Home Fitness Il neurofunciotnal training ribalta “mens sana in corpore sano”

Il neurofunciotnal training ribalta “mens sana in corpore sano”

Il neurofunciotnal training è una forma di allenamento nata dalla fusione delle neuroscienze e del fitness per creare workout che promette di far restare giovani. Scopriamolo meglio!

Pedana basculante- foto runningitalia.it

Il principio base del neurofunciotnal training è la sollecitazione di corpo e cervello, senza la quale si rischia di invecchiare prematuramente.

La forma di allenamento 2.0, grazie a perturbatori sensoriali (pesi oscillanti, pedane basculanti bersagli luminosi e così via), stimola il sistema nervoso centrale e spinge i muscoli a collaborare contro ogni imprevisto.

Il neurofunciotnal training supera i classici workout monotoni costruiti su ripetizioni ed esercizi di isolamento muscolare per approdare a una forma di allenamento che lavora sugli stimoli neurali per ottenere benefici fisici.

Il must latino “mens sana in corpore sano” viene ribaltata nella misura in cui il neurofunciotnal training punta a far lavorare il cervello per avere la massima concentrazione durante l’esecuzione degli esercizi.

Come funziona il neurofunciotnal training

I perturbatori sensoriali costringono il corpo a coinvolgere tutti i muscoli e allo stesso tempo richiedono un impegno notevole da parte del cervello.

Il livello successivo di una sessione di neurofunciotnal training prevede esercizi funzionali classici allo scopo di allenare le capacità condizionali indispensabili nella vita reale, momenti in cui l’imprevisto è sempre dietro l’angolo con terreni disastrati e pesi instabili.

Il training neurofunctional mantiene il cervello allenato a prendere decisioni tempestive e a ricavare un effetto positivo in caso di imprevisti.

A cosa serve?

Il neurofunciotnal training può diventare una forma di allenamento divertente e stimolante per tutti gli amanti di fitness, un metodo preventivo o terapeutico o un sistema per allenare i riflessi.

I piloti di aereo, i calciatori o chi pratica arti marziali può sfruttare il neurofunciotnal training per potenziare i riflessi e, in generale, il tempo di reazione.

Le sessioni includono esercizi su tapis roulant che si muovono nelle quattro direzioni, allenamento su pedane basculanti da usare, esercizi con palle mediche contenenti fluidi e molto altro ancora.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui