Home Alimentazione Il mango e i suoi benefici

Il mango e i suoi benefici

Il mango è uno fra i più buoni e saporiti frutti tropicali che sono disponibili in commercio anche nel nostro paese. Il frutto viene coltivato principalmente in Asia da oltre 4mila anni, soprattutto in India, dove viene gustato al naturale ed è l’ingrediente base di molte ricette dolci e salate. Sicuramente il mango è un frutto che non passa inosservato, perché la sua forma è caratteristica, così lunga e ovale e il suo profumo è inconfondibile. Purtroppo la frutta tropicale che arriva nel nostro paese viene raccolta prematuramente dall’albero, perché possa maturarsi durante il viaggio e quindi arrivare al punto vendita pronta.

mango (1)

In questo modo molto del sapore e del profumo originario del frutto vengono persi, ma buone notizie arrivano per chi ama il sapore e la dolce consistenza della frutta tropicale. Sembra proprio che in Sicilia siano state sperimentate con successo le prime piantagioni di mango e il frutto ‘nostrano’ potrebbe sbarcare presto sulle nostre tavole. Scopriamo quali sono gli usi, le proprietà e i benefici di questo frutto esotico così speciale.

Proprietà nutritive del mango

Il mango è ricco di principi nutritivi, fra i quali spicca indubbiamente l’elevato contenuto di sali minerali. Si tratta di un frutto ricchissimo di acqua e i sali presenti nella polpa sono il magnesio, il sodio, il potassio, il calcio e il fosforo. La sostanza più interessante che si trova nel mango è però il lupeol, un potente antiossidante, ma il frutto vanta anche la presenza di abbondanti vitamine A e B, in particolare la B6, di vitamine C, D,E,J e di vitamina K.

In particolare, il mango vanta un importante contenuto di vitamina A e di vitamina C. La prima aiuta a mantenere integre le mucose dell’apparato respiratorio ed è fondamentale per la salute e la bellezza della pelle. La vitamina C è preziosa per l’organismo in quanto è un forte antiossidante, ma anche una vitamina che svolge un ruolo di potenziamento delle difese immunitarie e di aiuto del sistema ematico.

Oltre alle preziose vitamine descritte, il mango contiene molti oligominerali, in particolare il magnesio e il potassio, che lo rendono un eccellente anti-fatica e anti-stanchezza, quindi viene consigliato come frutto da assumere in caso di debolezza fisica e in fase di convalescenza.

Il mango vanta anche delle proprietà leggermente diuretiche ed è consigliato a chi soffre di ritenzione idrica. La ragione va ricercata nel suo elevato contenuto di acqua e negli oligo elementi positivi presenti nella polpa. Consumano il mango si procede ad eliminare le tossine e quindi a migliorare il fluire dei liquidi delle linfe. Come accade con tutta la frutta, anche questo alimento è in grado di contrastare la ritenzione idrica e quindi di migliorare in modo naturale la cellulite e l’antipatica pelle a buccia di arancia.

Che il mango sia amico della pelle è ben noto da millenni, perché il suo elevato apporto di vitamina A lo rende perfetto per chi deve migliorare l’epidermide, per chi soffre di acne o di pelle mista, ma anche di pelle secca o particolarmente sensibile. A tutto ciò si associa la presenza di beta carotene, che svolge una funzione di contrasto dei radicali liberi. Le proprietà antiossidanti del mango sono note, quindi il frutto è prezioso per chi desidera contrastare attivamente l’invecchiamento cellulare e mantenere un tono di pelle invidiabile nel corso del tempo. Il beta carotene è inoltre amico dell’abbronzatura e il consumo di mango nella stagioni primaverile ed estiva può rivelarsi di grande aiuto per proteggere la pelle durante l’esposizione solare e per favorire un’abbronzatura protetta, bella e uniforme.

Mango: un frutto che previene le malattie

pianta-mango

Una recente ricerca pubblicata sulla rivista Cancer Letters ha evidenziato come due componenti del mango, l’acido gallico e la mangiferina, siano in grado di prevenire l’insorgenza di malattie gravi come i tumori. Alcuni esperimenti ne hanno comprovato l’efficacia e la comunità scientifica sta quindi approfondendo l’azione di queste due sostanze ai fini della cura e della prevenzione del cancro. I medici sono in ogni caso concordi nell’affermare che il consumo di mango in caso di malattie aiuta la rigenerazione cellulare grazie alla presenza del di lupeol e anche della vitamina C. Il frutto svolge inoltre un’azione benefica a livello mentale, quindi si rivela essere importante nella dieta delle persone ammalate per renderla più propensa a migliorare le condizioni di salute emotiva e psicologica.

Il mango è certamente in grado di aiutare a prevenire l’insorgenza di malattie cardiovascolari. L’azione svolta dalle fibre e dalla vitamina C, in unione alla pectina, dimostrano che il mango gioca un ruolo attivo nel combattere il colesterolo cattivo LDL. Le fibre lavorano al contempo per combattere la stitichezza e favorire la digestione, evitando di sovraccaricare gli organi interni e quindi migliorando la salute dell’intero sistema digestivo. Ecco che il mango, così come tutta la frutta, svolge l’importante azione di combattere l’obesità e l’eccesso di peso, prerogative che sono molto spesso alla base dell’insorgenza di molte malattie anche pericolose.

È interessante notare che il mango svolge un’importante funzione a livello dell’apparato respiratorio e molte popolazioni lo consumano sotto forma di decotto, facendone bollire la buccia in acqua. Il decotto viene quindi lasciato intiepidire e consumato in caso di tosse e di irritazione bronchiale e viene consumato nella dose di due tazze al giorno per una settimana di cura. Chi soffre di problemi ai bronchi può quindi provare questo facile decotto, avendo l’accortezza di scegliere manghi di origine bio e controllata e di lavare con cura la buccia prima di metterla in infusione.

Il mango come fonte di energia

È indubbio che, come accade con molta frutta tropicale, il mango è un frutto piuttosto calorico. 100 grammi di polpa contengono infatti 55 calorie, il che si associa all’elevato contenuto zuccherino del frutto. Per queste caratteristiche il mango viene consigliato a chi sta vivendo periodi di spossatezza fisica e psicologica, ma anche a tutte le persone che hanno subito interventi e si devono riprendere o in seguito a cicli di cura con medicinali debilitanti come ad esempio gli antibiotici.

Il mango è una miniera di sostanze nutritive preziose, quindi chi desidera mangiarlo ma deve stare attento alla dieta fa bene a consumarlo al mattino, perché questo si rivela essere il momento migliore per mangiare la frutta più ‘corposa’, come a quella tropicale, le banane e la frutta secca. Mangiando il mango al mattino non solo si fa un pieno di zuccheri facili da smaltire, ma si assicura un apporto energetico che dura per tutto il corso della mattinata e che permette di arrivare più sazi e felici al momento del pranzo.

Il mango viene inoltre considerato un toccasana per gli sportivi e anche per gli studiosi, ma anche per le persone che soffrono di depressione e di nervosismo. La sua azione rilassante è dovuta all’apporto di zuccheri, quindi i benefici si estendono alla sfera mentale ed emotiva, aiutando a distendere i nervi e anche a migliorare l’umore nelle situazioni critiche.

Il mango in cosmetica

Il mango viene impiegato dalla notte dei tempi come ingrediente di molte preparazioni di bellezza e anche di prodotti cosmetici. Le ragioni sono molteplici, perché si tratta di un frutto dall’ottimo profumo, impiegato per preparare bagni doccia, creme corpo e prodotti per i capelli. Per quanto riguarda i cosmetici curativi, il mango viene scelto perché è in grado di contrastare attivamente l’acne e la pelle impura, ma si rivela essere un alleato anche della pelle secca e delicata. Ricco di vitamina A e di vitamina B, questo frutto è un potente anti age e non a caso le preparazioni che lo contengono sono mirate a rimpolpare la pelle del viso del corpo, nonché a nutrirla in caso di secchezza.

Il mango è ampiamente usato per preparare prodotti per i capelli. Lo shampoo, la crema e il balsamo possono vantare come protagonista questo frutto esotico, che grazie al contenuto di vitamina B nutre e ridensifica i capelli, aiutando anche a sedare le chiome ribelli grazie alle sostanze ammorbidenti contenute nella polpa.

Dal mango viene infatti estratto un burro che si rivela essere portentoso per chi soffre di pelle secca e delicata, ma anche capelli sfibrati e poco docili al pettine e che nella sua composizione mantiene inalterate le vitamine in esso contenute. Il burro di mango è la base per la preparazione di creme nutrienti per corpo e capelli, ma anche per impacchi conto la chioma secca e di maschere per il viso nutrienti e idratanti.

È interessante notare che le donne sono abituate a conservare il nocciolo con un po’ di polpa attaccata e lo usano per fare dei massaggi sul viso. La polpa e l’azione del nocciolo a contatto con la pelle permettono di purificarle e funzionano come idratante naturale portentoso. Dopo avere massaggiato al pelle per cinque minuti il mango viene quindi risciacquato e il risultato è una pelle che brilla di salute.

Mango: le controindicazioni

Come accade con quasi tutta la frutta tropicale, anche il mango è un frutto che deve essere consumato con attenzione, per l’alta quantità di zuccheri presenti nella polpa. I nutrizionisti sono concordi nel chiedere attenzione da parte di persone che soffrono di diabete, perché si tratta di un frutto calorico e molto zuccherino, che potrebbe generare picchi di glicemia.

Il mango deve essere ‘centellinato’ anche dalle persone che soffrono di coliti o diarrea frequente, perché l’elevato contenuto di fibre contribuisce a renderlo lassativo. Il mango deve quindi essere consumato con parsimonia nella dieta settimanale, soprattutto dalle persone che non sono abituate a mangiarlo con regolarità.

3 segreti sul mango

Abbiamo scoperto quasi tutto sul mango, ma ecco tre segreti che forse non ti aspetti svelati sul conto di questo buonissimo e profumato frutto tropicale

  1. Assumi il mango a digiuno, così puoi assimilarlo meglio. Si tratta della scelta di gustare il mango in versione naturale o frullato, magari con l’aggiunta di altra frutta fresca. Se il mango viene consumato a digiuno appena svegli, permette di apportare tante preziose vitamine all’organismo, risulta più digeribile e inoltre lavora per regalare una pelle di seta, provare per credere!
  2. Usa il mango contro l’insonnia: in molte culture il mango viene consigliato a chi soffre di insonnia, perché sembra proprio che vanti un potere fortemente rasserenante. Se ami la frutta tropicale e fai fatica dormire prova quindi a mangiarne qualche pezzetto prima di coricarti, il risultato potrebbe essere molto positivo.
  3. Sfrutta le foglie: le foglie del mango vantano proprietà antinfiammatorie e in molte regioni vengono scaldate, quindi racchiuse in un sacchetto e applicate sulla zona da trattare. Se acquisti un mango con le foglie ricorda di conservarle e prima di impiegarle lavale bene, perché molto probabilmente hanno fatto un lungo viaggio prima di arrivare sulla tua tavola.
Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 1 Media: 1]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui