Home Alimentazione Noci brasiliane: proprietà e benefici delle noci del Brasile

Noci brasiliane: proprietà e benefici delle noci del Brasile

Le noci brasiliane o noci dell’Amazzonia sono i frutti di un grande albero amazzonico Bertholletia excelsa che crescono senza coltivazione. I semi dei frutti dell’albero esclusivo della zona amazzonica vengono commercializzate in tutto il mondo come prodotto naturale con preziosi fonti di energia e privi di colesterolo.

Noci del Brasile- foto dietainformaebenessere.com

Noci brasiliane: proprietà

Le noci amazzoniche contengono una grande quantità di acido oleico, un elemento fondamentale per abbassare il colesterolo LDL e aiutare a innalzare la quantità di colesterolo “buono” HDL.

Queste speciali noci conservano una buona percentuale di vitamine (vitamina E e vitamine del gruppo B), antiossidanti e sali minerali come il selenio e un elevato contenuto calorico (100 g di noci brasiliane corrispondono 665 calorie).

Noci brasiliane, proprietà e benefici- foto ptonline.it

È chiaro che principi attivi e i valori nutrizionali come quelli delle noci brasiliane lasciano ben sperare in notevoli benefici per l’organismo:

  • Antiossidante – Le noci brasiliane, grazie al selenio, conservano proprietà antiossidanti in grado di combattere l’invecchiamento cellulare e lo stress provocato dai radicali liberi.
  • Antitumorale – Tutte le qualità di noci preservano effetti antitumorali e le noci amazzoniche non fanno eccezione. I numerosi principi attivi e in particolare il selenio agiscono come soppressore delle cellule tumorali.
  • Antitiroideo – Ancora una volta il selenio sviluppa un’azione benefica a carico della funzione tiroidea, utile per i soggetti che soffrono di ipotiroidismo.
  • Colesterolo – Le noci brasiliane contengono molti acidi grassi, tra cui gli Omega 3, che mantengono bassi i livelli ematici del colesterolo “cattivo” LDL e incrementano la presenza di colesterolo “buono” HDL nel sangue.
  • Fertilità – Il mix di antiossidanti e vitamina E svolge il ruolo di coadiuvante naturale per la fertilità maschile in quanto capace di contrastare i danni dei radicali liberi a carico del DNA degli spermatozoi.
  • Massa muscolare – La ricchezza di proteine delle noci del Brasile gioca un ruolo fondamentale per il mantenimento delle cellule muscolari.
  • Attività epatica – Il selenio coadiuva la solubilizzazione delle tossine, mantiene il fegato pulito e promuove l’attività enzimatica.
  • Glicemia – Il basso valore glicemico della noce amazzonica rallenta il processo digestivo ed evita un aumento del glucosio nel sangue.

Noci brasiliane: usi

In commercio è possibile trovare le noci brasiliane crude con o senza guscio oppure tostate e salate, senza dimenticare l’olio  ottenuto dalla spremitura a freddo dalle noci amazzoniche.

Noci del Brasile: usi- foto inran.it

Oggi, le noci brasiliane possono essere acquistate al supermercato, nelle attività del commercio equo, nei negozi di prodotti biologici, in erboristeria oppure online.

  • Cucina – La noce brasiliana viene utilizzata anche nella cucina nostrana come gustoso snack, ingrediente per preparare il pesto, base per biscotti fatti in casa, componente essenziale di barrette energetiche e altri dolci oppure condimento di insalate, pasta, riso e contorni.
  • Bellezza – L’olio ottenuto dalle noci brasiliane presenta una somiglianza con i grassi prodotti da pelle, cuoio capelluto e capelli. L’olio vegetale giallo chiaro e profumato viene sfruttato come emolliente della pelle e lozione per massaggi e come elemento base per la medicina naturale e l’aromaterapia.

Noci brasiliane: controindicazioni ed effetti collaterali

Le noci amazzoniche riservano pochi effetti collaterali e controindicazioni, spesso legati alla singola circostanza e non alla noce di per se:

Noci brasiliane effetti collaterali- foto tuttosu.virgilio.it
  • Allergie – Bisogna ricordare che come la frutta secca anche le noci brasiliane possiedono un potere allergizzante in grado di provocare allergie o intolleranze in soggetti sensibili. Basta non esagerare con l’assunzione!
  • Gravidanza – L’uso delle noci brasiliane in gravidanza e allattamento deve essere ridotto per non causare problemi legati al potere allergizzante e all’elevato apporto di grassi e calorie.
  • Effetto cancerogeno – Come possono le noci brasiliane essere cancerogene? In realtà, l’attività cancerogena di questo frutto ricco di selenio e antiossidanti sarebbe imputabile a un contaminante ovvero l’aflatossina, un metabolita del fungo Aspergillus che si crea nel momento in cui vengono conservate in luoghi caldi e umidi.

In ogni caso non bisogna esagerare con il consumo giornaliero di noci brasiliane. Quante volte al giorno? la dose consigliata per ottenere benefici e non incorrere nelle suddette controindicazioni è da 2 a 4 al giorno.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 10 Media: 2.6]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui