Morbo di Addison: cause, sintomi, diagnosi, cure, aspettativa di vita e invalidità

Il morbo di Addison è una patologia metabolica che colpisce le ghiandole surrenali e comporta vari sintomi e problemi. Scopriamo cos’è il morbo di Addison e tutto quello che c’è da sapere!

Noto anche come insufficienza surrenalica, il morbo di Addison è una condizione caratterizzata dall’incapacità delle ghiandole surrenali di produrre ormoni a sufficienza per il benessere generale.

Le ghiandole surrenali sono collocate sopra i reni e sono composte dalla corteccia (ghiandola esterna deputata alla produzione ormonale) e dalla regione midollare (tessuto nervoso esterno in grado di sintetizzare adrenalina e noroadrenalina).

Per quanto riguarda la produzione ormonale, invece, si tratta di ormoni mineralcorticoidi che regolano la percentuale dei minerali nel corpo; ormoni glucocorticoidi che promuovono le attività metaboliche a livello cellulare e trasformano i nutrienti in glucosio per le cellule; ormoni estrogeni e androgeni.

Quando i surreni non producono uno o più ormoni a sufficienza allora si scatenano una serie di sintomi che preludono a condizioni gravi. Per esempio, viene meno l’equilibrio tra sodio e potassio causando disidratazione e ipotensione; provoca una carenza di cortisolo destinato a causare problemi metabolici; riduce la quota di ormoni deputati al desiderio sessuale, all’equilibrio psicofisico e ad altro.

Sapere cosa vuol dire insufficienza surrenalica, qual è un segno tipico del morbo di Addison e come intervenire è indispensabile per non rischiare la vita, perché nessuno può dirsi “al riparo” da questa patologia.

Morbo di Addison: Cause

Il morbo di Addison può essere causata da problemi che riguardano le ghiandole surrenali o altri tipi di condizioni. In base alla causa scatenante, quindi, si può parlare di insufficienza surrenalica primaria nel primo caso e insufficienza surrenalica secondaria nel secondo caso

Insufficienza surrenalica primaria

  • Autoimmunità  – Il sistema immunitario “impazzisce” e inizia a riconoscere le cellule delle ghiandole surrenali come “nemici” da distruggere.
  • Tubercolosi – La tubercolosi provoca delle lesioni strutturali chiamati granulomi che compromettono la funzione surrenale.
  • Infezioni – Alcune infezioni fungine possono alterare la funzionalità surrenale in presenza di un sistema immunitario già compromesso.
  • Tumori – I tumori possono coinvolgere anche le ghiandole surrenali causando un malfunzionamento degli organi.
  • Emorragie – Alcune infezioni di tipo batterico possono essere talmente gravi da causare emorragie delle ghiandole surrenali.
  • Necrosi – L’infarto delle ghiandole surrenali provoca la necrosi del tessuto costitutivo dei surreni e le compromette.
  • Mutazioni generiche – Pur essendo abbastanza rare, alcune mutazioni generiche possono alterare la funzionalità surrenali.

Insufficienza surrenalica secondaria

  • Problemi all’ipofisi – La ghiandola è deputata alla produzione dell’ormone ACTH (importante per la funzionalità dei surreni) e un eventuale problema potrebbe comprometterne la funzione.
  • Terapie corticosteroidee – L’interruzione di trattamenti sostitutivi corticosteroidei riducono i livelli dell’ormone adrenocorticotropo nel sangue, causando l’indebolimento delle ghiandole surrenali.
  • Biosintesi degli steroidi – Alcuni farmaci e malattie genetiche possono bloccare il rifornimento del colesterolo necessario a produrre cortisolo e causare una carenza.

Morbo di Addison: Sintomi

Il morbo di Addison si manifesta con sintomi ben precisi, ma la velocità e l’entità del quadro sintomatologico dipende dalla gravità della carenza ormonale e/o dalla presenza di un problema sottostante.

Solitamente la quantità di ormoni surrenalici si riduce gradualmente prima di iniziare a colpire le cellule delle ghiandole surrenali e per questo i sintomi iniziali sono lievi.

Cosa comporta il morbo di Addison? Si soffre di spossatezza, affaticamento, mal di testa, sbalzi d’umore, capogiri e vertigini dovuti all’ipotensione, ipoglicemia, dimagrimento eccessivo, disidratazione, disturbi gastrointestinali e iper-pigmentazione della cute.

Il morbo di Addison sviluppa sintomi anche dal punto di vista sessuale, riducendo il desiderio sessuale e le prestazioni a letto.

Se la malattia non viene diagnosticata o curata, la carenza ormonale aumenta in maniera esponenziale e provoca una condizione pericolosa chiamata crisi surrenalica o crisi di Addison.

Nella crisi di Addison si avvertono dolori lancinanti all’addome e alla schiena, confusione mentale, febbre, diarrea, vomito, contrazioni muscolari involontarie e fatica a reggersi in piedi. Arrivano tutti insieme e in modo improvviso.

Morbo di Addison: Diagnosi

Come si diagnostica il morbo di Addison? Il medico può formulare una diagnosi soltanto dopo aver studiato la storia clinica del paziente, aver preso nota dei sintomi e aver valutato gli esiti di vari test.

I test utili per diagnosticare l’insufficienza surrenalica sono tanti, dagli esami del sangue con misurazione del livello di cortisolo e dell’ormone adrenocorticotropo alla misurazione dei livelli glicemici fino alla risonanza magnetica e alla TAC della zona addominale.

Morbo di Addison: Cura e aspettativa di vita

La cura deve essere tempestiva per evitare conseguenze gravi del morbo di Addison o la morte del paziente. L’obiettivo è quello assicurare il giusto livello di ormoni surrenalici.

Solitamente lo specialista prescrive la somministrazione quotidiana di una terapia ormonale sostitutiva degli ormoni mancanti.

Detto ciò è bene sapere che la patologia è riconosciuta come invalidante e quindi il morbo di Addison dà accesso a una percentuale di invalidità.

Per la crisi di Addison, invece, l’intervento deve essere più tempestivo: zuccheri, soluzione salina e idrocortisone.

Il morbo di Addison quale aspettativa di vita prospetta? Dal morbo di Addison non si guarisce, ma è possibile gestire la situazione se preso in tempo. Prendendo la terapia si mantiene un’ottima qualità di vita.

L’unico pericolo è rappresentato dalla crisi di Addison che richiede la corsa al pronto soccorso con reidratazione e somministrazione di idrocortisone.

Morbo di Addison e Alimentazione

Chi soffre di morbo di Addison sente parlare di cibi da evitare e di alimentazione da seguire. Ma quanto c’è di vero?

L’alimentazione gioca un ruolo essenziale per coadiuvare la terapia ormonale sostitutiva, favorendo il mantenimento del peso forma e non peggiorando la situazione preesistente.

A prescrivere la dieta per il morbo di Addison è lo specialista, ma in linea di massima è necessario consumare gli alimenti ricchi di sodio, i carboidrati complessi e i cibi poveri di potassio.

In questo modo si terrà a bada la perdita del sodio, la presenza eccessiva di potassio e i livelli glicemici bassi.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

Myriam Amato

Informazioni sull'autore
Laureata in Informazione e sistemi editoriali, amante della cultura orientale e appassionata di benessere, salute e fitness.
Tutti i post di Myriam Amato