Home Integratori Alimentari & Cosmetici Inulina integratore: cos’è e a cosa serve

Inulina integratore: cos’è e a cosa serve

L’inulina è uno zucchero presente in molte piante come carboidrato di riserva che, quando viene ingerito dall’uomo, mima le caratteristiche di una fibra solubile indigeribile che apporta notevoli benefici. Ma perché assumere un integratore di inulina?

Inulina- foto prezzisalute.com

La fibra vegetale solubile si ricava dalle piante della famiglia delle Asteraceae o Composite (cicoria, topinambur, asparagi, radici di bardana e tarassaco) si presenta come uno zucchero oligosaccaride (zucchero semplice composto da più molecole di zucchero).

La risposta a chi si chiede l’inulina cos’è trova risposta nel comportamento da prebiotico della fibra una volta che viene ingerita, vale a dire una sostanza che lavora per favorire la proliferazione del batteri Lattobacilli e Bifidobatteri che compongono la flora intestinale e promuovono la salute dell’intestino.

La fibra crea un substrato ai batteri per la produzione di acido butirrico, un composto che riserva notevoli effetti benefici all’intestino, e inibisce la proliferazioni di batteri dannosi responsabili delle intossicazioni alimentari.

Inulina: Proprietà

Intestino- foto dagbladet.no

L’inulina riserva numerose proprietà che si esplicano maggiormente nell’intestino ma che possono coinvolgere anche altre parti dell’organismo.

  • Flora intestinale – La fibra vegetale svolge una funzione antibiotica che ripara la flora batterica danneggiata.
  • Lassativo – La natura stessa della fibra vegetale migliora il transito intestinale e genera un blando effetto lassativo.
  • Colesterolo – L’effetto positivo sulla flora batterica intestinale abbassa i livelli di colesterolo, glicemia e trigliceridi nel sangue.
  • Intossicazioni alimentari – L’azione protettiva nei confronti di agenti dannosi impedisce lo sviluppo di intossicazioni alimentari.
  • Assorbimento intestinale – Secondo alcuni studi, il frutto-oligosaccaride potrebbe favorire l’assorbimento intestinale di minerali quali calcio e magnesio.
  • Infiammazioni intestinali – La proprietà riequilibrante che sviluppa sui batteri intestinali gestisce gli stati infiammatori a livello intestinale dovuti alla cattiva alimentazione e allo stress.
  • Problemi digestivi – La perfetta funzionalità intestinale riduce la comparsa di meteorismo e flatulenza e limita il senso di fame.

Integratore di inulina: dove si compra e a cosa serve

Integratore in polvere- foto farmajet.blog

Gli integratori di inulina sotto forma di polvere da sciogliere in acqua e capsule sono disponibili in farmacia, erboristerie e store online più forniti.

Nella maggior parte dei casi, però, l’integratore di inulina diventa il migliore amico di tutti coloro che vogliono perdere peso.

Se si considera il profilo nutrizionale, la fibra solubile non viene digerita e viene assorbita dall’organismo soltanto per il 20%-30%, riducendo così la quota calorica (4,2 Kcal per 5 grammi).

Gli studi scientifici portati avanti sulle proprietà della fibra alimentare hanno spinto verso l’uso dell’inulina integratore per potenziare gli alimenti probiotici e migliorare la sopravvivenza dei fermenti lattici che verrebbero annientati dai succhi gastrici.

Inulina in cucina

Prodotti da forno- foto comunicaffe.it

L’oligosaccaride può essere utilizzato in campo culinario come ingrediente e non come prodotto puro. Come?

È possibile trovare la fibra vegetale come ingrediente di prodotti da forno per renderli digeribili, come elemento extra di gelati e sorbetti per migliorarne la stabilità e come dolcificante sostitutivo dello zucchero.

Inulina: capelli e pelle

Capelli crespi- foto evehealth.ru

Non è raro trovare la fibra vegetale tra gli eccipienti di un prodotto destinato alla cura della pelle o dei capelli. Perché?

La fibra vegetale possiede un effetto lisciante perfetto per i capelli crespi, rende voluminosi e setosi i capelli e regola la flora batterica cutanea a favore della salute del cuoio capelluto.

Modalità d’uso e dosaggi

Dosi consigliate- foto donna.fanpage.it

La dose giornaliera consigliata va dai 4 grammi agli 8 grammi, una quantità che deve essere calibrata a seconda del singolo caso.

L’ideale sarebbe cominciare ad assumere mezzo cucchiaino di inulina in polvere al giorno disciolto in mezzo bicchiere d’acqua tiepida in modo da abituare l’intestino poco per volta.

Soltanto dopo una settimana, se non sono stati riscontrati effetti collaterali, è possibile assumerla secondo le dosi consigliate per un mese.

Il consiglio è quello di rivolgersi al medico prima di assumere qualsiasi tipo di integratore per definire il dosaggio adeguato e assumerlo in totale sicurezza.

Inulina: Effetti collaterali e controindicazioni

Meteorismo- foto qualbuonvento.com

L’inulina integratore, nonostante le proprietà e i benefici, potrebbe riservare alcuni effetti collaterali legati per lo più a un sovra dosaggio o a condizioni personali: meteorismo, flatulenza e dolori addominali.

L’assunzione di questo integratore viene controindicata in caso di terapia farmacologica in quanto potrebbe inibire l’assorbimento del principio attivo, in caso di problemi intestinali visto la bassa tolleranza alle fibre o in caso di ipersensibilità al frutto di oligosaccaridi.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui