Lordosi lombare: cos’è, cause, sintomi, esercizi e cura

La lordosi lombare è la curva fisiologica della colonna vertebrale nell’area lombare, ma può diventare patologica quando c’è un aumento o una riduzione della fisiologica lordosi lombare. Scopriamola meglio!

Perché la colonna vertebrale ha le curve? Normalmente la colonna vertebrale presenta una curvatura nella zona cervicale e lombare per favorire la mobilità. Quindi la lordosi lombare cos’è? Una curvatura normale.

Spesso la risposta a chi si chiede cosa è la lordosi lombare crea un luogo comune che la identifica come una problematica pur essendo, come abbiamo detto, fisiologica.

La situazione cambia quando la colonna vertebrale modifica il suo aspetto, vale a dire sussiste una rettilineizzazione della fisiologica lordosi lombare o un aumento della curvatura rispetto al normale.

Iperlordosi e ipolordosi lombare

A seconda di come si presenta la perdita della fisiologica lordosi lombare si può parlare di iperlordosi o ipolordosi.

  • Iperlordosi – La curva fisiologica della colonna vertebrale risulta più accentuata in avanti del dovuto nella zona lombare.
  • Ipolordosi – Questa condizione è caratterizzata da una riduzione della lordosi lombare (che può arrivare quasi ad appiattirsi del tutto).

Lordosi lombare: Cause

Cosa provoca la lordosi lombare? Le cause della lordosi lombare rettilineizzata o accentuata in avanti sono più che altro legate a posture scorrette. Tuttavia possono nascondere una condizione patologica di base.

Cause iperlordosi

  • Postura errata – Le persone che per lavoro o studio assumono posture scorrette per molte ore tendono a modificare la curva fisiologica della colonna vertebrale.
  • Cifosi – La cifosi causa un arrotondamento inconsueto della parte superiore della schiena, alterando la curva fisiologica.
  • Spondilolistesi – Una vertebra della colonna vertebrale scivola in avanti e impedisce il mantenimento di una postura corretta.
  • Disturbi congeniti – A causare questa condizione possono essere dei problemi congeniti alle articolazioni dell’anca o al bacino. Un esempio? Il rachitismo.
  • Aumento peso – Le situazioni che comportano un aumento di peso (es. sovrappeso o gravidanza) creano un carico maggiore sulla colonna, finendo per modificarla.
  • Discite – L’infiammazione a carico dello spazio del disco tra ossa e colonna è determinata da un’infezione che andrebbe trattata. 
  • Problemi ossei – I problemi alle ossa come l’artrosi o l’osteoporosi indeboliscono le strutture ossee e ne provocano il cambiamento.
  • Muscoli lombari deboli – I muscoli lombari svolgono un ruolo di sostegno alla colonna vertebrale, ma non assolvono al loro compito se sono particolarmente deboli.

Cause ipolordosi

  • Sedentarietà – Chi conduce una vita sedentaria tende ad assumere una postura scorretta e non riesce a rinforzare la muscolatura lombare. Il risultato è un cambiamento della curvatura della colonna.
  • Riposo – Dormire su un materasso incapace di offrire il sostegno adeguato alla schiena finisce per comprometterne la struttura.

Lordosi lombare: Sintomi

Quali sono i sintomi della lordosi lombare? Un lieve aumento o una lieve riduzione della fisiologica lordosi lombare potrebbe essere asintomatica. Le cose cambiano con l’aggravarsi della situazione.

I sintomi della lordosi lombare vanno dal dolore acuto localizzato alla sciatalgia fino alla difficoltà a mantenere una determinata posizione per più tempo.

È bene sapere che la riduzione o l’appianamento della lordosi lombare si mostra in modo più specifico, portando alla sporgenza dell’addome, all’arretramento dei glutei e allo spostamento del bacino.

Diagnosi

La diagnosi della lordosi lombare nelle donne e negli uomini passa dalla visita dello specialista (ortopedico), il quale valuta la situazione e prescrive una serie di test (es. radiografia della zona lombare).

Ipolorodosi e iperlordosi lombare: Cura e trattamenti

Chi si chiede come si guarisce dalla lordosi convessa in avanti o rettilineizzata deve sapere che l’approccio dipende dal livello di gravità della situazione.

Lo specialista prescrive quasi sempre degli antinfiammatori e degli antidolorifici per aiutare il paziente a gestire il dolore.

Nella maggior parte dei casi, poi, l’ortopedico suggerisce l’uso di plantari, gli esercizi per aumentare lordosi lombare mutuati da fitness e pilates e la terapia riabilitativa con massaggi e manipolazioni osteopatiche.

Un altro consiglio per tenere a bada l’ipolordosi e l’iperlodosi lombare riguarda come dormire (visto che il materasso potrebbe aver contribuito alla variazione della curva fisiologica).

Purtroppo i casi più gravi di ipolordosi e iperlordosi lombare possono avere conseguenze sulla deambulazione, minando la qualità di vita del paziente. L’unica soluzione è la chirurgia.

Esercizi per la lordosi lombare

Gli esercizi per la lordosi lombare agiscono sulla curvatura fisiologica della colonna in modo naturale. Come? Puntando ad alleviare il dolore e rinforzare la zona lombare. Ecco qualche esempio:

Basta sdraiarsi sulla schiena e appoggiare i polpacci sulla fitball, creare la posizione del ponte e scivolare giù sul pavimento (cercando di sentire ogni vertebra).

E ancora, bisogna sdraiarsi sulla schiena, tenere le ginocchia piegate, sollevare le gambe e tirare le ginocchia verso il petto. Dopodiché occorre poggiare il tallone di una gamba mantenendo il ginocchio opposto ancora poggiato al petto e procedere nell’altra direzione.

Inoltre è possibile stare in piedi, piegarsi in avanti poggiandosi si una gamba e stendere l’altra gamba verso dietro per sentire l’allungamento del flessore dell’anca.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

Myriam Amato

Informazioni sull'autore
Laureata in Informazione e sistemi editoriali, amante della cultura orientale e appassionata di benessere, salute e fitness.
Tutti i post di Myriam Amato