Home Salute Ipotiroidismo: Sintomi, diagnosi, cura e gravidanza

Ipotiroidismo: Sintomi, diagnosi, cura e gravidanza

ipotiroidismo

Quando la tiroide non funziona regolarmente, possono venir riscontrati in ambito medico diversi tipi di problemi, come ad esempio l’ipotiroidismo e l’ipertiroidismo. Nel caso dell’ipotiroidismo, praticamente la ghiandola della tiroide non produce ormoni tiroidei regolarmente.

L’organismo viene spesso paragonato a una macchina, proprio perché ogni sua parte deve funzionare correttamente. La tiroide è fondamentale non solo per una vita sana, ma per la vita stessa. Se nel sangue gli ormoni tiroidei vengano a mancare o scarseggiano, significa che la persona soffre di ipotiroidismo. Adesso verranno elencate alcune delle possibili cause.

Ipotiroidismo: le cause

  • Rimozione di tutta la tiroide, o solo una parte
  • Malattie autoimmuni
  • Cure radioattive

Malattie autoimmuni

L’organismo non si comporta come dovrebbe, senza un motivo preciso per farlo. Ovvero nel preciso caso dell’ipotiroidismo, non distinguerà gli enzimi e le cellule della tiroide. Di conseguenza quest’ultime verranno attaccate come fossero sostanze nocive per il corpo.
Ovviamente in questo modo verranno a mancare gli ormoni, ed ecco scaturire i problemi correlati. Questo tipo di malattia colpisce uomini e donne, ma grazie alle ricerche in merito, è stato constatato che sono le donne a soffrirne di di più.

Rimozione di tutta la tiroide, o solo una parte

La rimozione di tutta o parte della tiroide viene presa in considerazione in quei casi dove si presentano malattie alla tiroide di grave entità, oppure dei noduli ritenuti da rimuovere. Viene intrapresa la via chirurgica per ovviare al problema. Nel caso la tiroide venisse rimossa in parte, è probabile che l’organismo riesca a lavorare ugualmente. Mentre nel caso fosse rimossa completamente, allora in quel caso le persone vengano considerate ipotiroidei al 100%.

Cure radioattive

Spesso molte persone che presentano gravi malattie (come il gozzo nodulare ad esempio), verranno sottoposte dal medico alle cure radioattive. Tra questi metodi rientra anche lo iodio radioattivo. O terapia con laser, in pratica un bombardamento per distruggere le cellule tumorali.
Ovviamente queste cure, possono aggravare su un corretto funzionamento della tiroide, ovvero una perdita completa o parziale.

Altre cause dell’ipotiroidismo

Esistano molti altri problemi collegati all’ipotiroidismo che interferiscono con il corretto funzionamento della tiroide. Le cause sono di vario genere, ad esempio vi sono persone che presentano la tiroide in un’altra zona del corpo. In questo caso si parla di tiroide ectopica.

Un altro caso è quello di persone che non presentano la ghiandola della tiroide nel momento della nascita. Oppure è presente, ma solo in parte. In questo caso viene diagnosticata come ipotiroidismo congenito.

Un infezione di tipo virale, oppure per causa di un attacco autoimmune, potrà scaturire una infiammazione della tiroide. Si parla in questo specifico caso di Tiroidite. Questo problema può far insorgere un sovrannumero di ormoni nel sangue. Quest’ultimi si depositeranno nel sangue e consecutivamente si accumuleranno fino ad essere troppi.

Lo iodio è essenziale per la tiroide e il suo corretto funzionamento. Proprio grazie a questa sostanza, la ghiandola tiroidea riesce a creare ormoni. Un quantitativo insufficiente o eccessivo di iodio compromette la funzione di questa ghiandola.

Grazie all’alimentazione è possibile assimilare lo iodio. Il sangue conduce lo iodio alla tiroide e la ghiandola inizia a lavorare. Prestare dunque attenzione sempre a cosa e quanto mangiare. Inoltre è importante sapere che l’ipotiroidismo potrà peggiorare, a causa di un eccesso di sodio nel sangue.

ipotirodismo 2

Sintomi dell’ipotiroidismo

  • Depressione
  • Stanchezza immediata dopo poco tempo di attività fisica
  • Memoria che viene a mancare
  • Più sensibilità verso il freddo
  • Stitichezza
  • Il metabolismo basale viene rallentato.
  • Il desiderio sessuale diminuisce
  • La pelle si presenta spenta e opaca
  • Può avvenire anche la formazione del gozzo
  • I capelli iniziano a cadere in modo più copioso
  • La persona inizia a sudare di meno
  • Potrebbe presentarsi anche un rallentamento delle facoltà mentali in generale
  • Le donne potrebbero notare che il ciclo mestruale non è più regolare come una volta

Queste sono solamente alcuni dei possibili sintomi, correlati ad un numero troppo basso di ormoni prodotti dalla ghiandola della tiroide. L’organismo ne risente ed ecco alcune delle conseguenze appena citate.

Un esame del sangue potrà togliere da ogni dubbio chiunque creda di essere affetto dal ipotiroidismo.

Diagnosi per l’ipotiroidismo

L’esame TSH è quello che determina se vi è presente una patologia (o altri problemi) della tiroide come appunto l’ipotiroidismo. Dato che in molti casi le malattie e i problemi di questa ghiandola hanno origine ereditarie, se in famiglia vi è qualcuno che soffre di problemi alla tiroide, sarebbe bene sottoporsi a un controllo periodico, così da capire subito se e quando le funzionalità di questa ghiandola sono compromesse.

Sfortunatamente i sintomi riescano a camuffarsi bene. Ovvero non vi sono sintomi rivolti all’ipotiroidismo che non siano presenti anche in altre patologie o disturbi.

L’unico cosa realmente certa è che i campanelli d’allarme inviati dal corpo sono molti, ma come accennato prima non è detto che siano collegati proprio alla tiroide. Per questo motivo in caso di dubbio o perplessità, è bene sottoporsi a una visita e chiamare subito il proprio medico curante.

Sottoporsi a controlli periodici è già una buona soluzione per tutelare il corpo, o per curarsi dai problemi alla tiroide. Un esperto come un medico potrà notare se vi sono presenti dei cambiamenti o problemi veri e propri.

  • Battito del cuore più lento
  • Gonfiore
  • Diminuzione dei riflessi
  • Pelle secca

Questi sono solamente alcuni dei cambiamenti che potrà diagnosticare un medico.

Farmaci per l’ipotiroidismo

Grazie alla tiroxina, una sostanza presente in alcuni tipi di farmaci, sarà possibile tenere a bada l’ipotiroidismo. Il livello di ormoni in questo modo potrà stabilirsi e evitare così molti problemi di salute.

Solitamente le persone che soffrano di ipotiroidismo, sono in cura perennemente. In alcuni casi però, alcune persone sono riuscite a ridurre i propri sintomi e guarire in maniera parziale.

Gli effetti collaterali dell’eutirox

A causa di un uso scorretto di farmaci (come l’eutirox per esempio) che presentano al suo interno la tiroxina, si potranno notare di alcuni problemi nuovi, comparsi proprio dall’assunzione del medicinale. Ecco un elenco di alcuni effetti indesiderati:

  • Un acceleramento della frequenza cardiaca
  • Grande appetito (tendenza così a ingrassare)
  • Muscoli indeboliti
  • Affanno durante la respirazione
  • Avere caldo quando in realtà le temperature esterne dicono il contrario
  • Insonnia
  • Irritabilità

E’ necessario prestare molta attenzione alla cosa, visto che questi effetti indesiderati potrebbero nel tempo aumentare d’intensità. Se si notano, contattare un medico per vedere se è necessario ad esempio diminuire la quantità del farmaco assunto.

Altra cosa da ricordare è che, alcuni farmaci, possono interferire con l’assunzione di tiroxina. In questo caso, prima di iniziare una qualsiasi cura, è bene ricordare al medico in questione che si assume il medicinale per la cura dell’ipotiroidismo.

Ricordiamo inoltre che il livello di TSH deve rimanere nei parametri considerati normali secondo i medici. Nel caso il paziente fosse una donna in dolce attesa, i controlli saranno ancora più frequenti e ravvicinati l’uno all’altro.

Per quanto riguarda il dosaggio dei farmaci, il livello è del tutto individuale. Sarà appunto lo specialista a individuarlo e somministrarlo.

Ipotiroidismo in caso di gravidanza

GRAVIDANZA

Per quanto riguarda le donne in stato di gravidanza, il bambino potrà riscontrare alcuni effetti negativi se la mamma è affetta da ipotiroidismo.

Ma quali sono i sintomi correlabili a questo tipo di problema nelle donne in dolce attesa? Alcuni dei campanelli di allarme che l’organismo manda sono:
La caduta di capelli, la concentrazione viene compromessa, il freddo viene accusato molto di più del normale, ecc.

Il bambino come accennato prima, potrà presentare molti problemi, se l’ipotiroidismo viene tralasciato. Il suo sviluppo a livello cerebrale, potrà essere compromesso ad esempio. Quindi è bene che in gravidanza le donne prestino maggiore attenzione al problema, se sono affette da l’ipotiroidismo.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 1 Media: 4]
ClaudiaL
Appassionata di dieta, alimentazione, benessere e rimedi naturali. Curiosa quanto basta per tenermi sempre aggiornata e creare contenuti che possono rivelarsi utili agli altri!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui