Home Integratori Alimentari & Cosmetici Olio di pesce, non solo Omega 3: proprietà, benefici e controindicazioni

Olio di pesce, non solo Omega 3: proprietà, benefici e controindicazioni

Abbiamo già parlato degli integratori Omega 3 come di prodotti contenenti acidi grassi essenziali dalle virtù antinfiammatorie, antiossidanti e metaboliche. Oggi approfondiamo l’argomento con un focus sull’olio di pesce come integratore!

Integratore Omega 3- foto m.monews.co.kr

L’olio di pesce è un integratore alimentare di acidi grassi essenziali ricavato dai prodotti di scarto dei pesci (trota, merluzzo, tonno, salmone e sardine).

La bollitura degli scarti e il processo di raffinazione punta a estrarre il meglio da interiora, teste, code e altro, considerando che i pesci non sintetizzano direttamente gli Omega 3, proprio come il corpo umano, ma li assorbono dalle microalghe e da tutto ciò di cui si cibano e li accumulano nei loro tessuti.

Acidi grassi

Colesterolo- foto improntaunika.it

Quando si parla di acidi grassi non si fa riferimento al grasso che si accumula nell’organismo a favore di aumento di trigliceridi, colesterolo e peso.

  • Trigliceridi – I grassi introdotti con il cibo vengono immagazzinati nello strato di grasso adiposo del corpo.
  • Colesterolo – Il grasso, trasportato al fegato attraverso il flusso sanguigno e successivamente tradotto all’intestino insieme al colesterolo prodotto dall’organismo attraverso la bile, contribuisce a numerose funzioni corporee.
  • Acidi grassi polinsaturi – Gli acidi DHA ed EPA si legano ai trigliceridi per impedirne l’accumulo nei vasi sanguigni e intervengono sulle proteine deputate al trasporto del colesterolo per evitarne un accumulo nel sangue.

Composizione chimica

Estratto pesce- foto maedemeninas.com.br

L’olio di pesce è conosciuto essenzialmente per essere una fonte ricca di acidi grassi Omega 3, ma di fatto contiene molti altri elementi importanti per l’equilibrio generale dell’organismo a fronte di un apporto calorico ridotto (9 Kcal per 10 grammi):

  • Ferro – Il ferro, contenuto nell’emoglobina, trasporta l’ossigeno a tessuti e organi e interviene nella sintesi di numerose sostanze.
  • Vitamina E – La vitamina antiossidante agisce a livello muscolare, vascolare e immunitario, l’ideale per il benessere generale.
  • Vitamina A – Questa vitamina è importante per la crescita ossea e il mantenimento della funzionalità visiva.
  • Vitamina D – La “vitamina del sole” risulta essenziale nei processi di sintesi di calcio e fosforo.
  • Vitamine del gruppo B – Le vitamine del gruppo B favoriscono i processi enzimatici, aiutano il metabolismo di proteine e grassi e trasformano i carboidrati in glucosio.
  • Iodio – Lo iodio svolge un’azione fondamentale per la formazione degli ormoni prodotti dalla tiroide.

Olio di pesce: Proprietà e benefici

Omega 3 benefici- foto hvatinn.is

L’articolo sugli integratori di Omega 3 ha chiarito le funzioni svolte da questi acidi grassi al livello chimico e biologico, ma l’olio di pesce non dovrebbe essere utilizzato soltanto come fonte privilegiata di acidi grassi Omega-3.

Bisogna considerare che l’assunzione di olio di pesce riserva diversi benefici sia di tipo nutritivo che curativo: l’apporto di acidi grassi EPA e DHA dona un extra energetico, le vitamina A e D contribuiscono all’espletamento di diverse funzioni (vista, ossa, muscoli, pressione sanguigna e altro) e la vitamina E sviluppa un’importante funzione antiossidante.

Proprietà curative

Le proprietà terapeutiche dell’olio di pesce sono legate essenzialmente alla presenza degli Omega 3 e alla loro azione antinfiammatoria:

  • Cuore – Gli effetti benefici degli Omega 3 si traducono in una riduzione dell’aggregazione delle cellule responsabili della formazione di coaguli, una regolazione degli impulsi elettrici delle cellule cardiaca e una produzione di prostaglandine in modo da regolare l’attività vasomotoria dei vasi sanguigni e la pressione arteriosa.
  • Colesterolo – Il rapporto tra Omega 3 e colesterolo è molto stretto visto che stimola la produzione di prostaglandine in modo da aumentare il colesterolo buono e ridurre la percentuale di colesterolo cattivo.
  • Infiammazioni – Questi acidi grassi contenuti nell’olio di salmone o nell’olio di merluzzo producono gli eicosanoidi, agenti biologici che prevengono e risolvono i processi infiammatori.
  • Articolazioni – L’azione antinfiammatoria contrasta la comparsa di patologie con origine infiammatoria a carico delle articolazioni.
  • Apparato digerente – L’attività di inibizione della secrezione di particolari sostanze antinfiammatorie finisce per alleviare gli effetti delle infezioni dell’apparato digerente come morbo di Crohn, gastrite o colite ulcerosa.
  • Reni – La funzione antinfiammatoria può essere utile per ridurre i sintomi delle patologie infiammatorie dei reni.
  • Annessi cutanei – Gli acidi grassi richiamano acqua nei tessuti riuscendo di fatto a donare una maggiore idratazione e una migliore elasticità.
  • Sistema nervoso – La presenza di DHA è fondamentale per la perfetta funzionalità delle membrane cellulari deputate alla trasmissione dei segnali nervosi, alla memoria e alla prontezza di riflessi.

Olio di pesce e Omega 3 in casi particolari

Gravidanza- foto 2anews.it

L’assunzione di olio di pesce come integratore in particolari situazioni fisiologiche o patologico può intervenire in maniera positiva:

  • Diabete – L’integratore può essere utile per ridurre l’infiammazione cronica che provoca i cambiamenti dei livelli glicemici nel sangue.
  • Gravidanza e allattamento – Gli Omega 3 sono utili per sostenere lo sviluppo del feto e rinforzare i processi vascolari della futura mamma in gravidanza e aumentare la qualità del latte prodotto in fase di allattamento.
  • Bambini – L’assunzione di Omega-3 migliora la qualità di vita futura del bambino, abbassando la soglia di incidenza rispetto a infarti, ictus e patologie cardiovascolari.

Olio di pesce e altri campi di applicazione

Sport- foto wallls.com

Le caratteristiche dell’olio di pesce rendono questo integratore alimentare perfetto per altri campi di applicazione:

  • Dieta – La dieta a zona punta a mantenere i livelli ormonali entro determinati valori e la fonte di Omega 3, regolando i processi ormonali e contrastando gli stanti infiammatori può essere utile a raggiungere gli obiettivi.
  • Sport – Gli acidi grassi vengono utilizzati come potenti antinfiammatori negli sport di resistenza come il body building.

Olio di pesce: Controindicazioni

Controindicazioni- foto gds.it

È innegabile che l’olio di pesce faccia bene ma, come qualsiasi altro integratore alimentare, deve essere usato consapevolmente per evitare eventuali effetti collaterali e controindicazioni.

Non bisogna dimenticare che un eccesso di vitamina A può provocare secchezza oculare così come un extra di vitamina D può causare la formazione di calcoli renali e trombi.

Il modo migliore per evitare effetti collaterali è usare l’integratore nel modo giusto (1-3 mg al giorno), scegliendo l’olio di pesce non solo in base al prezzo ma anche alla qualità del prodotto (puro perché non trattato con processi chimici, concentrato perché contenente almeno il 60% di acidi grassi Omega 3 o grado farmaceutico perché corrispondente agli standard qualitativi in farmacopea).

Basta scegliere un integratore di olio di pesce in perle, liquido o in capsule e seguire le indicazioni riportate sul foglietto illustrativo.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui