Home Salute Melena: cause, sintomi e cure per le feci picee

Melena: cause, sintomi e cure per le feci picee

La melena è una condizione caratterizzata da feci scure e maleodoranti (quasi mollicce) che si tende a trascurare un po’ per paura e un po’ per inconsapevolezza. Scopriamola meglio!

Melena- foto life.hu

Iniziamo col dire che non è una malattia vera e propria, ma un sintomo che consiste nella presenza di sangue digerito nelle feci.

Questo significa che le cause della melena nel bambino e nell’adulto possono essere diverse e anche piuttosto pericolose. Per questo non bisognerebbe mai trascurarla.

Feci nere e scure: Cause

Gastrite- foto recentlyheard.com

Le feci possono cambiare colore, consistenza e odore a seguito di un problema, ma nel caso della melena le cause sono riconducibili a un’emorragia.

Di fatto le feci picee sono dovute dell’ossidazione del ferro presente nell’emoglobina del sangue proveniente da un’emorragia nella parte alta dell’apparato gastroenterico (sopra al legamento di Treitx che collega il duodeno e il pancreas al rene destro).

Al contrario, se l’emorragia coinvolge la parte inferiore dell’apparato gastroenterico, allora si presentano con tracce rosso vivo. Si parla di ematochezia.

Questo significa che il sangue scuro nelle feci si manifesta in caso di patologie che provocano sanguinamento lento nel cavo orofaringeo, nell’esofago, nello stomaco e nel duodeno:

  • Gastrite – La melena può essere provocata da un’infezione da Helicobacter pylori o un sistema immunitario compromesso che infiamma la mucosa delle pareti interne dello stomaco.
  • Ulcera peptica – I sistemi di protezione della mucosa della parte finale di esofago, stomaco e duodeno vanno in tilt e provocano una lesione pericolosa.
  • Cancro – Il cancro allo stomaco, all’esofago, al colon o all’intestino tenue possono essere cause preoccupanti del melena (anemia da carenza di ferro e altri sintomi correlati).
  • Varici esofagee – Una condizione di ipertensione può provocare la rottura delle varici esofagee che irrorano la mucosa dell’esofago. Può essere fatale.
  • Infarto intestinale – L’ischemia o l’ostruzione delle arterie mesenteriche possono portare alla necrosi di una porzione di intestino.
  • Ebola – Il virus della famiglia dei Flaviviridae provoca una febbre emorragica che si rivela quasi sempre letale per l’essere umano.
  • Malaria – I protozoi appartenenti al genere Plasmodium generano un’infezione piuttosto pericolosa anche per l’intestino.
  • Febbre gialla – Il virus appartenente ai Flaviviridae può causare la melena, ma fortunatamente esiste un vaccino.

Più raramente la melena può avere cause non patologiche, prime tra tutte gli effetti collaterali dei farmaci (es. FANS).

Bisogna fare un discorso a parte per gli integratori di ferro che conferiscono soltanto una colorazione più scura alle feci (falsa melena).

Melena: Sintomi

Vomito- foto elternkompass.de

Anche se non si può parlare di sintomi della melena in senso stretto, è possibile rintracciare una serie di altri campanelli d’allarme che accompagnano il sanguinamento della parte superiore del sistema gastroenterico.

  • Diarrea e sangue nelle feci – Il sangue funge da lassativo naturale che irrita le mucose dell’intestino e stimola l’evacuazione anomala delle feci.
  • Vomito – Il quantitativo di sangue presente nello stomaco mette in moto i recettori responsabili del riflesso del vomito.
  • Azotemia ematica – A livello ematico si registra un aumento dell’azotemia, vale a dire la concentrazione della sostanza di scarto del metabolismo delle proteine.

Diagnosi

Analisi del sangue- foto pixabay.com

La diagnosi può essere effettuata da un gastroenterologo attraverso un’analisi dei sintomi e una serie di test ed esami clinici.

  • Esplorazione rettale – La digitazione del retto consiste nella valutazione tattile della parte interna.
  • Analisi del sangue – Le analisi devono constatare il livello di coagulazione del sangue, la percentuale di ferro e la quantità di emoglobina.
  • Analisi endoscopica – La gastroduodenoscopia indaga l’interno di stomaco e duodeno per chiarire la condizione degli organi.
  • Analisi colonscopica – La colonscopia permette di visualizzare l’interno del colon alla ricerca di danni e sanguinamenti.

Melena: medicina e cure

Medicine- foto pixabay.com

Il trattamento del melena passa dalla cura della causa patologica o non patologica sottostante, visto che non si tratta di una malattia vera e propria.

Il gastroenterologo può decidere di procedere con antiacidi in presenza di gastrite o ulcera, antimalarici in caso di contagio da malaria o medicinali trombolitici in associazione a un infarto intestinale.

L’intervento chirurgico, invece, viene riservato soltanto in casi più gravi, vale a dire quando la causa della melena sono tumori o lacerazioni delle varici esofagee.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui