Home Salute Micosi della pelle: cause, sintomi e trattamenti

Micosi della pelle: cause, sintomi e trattamenti

Le micosi della pelle sono infezioni fungine provocate da microrganismi chiamati miceti che colpiscono la pelle e provocano macchie bianche o rossastre accompagnate da cuticole e prurito. Si tratta di un tipo di infezioni ad alto contagio che può colpire sia adulti che bambini, soprattutto rispetto a talune situazioni.

Micosi cutanee- foto youtube.com

Micosi della pelle: cause

Le micosi cutanee si sviluppano a livello epidermico e in particolare interessano gli strati cheratinizzati della pelle e i suoi annessi cutanei come unghie, capelli, peli e mucose. I funghi responsabili delle infezioni possono essere classificati in tre gruppi:

  • Dermatofiti – Sono dei microrganismi patogeni (Microsporum, Epidermophyton e Trichophyton) che possono infettare il tronco (tinea corporis), i piedi (tinea pedis o piede d’atleta), le unghie (tinea unguium) e le pieghe inguinali (tinea curis);
  • Lieviti – Si tratta di microrganismi unicellulari e non filamentosi che si riproducono velocemente, localizzandosi in zone corporee caldo-umide come ascelle, spazi interdigitali o regioni intime. La Candida albicans, la Malassezia furfur e il Cryptococco neoformans possono dar vita comunque a micosi della pelle.
  • Muffe – I funghi multicellulari e filamentosi come i più comuni Alternaria, Aspergillus e Fusarium, i maggiori responsabili di micosi profonde e sistemiche.

Non sempre quando si entra a contatto con i miceti si incorre in una micosi della pelle. In realtà questi funghi convivono pacificamente con l’organismo umano proprio perché comunemente presenti nella flora cutanea e nell’ambiente. L’infezione compare nel momento in cui subentrano particolari condizioni che favoriscono un comportamento di tipo invasivo e si caratterizzano come cause delle micosi cutanee:

  • inefficienza del sistema immunitario;
  • indebolimento della flora batterica;
  • forme di diabete;
  • scarsa igiene personale;
  • umiditàe temperature abbastanza alte;
  • luoghi ad alta frequentazione come palestre e piscine.

Sintomi

I sintomi delle micosi della pelle possono diversificarsi a seconda della virulenza del microrganismo e della zona colpita. Generalmente le manifestazioni si presentano con macchie bianche o rossastre accompagnate da croste o bolle e da sensazione di prurito, desquamazione della pelle, pus, alopecia, eritema ed altro. Le lesioni della pelle assumono il tipico aspetto a forma di cerchio con al cento una zona non colpita e tendono ad aumentare numero e dimensioni nell’arco di un paio di settimane.

Sintomi micosi cutanee- foto smp1993.it

Una forma di micosi della pelle quasi asintomatica è la Pitiriasi Versicolor. Il fungo responsabile vive abitualmente sulla pelle nutrendosi di sebo e comparendo con le classiche evidenti chiazze solo con la pelle abbronzata.

Diagnosi

Se un dubbio o una foto ha instillato il sospetto di micosi della pelle è indispensabile rivolgersi al medico di base e al dermatologo. Non si tratta di allarmismo ma di un controllo doveroso in presenza di una vera e propria infezione.

Come curare la micosi della pelle- foto tantasalute.it

Il più delle volte lo studio dei sintomi e l’approccio visivo alle lesioni cutanee possono essere sufficienti per capire la natura dell’infezione e come curare la micosi della pelle. A volte, però, per evitare una diagnosi dubbia o errata, il medico può decidere di prelevare un piccolo campione di pelle dalla lesione per esaminarla al microscopio o può avvalersi della lampada di Wood per rilevare una fluorescenza tipica (es. giallo oro della Malassezia, verdastra per i dermatofiti e così via) ed escludere queste infezioni da dermatosi non causate da miceti.
Di fatto, la diagnosi del dermatologo tende a individuare il fungo responsabile e a categorizzare il tipo di micosi in una delle seguenti classi possibili al fine di approcciare una terapia antimicotica adatta:

  • Superficiali – Si tratta di infezioni che colpiscono pelle, capelli e unghie a livello superficiale;
  • Sottocutanee – Le infezioni di questo tipo si sviluppano a livello più profondo, ma relativamente al derma e alle strutture immediatamente sotto la pelle;
  • Sistemiche – I funghi finiscono per interagire con gli organi interni come i polmoni;
  • Opportunistiche – Le infezioni colpiscono solo le persone affette da deficit immunitario.

Rimedi

Il trattamento  prevede generalmente l’utilizzo di antimicotici per via orale o locale diretti in modo specifico a debellare il fungo causa dell’infezione, sopratutto quando non è possibile debellare la micosi cutanea con rimedi naturali.
Generalmente i farmaci per micosi della pelle per via locale sono proposti in forma di spray topici, creme, mousse, lozioni, smalti, detergenti e shampoo.

Gli antifungini orali sono usati soprattutto nelle micosi cutanee resistenti e nei pazienti incapaci di aderire a regimi topici prolungati. Tra i  principali farmaci antimicotici maggiormente impiegati nella terapia contro le micosi cutanee vi sono il clotrimazolo (Canesten®) per trattare micosi cutanee come la candidiasi cutanea, la pitiriasi versicolor e i funghi a piedi e pelle; il ketoconazolo (Nizoral®) per il trattamento di candidiasi cutanee e tigna di diversa origine, e la terbinafina (Lamisil®, Lamisilmono®) per la terapia di micosi cutanee provocate da dermatofiti e lieviti.

Rimedi micosi cutanea- foto chedonna.it

Il panorama di antimicotici è così vasto che spetta solo al medico scegliere il principio attivo e la posologia più indicati per il paziente, magari associando corticosteroidi topici come l’idrocortisone per alleviare disturbi e pruriti, soprattutto nei primi giorni.

Prevenzione

È possibile mettere in atto tutto un corredo di norme utili a prevenire una possibile infezione da funghi della pelle come:

  • uso di biancheria personale per limitare l’eventuale contagio dei funghi;
  • impiego di ciabattine di gomma nei luoghi ad alto rischio come docce comuni e piscine;
  • ridurre l’uso di abiti realizzati con fibre artificiali perché in grado di modificare il PH della pelle e favorire il ristagno di umidità;
  • scegliere detergenti che rispettano le proprietà difensive della pelle;
  • non esagerare con famaci come antibiotici e corticosteroidi perché rischiano di indebolire il sistema immunitario.
Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 41 Media: 2,7]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui