Home Al Femminile Mamma La terra rafforza lo stomaco: niente paura, mamme!

La terra rafforza lo stomaco: niente paura, mamme!

terra e bambini

Uno studio Americano effettuato alla Cornell University di New York ha certificato che la terra rafforza lo stomaco. Eh sì avete capito bene. La dottoressa Sara Young coordinatrice del progetto, ha svolto alcune ricerche con lo scopo di aiutare le persone affette da ‘geofagia’ cioè il vizio compulsivo di ingerire elementi non commestibili come terra carta e gesso. Si tratta di una malattia vera e propria che colpisce molti adulti. Ovviamente i risultati delle ricerche sono poi stati estesi a tutti i soggetti, bambini compresi.

La terra è ricca di minerali come zinco, ferro e calcio che riescono a creare una barriera nello stomaco verso i parassiti e le infezioni. Le ricerche sono state effettuate su un campione di 80 persone adulte che abitualmente mangiano terra argilla o gessi. I risultati sono stati comparati con quelli di anni precedenti effettuati su le popolazioni indigene, solitamente dei paesi tropicali, che effettuano la pratica della geofagia.

In questi posti lontani la pratica di mangiare argilla e terra è molto diffusa soprattutto nelle donne in gravidanza e nell’età della pubertà.

Empiricamente gli indigeni cercano con questa pratica di creare una barriera contro infezioni e parassiti che potrebbero attaccare il loro stomaco. Una sorta di vaccino naturale contro le infezioni. E gli studi effettuati a New York confermano l’efficacia di questa pratica.

Sono ben 480 le culture indigene dove si pratica la geofagia. Per poter fare delle ricerche veramente approfondite lo staff della dottoressa Young ha dovuto riferirsi sia a ricerche mediche che antropologiche, senza dimenticare le relazioni dei tanti missionari che lavorano in queste terre lontane e che riportano con cura le abitudini e la cultura dei popoli indigeni di tutto il mondo.

Ma tante sono le persone adulte che praticano abitualmente la geofagia anche nei paesi così detti civilizzati. Per anni si è pensato che fossero un po’ pazzi. Poi il mondo medico scientifico si è interessato a questo aspetto, fino a ottenere i risultati odierni.

Dunque, si sa i bambini tendono a mettere in bocca di tutto. E non è difficile che giocando ingeriscano della terra.

Sapete come si dice dalle mie parti?

“quello che non ammazza, ingrassa!”

Quindi non cedete a scene isteriche (come molte di noi sanno fare) e tranquillizzatevi. Ricordate che la pennicellina deriva dalla terra. Ovvio non è che dovete dare pane e argilla per merenda ai vostri bambini, ma un atteggiamento più elastico nei confronti dello sporco in generale potrete pur permettervelo, no?

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 1 Media: 5]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui