Home Alimentazione Miele di Manuka: proprietà curative e benefici del miele della Nuova Zelanda

Miele di Manuka: proprietà curative e benefici del miele della Nuova Zelanda

Avete mai sentito parlare del miele di Manuka? Ebbene, si tratta di un miele dalle proprietà curative per mal di gola e raffreddore e dal potere disinfettante che si ricava dalla Manuka o Leptospermum scoparium, un arbusto molto simile all’albero del tè che cresce in Nuova Zelanda e Australia sud-orientale.

Miele di Nuova Zelanda e Australia- foto riza.it

Il miele di Manuka è molto conosciuto per le sue proprietà antibatteriche e antinfiammatorio che vengono sfruttate sia per uso topico che per uso orale.

Miele di Manuka: proprietà e benefici

Il gruppo di ricerca del Professor Thomas Henle dell’Università di Dresda in Germania, realizzò come il potere curativo del miele Manuka fosse imputabile alla massiccia presenza di  Methylglyoxal (MGO), una sostanza compresa tra i 100 e i 900 mg/kg  “responsabile della sua attività anti batterica”.

I diversi studi a riguardo hanno sottolineato l’efficacia di questo alimento 100% naturale nel distruggere microorganismi Escherichia coli, Staphylococcus aureus, Pseudomonas aeruginosa, Streptococcus faecalis e Helicobacter pylori.

Miele di Manuka benefici- foto gruppomacro.com

Il miele di Manuka diventa un rimedio naturale perfetto per il benessere generale dell’organismo, proprietà curative confermate negli anni da diversi studi ed esperienze dei consumatori:

  • Candida – Il miele di Manuka svilupperebbe un’azione fungicida nei confronti dei funghi responsabili della candidosi a carico di cute o mucosa orale, faringea, esofagea e vaginale.
  • Ferite e lacerazioni – L’azione topica di questo particolare miele accelera in processo antinfiammatorio e cicatriziale di ferire e lacerazioni, garantendo una specie di barriera chimica della zona lesa.
  • Acne – La proprietà antibatterica del miele di Manuka viene utilizzata spesso come soluzione topica sotto forma di crema per sconfiggere le infezioni della cute responsabili di acne, psoriasi, dermatiti ed eczema.
  • Gastriti e reflussi – Le infiammazioni a carico della mucosa dello stomaco possono essere evitate o gestite grazie alle proprietà del antinfiammatorie del miele di Manuka.
  • Ustioni – Anche se la comunità scientifica appare molto scettica, questo rimedio naturale sembra accelerare la guarigione delle ustioni.
  • Antitumorale – Secondo uno studio condotto presso l’Università degli Emirati Arabi Uniti e pubblicato sulla rivista scientifica PLOS ONE nel 2013, basse dosi (0,6%) di questo miele offrirebbero la possibilità di rallentare la crescita delle cellule tumorali.

Miele di Manuka: posologia, prezzi e reperibilità

Il miele di Manuka viene commercializzato in diverse tipologie, ciascuna con una diversa concentrazione di metilgliossale, un composto dalle proprietà antibatteriche solitamente presente nella maggior parte dei tipi di miele, ma in minori quantità.

Purtroppo sul mercato i barattoli da MGO 100, 250, 400 e 550 sono molto difficili da reperire a causa delle politiche di importazione e del prezzo proibitivo che si aggira intorno ai 40-70 euro per 1 Kg di miele di Manuka. Dove si compra allora? L’acquisto online potrebbe essere la soluzione per reperire velocemente il particolare miele rispetto alle erboristerie e ai supermercati con reparti adatti.

Manuka miele- foto inran.it

In linea generale, più la concentrazione di metilgliossale sarà elevata e maggiore sarà l’effetto antibiotico:

  • MGO 100 – La versione da 100 viene usata per l’attività di prevenzionedelle malattie, la stimolazione del sistema immunitario o come energizzante naturale (dosaggi consigliati pari a circa 3 cucchiaini al giorno).
  • MGO 250 – Questa concentrazione riesce a intervenire contro il reflusso gastroesofageoe il bruciore di stomaco.
  • MGO 400 e MGO 550 – Si tratta di formulazioni che agiscono a livello più alto contro ulcere, candida e diarrea.

La potenza del miele di Manuka viene espressa in termini di UMF (Unique Manuka Factor) o “Molan Gold Standard”: valori inferiori a 10 UMF riferiscono una minore efficacia in ambito terapeutico.

Solo un prodotto che contiene almeno il 70% di polline di Leptospermum scoparum può essere etichettato come miele di Manuka. È bene sapere che nello stesso periodo di fioritura dell’albero di Manuka, fiorisce un’altra specie della famiglia delle mirtacee: la Kanuka (Kunzea ericoides), una pianta che cresce nello stesso habitat e somiglia morfologicamente all’albero di Manuka.

Miele di Manuka e miele di Kanuka sono molto diversi tra di loro:

  • Miele di Manuka. Colore che varia dal color crema scuro al marrone scuro, sapore leggermente speziato e consistenza viscosa e tissotropica.
  • Miele di Kanuka. Color giallo pallido chiaro e sapore delicato, dolce e leggermente aromatico.

Miele di Manuka: controindicazioni ed effetti collaterali

Effetti collaterali miele di Manuka- foto inran.it

I diversi studi e le esperienze dei consumatori hanno eletto il miele di Manuka come rimedio naturale eccellente ed efficace. Purtroppo, come accade per qualsiasi altro alimento o prodotto alimentare, conserva alcuni effetti collaterali:

  • Allergie – Alcuni soggetti possono essere sensibili al miele benefico e in particolare potrebbero sviluppare reazioni allergiche legate al veleno delle api.
  • Diabete – Le persone affette da diabete o i soggetti predisposti a tale patologia devono limitare l’assunzione del miele per evitare che il suo alto contenuto di zuccheri aumenti il livello glicemico nel sangue.
  • Terapie – Molto spesso le chemioterapie interagiscono con i principi attivi del miele ed è per questo che bisognerebbe testare le interazioni con i chemioterapici per non vanificare cure e terapie.
Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 5 Media: 4]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui