Home Rumors Onicodistrofia e onicomicosi, le patologie delle unghie più comuni

Onicodistrofia e onicomicosi, le patologie delle unghie più comuni

Ogni anno cresce il numero di donne e uomini che si ritrovano con unghie spesse, frantumate e malaticce, un problema estetico che crea imbarazzo ma che nasconde una vera e propria patologia dell’unghia: onicodistrofia oppure onicomicosi?

Unghia malata- foto dermakos.it

Le alterazioni che coinvolgono le unghie delle mani o dei piedi possono essere causate da vari disturbi con origine diversa, primi tra tutti la distrofia ungueale (onicodistrofia) o l’infezione da funghi dermatofiti (onicomicosi).

I disturbi che possono colpire le unghie sono moltissimi e possono trovare origine in carenze alimentari, presenza di funghi, muffe o lieviti, malattie metaboliche, patologie sistemiche e malattie della pelle, oltre che nelle cattive abitudini di vita.

La diversità delle patologie dell’unghia non cambia il risultato finale: unghia malata, cambiamento strutturale e imbarazzo nel mostrarla in pubblico.

E così se l’unghia colpita dall’onicodistrofia perde il suo tipico aspetto sano, forte e brillante e subisce un cambiamento morfologico (variazioni di struttura, colorazione, uniformità della superficie e spessore) allora l’unghia attaccata da un fungo diventa opaca, si macchia e cresce spessa e irregolare.

Cause: onicodistrofia e onicomicosi a confronto

Il cambiamento della struttura e del colore dell’unghia segnala una condizione patologica di base che colpisce gli annessi cutanei e che coinvolge il corpo, un primo avviso che non deve essere sottovalutato.

Il riconoscimento delle cause dell’onicodistrofia e dei fattori che provocano l’onicomicosi può essere utile per inquadrare il problema e trovare il trattamento per far tornare le unghie in salute:

  • Onicodistrofia

L’alterazione morfologica può essere causata da mutamenti della matrice ungueale o delle strutture annesse, da carenze nutrizionali fondamentali per la costituzione dell’unghia (es. ferro) oppure da eventi traumatici (attività sportiva o uso di calzature compressive).

  • Onicomicosi

La micosi dell’unghie è legata a un’infezione da funghi dermatofiti (microorganismi capaci di penetrare nei tessuti ricchi di cheratina), muffe e lieviti che vivono in ambienti caldi e umidi e può essere favorita da traumi lievi e da crescita rallentata delle unghie (età avanzata, diabete, sistema immunitario basso, sudorazione eccessiva e malattie vascolari).

Come curare le patologie delle unghie

Non trascurare il cambiamento delle lamine ungueali permette di avere le unghie in salute non solo in vista dell’estate, giacché anche una sola unghia macchiata con struttura irregolare e che si rompe o sfalda facilmente può nascondere una patologia di base che non svanisce in modo naturale.

La cura delle problematiche delle unghie deve passare attraverso l’uso di trattamenti appositamente studiati per ripristinare la salute degli annessi cutanei: formulazioni sotto forma di smalti a base di una sostanza cheratolitica che ripristina la salute delle unghie oppure unguenti a base di estratti e oli vegetali capaci di proteggere e igienizzare le lamine.

In commercio esistono anche diversi dispostivi medici pronti a trattare le alterazioni delle unghie e prevenire le recidive attraverso un doppio effetto: promuovere la guarigione della lamina ungueale e proteggere da aggressioni esterne.


Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 1 Media: 5]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui