamo poi il cuscino con pula di grano, si tratta di un’imbottitura naturale che si pone intorno alla testa creando un’impronta personalizzata. Infine i cuscini in micro fibra grazie a questo materiale consentono la distribuzione dei pesi e di avere soprattutto un minor carico sul collo.

Per combattere mal di schiena e mal di collo è fondamentale anche il materasso giusto. Una cosa molto importante da ricordare è quella di operare una buona manutenzione del materasso, ciò è dovuto al fatto che notte dopo notte, il cuscino raccoglie su di sè le scaglie di pelle, gli acari e le muffe. Per questo motivo occorre scuoterlo ogni giorno ed esporlo all’aria, inoltre è fondamentale molto spesso lavarlo ed usare copricuscini in cotone sostituibili. Il cuscino dovrebbe essere cambiato infatti ogni anno o due, a seconda della quantità dell’usura.

Se soffrite di dolori dovuti a cervicale e lombalgia acquistate un materasso che possa fornire un adeguato sostegno attraverso doghe o rete, ed evitare allo stesso tempo infossamenti causati da materiali che siano troppo soffici. Smentite anche le credenze del passato secondo le quali il materasso ortopedico dovrebbe essere duro come una tavola di legno, poiché esso fa ancora più male alla schiena. A confermarlo è stato uno studio clinico pubblicato sulla rivista The Lancet, il materasso migliore da usare in questi casi è quello di media rigidità perché asseconda le curve della spina dorsale.

 

Per approfondimenti:

Hai mal di schiena? è colpa dei mobili

Mal di schiena: arriva il Qui Gong a contrastarlo

 

 

 

 

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 0 Media: 0]