Home Salute Neutrofili alti o bassi: cosa fare

Neutrofili alti o bassi: cosa fare

I neutrofili. Questo termine può risultare praticamente sconosciuto ai non addetti al mestiere. Cosa sono? Cosa si intende quando si parla di neutrofili alti o bassi? Come dobbiamo comportarci? Nell’articolo di oggi cercheremo di spiegarvi nel modo più esaustivo possibile di cosa si stratta.

Analisi laboratorio- foto pixabay.com

Cosa sono i neutrofili?

Per prima cosa, cerchiamo di inquadrare il loro ruolo nel nostro organismo. I neutrofili fanno parte dei globuli bianchi del nostro sangue, sono una delle 5 tipologie presenti. Sono quindi leucociti presenti in gran numero e prodotti dal midollo osseo, quando sono maturati passano al sangue. Sono caratterizzati da un nucleo trilobato. La vita di un neutrofilo non è più lunga dei due giorni di media.

A cosa servono i neutrofili?

Sono pur sempre dei leucociti e per tanto il loro scopo è quello di difendere l’organismo dagli attacchi dei germi e di quei batteri che possono in qualche modo compromettere la salute generale dell’organismo. Nonostante hanno vita piuttosto breve, essi sono capaci di eliminare i batteri in numero variabile. Considerate che un neutrofilo riesce a eliminare da 5 a 20 batteri. Sia dai tessuti ematici, sia da altri differenti.

Come lavorano?

Inglobano le cellule nemiche come i macrofagi. Le digeriscono e rilasciano dopo alcune sostanze che vanno a regolare la risposta infiammatoria del sistema immunitario.

Quando sono presenti? Sono sempre presenti nel corpo, ma il nostro organismo produce neutrofili aumentando i valori quando si ammala.

Neutrofili alti o bassi: i valori

Difese immunitarie- foto pixabay.com

I valori normali di riferimento quando si parla di neutrofili sono piuttosto variabili. Cambiano infatti da individuo a individuo. Considerate comunque che, in media, il numero di neutrofili presenti nel sangue è di circa 4 mila unità per millimetro cubo.

La soglia minima è di 1500 unità, quella massima di 7 mila unità. Il problema non sussiste solo quando i neutrofili sono bassi, ma anche quando superano la soglia massima.

Quando si hanno i neutrofili alti nel sangue, cioè quando arrivano a una concentrazione anche di 8-9 mila, si parla di neutrofilia.

Neutrofilia: cosa sono i neutrofili alti

Analisi- foto pixabay.com

Si parla di neutrofilia quando la concentrazione di neutrofili, cioè di questi globuli bianchi, superano il limine di concentrazione che come abbiamo visto il limite massimo è di 7 mila.

L’aumento di questi valori solitamente non provoca alcun sintomo almeno che non vi sia di base una patologia. Passa quindi inosservato. La sintomatologia esiste solo quando vi è una malattia di fondo che provoca appunto anche la neutrofilia.

Può esservi un aumento di neutrofilia nel sangue per due ragioni. Può trattarsi di neutrofilia da spostamento, cioè quando vi è un passaggio di neutrofili dalla colonia marginale, quella delle pareti dei vasi a quella circolare. In questo caso la natura è solitamente fisiologica e dipende magari dall’aumento di adrenalina. L’aumento dei livelli sono noti solitamente già dopo 1 o 2 ore da quando vi è stato il picco ormonale e tale può rimanere anche per diversi giorni. Dopo i valori tornano normali.

Abbiamo poi la seconda ragione, quella che provoca effettivamente neutrofilia perché alla base vi è una patologia. L’aumento delle cellule che passano da midollo a sangue è causato solitamente dalla massiccia richiesta di neutrofili nei tessuti o organi a causa di un’infezione. Quando la richiesta è considerevole, il trasferimento risulta troppo rapido, a tal punto da non garantire la totale maturazione. Ecco che nel sangue vi è un aumento di neutrofili immaturi.

Le cause che provocano questo aumento dei neutrofili nel sangue sono molte, quando ovviamente ci riferiamo alla seconda ragione. Si tratta di:

  • Infezioni di batteri: possono essere localizzate o diffuse, acute o croniche.
  • Infezioni virali: alcuni virus sono capaci di provocare neutrofilia. Le più comuni sono l’herpes simplex e la varicella.
  • Micosi: o infezioni da funghi. La più comune è la candida, che interessa la cute, i polmoni, l’apparato urogenitale e l’apparato gastrointestinale.
  • Infezione di parassiti: possono essere elminti o protozi. Una delle più comuni è la toxoplasmosi.
  • Infiammazioni non infettive: possono essere sia acute che croniche. Tra le più comuni troviamo i traumi con danno tissutale e quelle a base autoimmune.
  • Tumori maligni: come ad esempio i carcinomi, il linfoma di Hodgkin e altri.
  • Leucemie: proliferazione di cellule del midollo con relativo incremento dei neutrofili.
  • Problemi metabolici come la chetoacidosi diabetica e l’insufficienza renale
  • Squilibri endocrini come quelli della gravidanza (neutrofili alti in gravidanza) o del ciclo mestruale.
  • Anemia come quella emolitica e megaloblastica (es. neutrofili alti bambini).
  • Alcuni farmaci che provocano effetti collaterali.
  • Intossicazione da metalli pesanti o da veleno di insetti.

Se nel caso della neutrofilia da trasporto non è necessario il trattamento in quanto i valori si stabilizzano da soli, in quella “vera” deve essere curata la malattia che si trova alla base.

Neutropenia: neutrofili bassi, cosa significa e quali sono le cause

Cambiamenti del corpo- foto pixabay.com

Si parla di neutropenia o neutrofili bassi quando il numero di questi globuli bianchi è inferiore alla media all’interno del sangue. La neutropenia può essere lieve, quando vi sono 1500 unità per MM cubo, media, quando vi sono tra le 500 e le 1000 unità, e severa, quando il numero è inferiore a 500.

I problemi legati ai neutrofili bassi nei bambini e negli adulti possono nascere a livello del midollo osseo, come ad esempio l’anemia. Può nascere da una pesante cura per il corpo, come la chemioterapia. Possono causare neutropenia anche tifo o brucellosi.

È davvero importante individuare una carenza perché essi sono necessari per la difesa da infezioni micotiche o batteriche. Come abbiamo visto comunque esistono tre forme di carenza da neutrofili. La neutropenia tuttavia può essere anche acuta, quando sopravviene in modo improvviso e dura poco, o cronica, quando dura più di tre mesi.

È comunque importante ricordarsi che i neutrofili possono essere più bassi in base all’età, la genetica, la razza… non sempre quindi un valore più basso della media può rappresentare un problema.

Spesso è possibile tenere a bada la carenza che causa una grave carenza di difese, andando a migliorare le difese immunitarie.

In caso di neutrofili bassi, cosa mangiare diventa importante. Largo a cibi ricchi di sali minerali e vitamine come i funghi, l’aglio, gli agrumi e le carote.

Quando nel sangue vi sono neutrofili bassi inferiori a 500 unità, anche una semplice colonia di batteri può causare infezioni.

La neutropenia è solitamente asintomatica per tanto molte persone non sono consapevoli del problema, il quale verrà scoperto in modo del tutto casuale.

La sintomatologia quando presente deriva da quanto sono bassi i neutrofili e da quanto dura la situazione. I sintomi che potrebbero comparire sono la febbre o delle infezioni ricorrenti come quelle dell’apparato urinario o intestinale.

Ciò che può provocare un abbassamento dei neutrofili nel sangue è una serie di cause differenti e chiarisce la causa dei neutrofili bassi e quando preoccuparsi. Le più comuni sono:

  • Tumori del sangue, dei linfonodi e del midollo.
  • Anemia aplastica
  • Sindrome di Kostmann, o neutropenia congenita
  • Neutropenia clinica, malattia molto rara che provoca un abbassamento dei sintomi dai 3 ai 6 giorni, ripetendosi circa una volta ogni tre settimane.
  • Carenze di acido folico
  • Esposizione alle radiazioni
Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 6 Media: 3.5]
ClaudiaL
Appassionata di dieta, alimentazione, benessere e rimedi naturali. Curiosa quanto basta per tenermi sempre aggiornata e creare contenuti che possono rivelarsi utili agli altri!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui