Home Rumors Naso chiuso: cause e rimedi naturali

Naso chiuso: cause e rimedi naturali

Il naso chiuso, o congestione nasale, può dipendere da vari fattori, ma sono a rischio soprattutto i bambini e le persone che soffrono di allergie e di intolleranze. Il naso chiuso può quindi essere il sintomo di diversi problemi e anche di patologie, per qualcuno può rappresentare un fastidio passeggero, mentre per altri un vero e proprio problema quotidiano. Tutto dipende dalle cause, che possono essere legate ai malanni di stagione, quindi all’influenza e al raffreddore, o ai pollini nel caso delle allergie. In altri casi, il naso chiuso può essere il sintomo di infezioni, di anomalie strutturali, di riniti allergiche o non allergiche.

Questi sono i quattro principali fattori che possono scatenare il naso chiuso in modo perenne e indurre chi ne soffre a non godere del benessere quotidiano. Il naso chiuso può essere sconfitto con metodi naturali, ma se il problema è persistente è importante chiedere parere al medico di fiducia, soprattutto se si ha il sospetto di essere soggetti ad allergie e riniti, o anche a deviazioni o malformazioni del setto nasale.

Le cause del naso chiuso

Di base gli adulti soffrono di raffreddore con una media di due o tre volte all’anno e il raffreddore si verifica con più frequenza nei bambini, perché si tratta di soggetti con deboli difese immunitarie. Il raffreddore può essere causato dai batteri aerei o che vengono trasmesso per contatto con le mani e il naso. Il virus penetra quindi nel naso e per difendersi il corpo rilascia una sostanza che si chiama istaminica, la quale aumenta il flusso di sangue che interessa l’area e di base fa gonfiare i tessuti annessi. Le membrane nasali, di conseguenza, si infiammano e producono una quantità troppo abbondante di muco, che va ad ostruire le vie aerei nasali. Ecco spiegato il processo che porta alla formazione del naso chiuso quando la causa è il comune raffreddore. E negli altri casi?

In caso di infezioni virali, il naso si rivela essere poco resistente ai batteri e questo spiega perché fenomeni come le sinusiti o le infezioni si presentano una volta che si è guariti dal raffreddore. L’infezione batterica è in corso quando il muco si presenta di colore giallognolo o verdastro e in questi casi è indispensabile consultare il medico perché poterebbe essere necessario operare con una cura antibiotica.

La sinusite è una causa molto grave del naso chiuso, perché fa ispessire il muco e chiude le vie aeree superiori. La sinusite provoca solitamente gocciolamento e alcuni pazienti possono sviluppare anche polipi e le infezioni possono espandersi anche negli organi interni come i bronchi e i polmoni, portando alla comparsa di asma. La sinusite cronica porta inoltre a forti dolori di capo e chiede di essere risolta con le adeguate terapie, che possono raggiungere anche la richiesta dell’intervento chirurgico.

Per quanto riguarda le anomalie strutturali, un’altra delle cause del naso chiuso, si tratta di deformazioni del setto nasale e del naso, ovvero delle pareti e della sezione che divide le due narici. I bambini possono soffrire di ostruzione nasale a causa delle adenoidi, che sono dei tessuti molto simili alle tonsille che si trovano nel retro del naso. Se le adenoidi si ingrossano, i bambini russano e respirano rumorosamente e solitamente viene effettuato un intervento chirurgico per risolvere il problema.

E veniamo infine alle allergie, uno dei problemi più sentiti a livello mondiale, che si rivela essere una delle cause più note del naso chiuso. Le allergie alle graminacee, i raffreddori estivi e altre forme sono modi per chiamare la rinite allergica, ovvero una risposta anomala che il corpo mette in atto per difendersi dall’introduzione di sostanze che gli sono conosciute. Può trattarsi della polvere domestica, del pelo degli animali, della muffa e soprattutto dei pollini. Ecco perché molte riniti allergiche ‘sbocciano’ in primavera o nei mesi immediatamente precedenti, quando i vegetali sono in fase di impollinazione e i pulviscoli circolano abbondanti nell’aria.

Naso chiuso: rimedi naturali

naso-chiuso-620x350

Il naso chiuso può essere contrastato con rimedi farmacologici e con la richiesta di interventi chirurgici quando necessario. Esistono però molti rimedi naturali che possono essere provati da chi soffre di questo problema, che si propongono rispettosi dell’organismo in quanto sono privi di effetti collaterali e perfetti per essere somministrati anche ai bambini. I rimedi naturali non agiscono con la stessa efficacia e velocità dei farmaci e se la situazione si propone abbastanza grave è necessario consultare il medico di base, soprattutto nel caso dei bambini. I rimedi naturali possono in ogni caso essere impiegati con fiducia dagli adulti, anche come prevenzione nel caso di riniti allergiche e di difese immunitarie basse. Vediamo 7 rimedi ulti per combattere il naso chiuso:

1- Suffumigi al bicarbonato di sodio: il bicarbonato è una vera e propria panacea e aiuta a combattere il naso chiuso perché scioglie il muco e libera con efficacia i condotti del naso. I suffumigi sono inoltre considerati un metodo naturale molto efficace e dalla notte dei tempi vengono effettuati per liberare il naso e anche per alleviare il mal di testa che può fare seguito al naso chiuso. I suffumigi possono essere effettuati con vegetali disinfettanti come il limone tagliato a fette, con il sale grosso e anche con gli oli essenziali balsamici come la menta, l’eucalipto e il pino;

2- Il neti lota: antico rimedio indiano, il neti lota è il lavaggio del naso e viene effettuato con l’apposito strumento che ha la forma di un annaffiatoio. Il neti lota chiede di lavare i condotti del naso semplicemente con acqua e un po’ di sale fino. Il procedimento deve essere imparato e si propone facile, ma permette di risolvere problemi legati alla rinite, allergica e non e permette di rendere più pulite e forti le vie aeree superiori. Il neti lota è inoltre un valido aiuto per i fumatori, che grazie alla sua pratica possono liberare i condotti nasali e respirare in modo migliore;

congestione_nasale_1

3- gli oli essenziali: importanti per i suffumigi, gli oli essenziali balsamici come la menta, l’eucalipto e il pino solo per citare i maggiori agiscono con forza balsamica, uccidono i microbi e al contempo leniscono le infiammazioni. Gli oli possono essere respirati e anche impiegati nella vaschetta del termosifone, per ripulire l’ambiente dai microbi aerei;

4- Lo zenzero: lo zenzero è una pianta molto disinfettante e può essere bevuta o aggiunta ai cibi per disinfettare la gola e le vie aeree. Lo zenzero rafforza inoltre le difese immunitarie e permette di rendere l’organismo più forte e di contrastare la comparsa di raffreddori e di allergie. L’associazione ideale si crea con zenzero, limone e miele, tre ingredienti disinfettanti e balsamici, ideali per sconfiggere con metodi naturali il naso chiuso;

5- Olio di sesamo: l’olio di sesamo viene impiegato dalle culture orientali per contrastare la secchezza del naso e anche per lenire le zone interessante. Soffiando spesso il naso, le pareti interne ed esterne diventano sempre più deboli e quindi facilmente attaccabili da microbi e batteri. L’olio di sesamo può quindi essere spalmato all’interno e all’esterno delle narici per proteggerle, soprattutto durante il periodo invernale;

6- La cipolla: la cipolla viene impiegata dalla notte dei tempi come rimedio contro il naso secco e chiuso. Le scuole di pensiero sono, in questo caso molte, ma è innegabile che aspirare i ‘vapori’ della cipolla cruda quando la si affetta ha un potere molto congestionante. Un rimedio naturale ‘della nonna’ consiste nel far bollire una cipolla in acqua e quindi bere l’acqua di bollitura, perché combatte i germi e aiuta a che lenire le vie respiratorie, soprattutto il naso e la gola;

7- La dieta: la dieta è fondamentale per combattere il naso chiuso, e l’ingrediente chiave è la vitamina C. Questa vitamina permette infatti di fortificare l’organismo e aiuta a sconfiggere i batteri. In tutte le stagioni è quindi ideale consumare delle ottime spremute di agrumi, soprattutto limoni, pompelmi e arance, preferibilmente al mattino per fare un pieno di vitamine. Nella dieta non devono inoltre mai mancare i vegetali, soprattutto la frutta e la verdura, perché da essi il corpo trae le vitamine e i sali minerali indispensabili per proteggere per arricchire le difese immunitarie.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 18 Media: 2.8]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui