Olio di canapa: caratteristiche, benefici e differenze con l’olio di CBD

Olio di canapa e benefici vanno di pari passo, in quanto il primo è un prodotto ricco di elementi che possono giovare al benessere del corpo e della mente, ma non va confuso con l’olio di CBD.

Olio di canapa: ecco tutti i benefici che apporta all’organismo

Si sente spesso parlare di olio di canapa spremuto a freddo, o più semplicemente di olio di canapa. Questo prodotto si realizza grazie ai semi che provengono dalla pianta di Cannabis Sativa e tramite il processo di estrazione oppure quello di spremitura. Si tratta di un elemento dalle tonalità verdi, che possono essere più o meno accentuate e che si deve consumare crudo. Circa la sua conservazione invece, va lasciato in ambienti asciutti e deve essere tenuto sempre lontano da temperature elevate. Una volta aperto, sarebbe ideale metterlo in frigorifero. Gli oli derivanti dalla pianta precedentemente indicata possono essere di due tipi: quelli spremuti a freddo o raffinati. I primi presentano una qualità molto elevata e sono ritenuti proprio i migliori in assoluto, mentre i secondi non presentano il loro stesso prestigio e hanno anche colorazioni più chiare.

Per acquistarli basta rivolgersi a rivenditori specializzati e sicuri, come ad esempio CBD Vital.

Oltre a queste indicazioni, si può affermare che la particolarità più importante dell’olio in oggetto è che è in grado di apportare numerosi benefici al corpo, in quanto contiene acido linolenico, che rientra nella categoria degli acidi grassi Omega3. Tra l’altro questa componente è di fondamentale importanza per le sue proprietà, in quanto queste ultime ostacolano la formazione di problemi circolatori e sono un ottimo rimedio per le problematiche collegate alla pressione alta. In più elimina l’accumulo eccessivo di elementi grassi nei vasi sanguigni e diversi studi hanno dimostrato che chi lo assume ha più probabilità di evitare rischi infiammatori. Da sottolineare poi che l’olio in questione contiene pure vitamina E e fitosteroli, sempre molto importanti per il benessere di corpo e mente, in quanto consentono di ottenere un equilibrio tra tutte le componenti nutrizionali fondamentali di cui l’organismo ha bisogno. Questo si ripercuote in maniera positiva anche sull’umore e favorisce relax e tranquillità. Tra l’altro il prodotto in oggetto presenta anche fosforo ed è un’ottima fonte di potassio.

Le caratteristiche degli oli di canapa però non devono essere confuse con quelle del cosiddetto “olio di CBD” e per questo è opportuno chiarire alcune differenze.

I fattori di diversità con l’olio CBD

L’olio di CBD è composto da cannabidiolo, la componente della Cannabis che ha proprietà terapeutiche e che non ha effetti psicoattivi. Il CBD viene utilizzato per eliminare i problemi collegati all’insonnia, ma anche quelli relativi all’ansia e allo stress, come ad esempio attacchi di panico. L’olio di canapa non ha alcuna traccia di cannabidiolo ed è più adatto per essere inserito all’interno della propria dieta alimentare, per cercare di apportare un certo equilibrio tra tutti gli elementi nutrizionali. Quello di CBD invece è più adatto per favorire il riposo e il relax. Come si è visto, gli oli di canapa sono un’ottima fonte di benessere, grazie alle loro numerose proprietà, ma non devono essere confusi con quelli di CBD.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

Luca M.

Informazioni sull'autore
Ciao! Mi chiamo Luca, sono a capo della redazione di Sanioggi.it da quando il sito è stato lanciato, nell'inverno del 2011.
Tutti i post di Luca M.