Home Alimentazione Latte di mandorla: benefici, controindicazioni e ricetta

Latte di mandorla: benefici, controindicazioni e ricetta

Il latte di mandorla possiede proprietà nutritive apprezzate in tutto il mondo. Si tratta di un prodotto dissetante e buono, molto popolare qui in Italia, la cui ricetta fonda le radici nei monasteri medievali della Sicilia. Viene utilizzato soprattutto durante i mesi più caldi per realizzare bevande fredde.

Il suo sapore è veramente buono, una bevanda dolce e gustosa. Se vi piacciono le mandorle, apprezzerete senza dubbio anche il loro “latte”, chiamato così solo per il suo colore biancastro! All’interno di questo articolo vedremo quali sono i benefici del latte di mandorle, le controindicazioni e la ricetta per crearlo in casa.

Se preferite acquistarlo, sappiate che un litro di latte di mandorla costa circa 5€, lo trovate in qualsiasi negozio biologico (naturale al 100% o con l’aggiunta di dolcificanti) o online.

Latte di Mandorla

Benedici del latte di mandorla

Le proprietà delle mandorle sono tutt’oggi apprezzati, specialmente da coloro che seguono la dieta vegana e vogliono sostituire il classico latte di mucca con qualcosa di vegetale. Tuttavia ricordiamoci che il latte di mandorla a livello nutrizionale non sostituisce quello animale, i quali infatti sono molto diversi.

Vediamo quali sono le proprietà nutritive dal latte di mandorla.

  • Il latte di mandorle è definito un latte vegetale, possiede molti nutrienti, tra cui le fibre, le vitamine, il ferro, il calcio, il fosforo e il potassio.
  • È un potente digestivo, può esservi d’aiuto se non riuscite a digerire bene.
  • Abbassa il livello di colesterolo cattivo nel sangue.
  • Possiede antiossidanti in quantità discrete, aiuta quindi l’organismo a combattere i radicali liberi, i tumori e l’invecchiamento cellulare.
  • Abbassa il livello di zuccheri nel sangue.
  • Mantiene in buona salute le vene e le arterie.
  • Aiuta l’intestino a liberarsi dalle tossine. Non a caso è consigliato a coloro che devono eliminarle dal corpo.
  • Trattandosi di un buon regolatore intestinale, è utile anche in caso di diarrea e colite.
  • Il latte di mandorla viene digerito dal corpo con estrema facilità, cosa che invece non accade con il latte animale.

Potete approfondire leggendo in questo articolo quali sono le proprietà nutritive delle mandorle dolci.

Controindicazioni del latte di mandorla

DSC_0002

Il latte di mandorle ha alcune controindicazioni. Nonostante in linea generale possiede numerose proprietà nutritive e presenta quindi diversi benefici per l’organismo, bisogna ricordarci che se consumato in eccesso può dare effetti collaterali.
La mandorla è un alimento molto calorico. Pensate infatti che, per ogni 100 ml di latte di mandorle, vi sono ben 50 calorie. Non dovete utilizzarlo in quantità eccessive se state seguendo una dieta, ma solo in maniera molto sporadica.

È consigliato non superare mai la quantità di un bicchiere al giorno, perché altrimenti potrebbe creare infiammazioni.

Come e quanto si conserva il latte di mandorla

Il latte di mandorla si conserva molto più a lungo rispetto al latte di mucca, motivo in più per cui, soprattutto nel passato, veniva preferito.
Il latte di mandorla può essere conservato per un massimo di 4 giorni, sempre in frigorifero.

Come si consuma il latte di mandorla

Il latte di mandorle può essere consumato in molti modi diversi. Potete ad esempio gustarne un bel bicchiere freddo, potete utilizzarlo per creare granite, dolci o piatti salati. Personalmente preferisco utilizzarlo nei frullati di frutta, oltre a renderli più gustosi ne esalta le proprietà.
Il latte di mandorla potete utilizzarlo anche a caldo. Ad esempio può essere utilizzato in sostituzione della panna da cucina in alcune ricette, oppure può essere aggiunto al purè di patate per renderlo più buono.

Ricetta del latte di mandorla

Ingredienti

100 grammi di mandorle
1 litro d’acqua bollente.

Preparazione

Frullate insieme i 100 g di mandorle sbucciate e il litro d’acqua bollente. Lasciate riposare per due ore circa. Quando la bevanda è fredda, filtrate con un colino. Dopo imbottigliatelo nel vetro utilizzando un imbuto. Mettete in frigo. Consumarlo entro massimo 4 giorni.

Latte di mandorla a livello cosmetico

A livello cosmetico è molto apprezzato l’olio di mandorle. Tuttavia anche il latte di mandorla ha delle discrete proprietà.
Potete utilizzare il latte di mandorle per creare impacchi rigeneranti, per detergere e per struccare la pelle. Rende la pelle soffice e idratata. Se avete fatto voi il latte di mandorle, vi starete chiedendo come utilizzare le mandorle tritate restate “fuori” dal composto. Oltre che ovviamente utilizzare l’impasto per qualche gustosa ricetta, potete anche sfruttarlo per creare una maschera per il viso. Si rivelerà un perfetto antirughe!

Si può utilizzare il latte di mandorla per i bambini?

Abbiamo già parlato del fatto che sostituire il latte vaccino con quello di soia per i neonati non è una buona idea. Bene, neanche il latte di mandorla in realtà va bene. Non è una fonte di nutrimento adeguata. I rischi per la salute del bambino sono gravi, si va dalla malnutrizione a complicazioni possibili anche per tutti gli anni futuri.

Se da una parte il latte di soia può sostituire di tanto in tanto quello vaccino, lo stesso discorso non vale per il latte di mandorle. Non va neanche alternato al latte in polvere o quello materno, resta sempre pericoloso. Alcuni studi condotti hanno sottolineato che il bambino che consuma latte di mandorla, hanno un elevato rischio di sviluppare una tiroide cronica autoimmune.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 87 Media: 2,9]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui