Collegati con noi

Pane azzimo: proprietà, benefici e ricette della prima forma di panificazione

Pane azzimo: proprietà, benefici e ricette della prima forma di panificazione

Il pane azzimo si presenta come un pane non lievitato con un basso indice glicemico, un discreto apporto energetico e un buon fattore digeribilità. Si tratta del primo pane utilizzato nella storia perché prodotto dalla cottura di un impasto realizzato con la farina di un cereale e l’acqua.

Pane senza lievito- foto cure-naturali.it

È possibile definirlo come la prima forma di panificazione conosciuta dall’uomo realizzata con una preparazione molto rudimentale e una cottura elementare compiuta su pietre arroventate o tramite la cenere bollente. L’avvento del forno ha cambiato le caratteristiche base del pane senza lievitazione, fino a fargli assumere i tratti  arrivati sino ai giorni nostri: impiego di farine più raffinate e aggiunta di altri ingredienti per migliorarne il sapore (olio extravergine d’oliva, burro, erbe aromatiche e molto altro).

Il percorso del pane azzimo si è legato in modo indissolubile al credo religioso con molti riferimenti tanto nell’Ebraismo (nel libro dell’Esodo) quanto nel Cristianesimo (momento dell’Eucarestia).

Valori nutrizionali

Il contenuto di glutine del pane senza lievito dipende dal tipo di farina utilizzato: farina di frumento, orzo, Kamut e molto altro.

Il tratto caratteristiche di questo pane è il valore energetico, un carattere che prescinde dal tipo di farina utilizzata per preparare il pane azzimo. Le calorie sono pari a 377 per 100 grammi di pane non lievitato, ripartite come segue:

  • 87,1 carboidrati
  • 10,7 proteine
  • 0,8 lipidi

La disamina degli ingredienti delinea i contorni di un prodotto che non contiene grassi, soprattutto se si tratta di pane azzimo fatto in casa. I prodotti industriali, invece, vengono arricchiti con oli vegetali che hanno il compito di migliorare il fattore croccantezza ma che finiscono per aumentarne l’apporto calorico.

Pane azzimo: Proprietà

Proprietà pane azzimo- foto gastrite.net

Il pane a base di avena, orzo o frumento, essendo senza lievito, non subisce alcuna fermentazione. È per questo che si configura come un alimento perfetto per i soggetti che soffrono di intolleranza ai lieviti e persone che soffrono di disturbi digestivi legati alla presenza di lievito. E non solo.

Il livello energetico, il gusto e la croccantezza del pane azzimo nascondono importanti proprietà. Quali?

  • Pane azzimo e dieta – Questo alimento povero di acqua e ricco di fibre non viene digerito subito e questo conferisce un gran senso di sazietà.
  • Colesterolo – Le fibre presenti imprigionano il colesterolo e ne limitano l’assorbimento.
  • Glicemia – Fibre e amido contenuti contribuiscono a mantenere in equilibrio il glucosio presente nel sangue.
  • Gastrite – Non subendo il processo di lievitazione non genera gonfiori intestinali e meteorismo, fenomeni tipici degli altri lievitati.
  • Candidosi intestinale – Non peggiora la condizione di meteorismo e stitichezza dovuti all’accumulo di alcuni microrganismi come la Candida a livello dell’intestino e allo squilibrio della flora intestinale.

Controindicazioni

Il pane azzimo non conserva particolari controindicazioni o effetti collaterali, soprattutto se consumato nelle giuste quantità. Ciò detto è sempre preferibile non esagerare in alcuni casi:

  • Diabete – È consigliabile consumarlo con moderazione esclusivamente se preparato con farina integrale per evitare di creare scompensi di glucosio.
  • Celiachia – Se il pane azzimo viene prodotto con la farina di frumento non può essere assunto da soggetti celiaci.

Pane azzimo: ricetta base e varianti

Pane azzimo- foto freesenzaglutine.it

Ma qual è la ricetta del pane azzimo? La preparazione della ricetta base del pane senza lievito è semplice e può essere modificata semplicemente sostituendo il tipo di farina:

  • Pane azzimo ricetta originale – Basta impastare 500 g di farina con 250 ml di acqua e un pizzico di sale, magari usando una farina con una quantità di glutine leggermente inferiore come la farina di Kamut. L’impasto ottenuto deve essere lasciato a riposare per mezz’ora circa prima di divederlo in più parti e stenderlo sottilmente. E la cottura? Se avviene in padella servono pochi minuti per parte mentre in forno occorrono circa 10 minuti.
  • Pane non lievitato senza glutineCome fare il pane azzimo per i celiaci? La ricetta base può essere rivista in chiave gluten free semplicemente usando una farina senza glutine come quella di quinoa.
  • Pane integrale senza lievito – Non bisogna far altro che mischiare 200 g di farina 00, 200 g di farina di farro e 100 g di grano saraceno e procedere come si farebbe con la ricetta base.
  • Pane senza lievito con avena – È possibile usare la farina di avena per ottenere un pane con un maggior concentrato di fibre utile ad abbassare l’indice glicemico e un buon contenuto di lipidi.
  • Pane azzimo bimby – Tutte le amanti del robot da cucina possono riempire il boccale con 400 ml di farina, 220 ml di acqua, sale e 15 ml di olio, impastare il tutto a velocità “Spiga” per 3 minuti, far riposare per circa un’ora e procedere con la cottura in forno a 200° per 10 minuti.

Laureata in Informazione e sistemi editoriali, amante della cultura orientale e appassionata di benessere, salute e fitness.

Lascia un comento

Termini di ricerca:

  • pane azzimo benefici
  • pane azzimo senza glutine propieta

Non perderti questi consigli