Kick boxing: storia, tecniche e benefici

Gli ultimi anni hanno visto un crescente interesse per gli sport da difesa personale non solo per la tecnica ma soprattutto per i benefici su corpo e mente. Scopri se la kick boxing è l’attività che fa per te!

Allenamento kick boxing- foto fightandfitness.it

La kick boxing o kickboxing è un’arte marziale nata ufficialmente solo negli anni ’70 in quanto una particolare forma di pugilato in cui viene consentito l’uso dei piedi.

Lo sport di combattimento di origine giapponese risulta adatto a tutti coloro che vogliono approcciarsi a uno strumento di difesa personale e allo stesso tempo perdere peso, tonificare i muscoli e scaricare la tensione.

Kick boxing: storia e regole

La kick-boxing trova origine nelle arti marziali giapponesi come il karate ed è proprio con il nome di Karate Full Contact che fu realizzato il primo torneo ufficiale a cavallo tra gli anni ’60 e ’70 .

In un secondo momento furono introdotti guantoni da kick boxing e protezioni, portando la kick-boxing ad allontanarsi dal combattimento a mani e piedi nudi tipici del karate e ad avvicinandola alla boxe.

L’evoluzione della kick boxing corrisponde a varie forme di combattimento: Full Contact (combinazioni pugni e calci al di sopra della vita e gli incontri in round), Semi Contact (obiettivo parte frontale e laterale del viso e del busto e incontro determinato da voti) e Light Contact (ammessa la parte superiore del busto e combattimento non interrotto dopo un solo colpo).

Kick boxing: tecniche

L’allenamento di kick-boxing punta a insegnare tecniche di pugno e di calcio e alcuni movimenti base di difesa.

I vari tipi di pugno (diretto, gancio e montante) ricordano quelli dell’allenamento boxe, la pratica può prevedere l’uso del sacco e la tecnica dei calci risulta più complessa (calcio frontale con gamba portata prima al petto e poi stesa in avanti, calcio rotante che punta a gambe, fianco o volto oppure calcio a uncino con una rotazione di 90 gradi).

L’aspetto più importante della kick-boxing  è la difesa personale: i tipi di presa (clinch) aiutano a bloccare l’avversario durante il combattimento.

Kick boxing: benefici

La kick-boxing riserva vari effetti positivi sia sotto il profilo fisico che sotto il profilo mentale: ogni muscolo viene sollecitato (gambe, addome e braccia), il numero di calorie bruciate aumenta in modo esponenziale e la tecnica migliora la fiducia in se stessi.

I benefici legati alla kick boxing e il tipo di allenamento stimolante hanno decretato il successo della disciplina in molti centri italiani.

Kick boxing femminile

L’interesse maggiore verso la kick boxing è stato registrato dal pubblico femminile: l’importanza di sapersi difendere si sposa perfettamente con un’attività che migliora la circolazione, elimina la cellulite e tonifica i muscoli.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 1 Media: 1]

Myriam Amato

Informazioni sull'autore
Laureata in Informazione e sistemi editoriali, amante della cultura orientale e appassionata di benessere, salute e fitness.
Tutti i post di Myriam Amato