Home Integratori Alimentari & Cosmetici Integratori in menopausa: farmacia o naturali? Quali sono gli effetti collaterali?

Integratori in menopausa: farmacia o naturali? Quali sono gli effetti collaterali?

La menopausa è un momento della vita della donna in cui il corpo subisce notevoli cambiamenti e necessita di particolare attenzione. Scopriamo perché assumere integratori in menopausa!

Integratori- foto pinterest.com

La fase corrisponde al momento in cui il corpo femminile si trova alla fine della sua fertilità e subisce dei cambiamenti che possono provocare vari disturbi della menopausa piuttosto difficili da accettare come sintomatici dell’invecchiamento.

La carenza di estrogeni porta con sé il sintomo più frequente delle vampate di calore, oltre che la riduzione della vascolarizzazione che promuove la demineralizzazione ossea.

A questi problemi si aggiungono alcuni sintomi che caratterizzano la menopausa come nervosismo, ansia, depressione, disturbi del sonno, perdita di elasticità della pelle, mancanza del desiderio sessuale e disturbi urologici.

In commercio è possibile trovare diversi integratori che permettono di alleviare i disturbi e trattare i singoli casi in modo specifico. Quali integratori assumere in menopausa?

Integratori ormonali

Vampate di calore- foto medscape.com

I migliori integratori in menopausa a base ormonale rappresentano la scelta più efficace per alleviare i disturbi legati alla fase delicata in cui si trova la donna.

La sfera ormonale subisce un’alterazione importante che provoca sbalzi di umore e vampate di calore che possono diventare motivo di impaccio.

Quella che viene chiamata terapia ormonale sostitutiva non è altro che una cura farmacologica fondata sull’uso di ormoni femminili, progestinici ed estrogeni che tenta di compensare la carenza ormonale durante la menopausa.

Pillole, cerotti o gel a uso topico possono essere utilizzati soltanto dietro un’attenta valutazione dello stato di salute e una prescrizione medica.

I risvolti positivi degli integratori ormonali riservano un rovescio della medaglia fatto di effetti collaterali quali ritenzione idrica, tensione al seno o gonfiore addominale.

Integratori in menopausa

Menopausa- foto femeia.ro

Oltre agli integratori ormonali, il corpo di una donna in menopausa può avere bisogno di un altro tipo di sostegno:

  • Calcio e vitamina D – Gli integratori per dolori articolari in menopausa e le formulazioni base di calcio e vitamina D favoriscono il corretto assorbimento di calcio a livello intestinale per rendere il minerale biodisponibile e contrastare l’osteoporosi.
  • Melatonina – Tra gli integratori per il sonno in menopausa spiccano quelli a base di melatonina, ormone prodotto dall’ipofisi che controlla il ciclo sonno-veglia e contrasta gli effetti legati alla carenza ormonale quali insonnia e vampate notturne.
  • Magnesio – Il minerale è importantissimo per regolare la temperatura corporea, contrastare le vampate di calore e influenzare positivamente il sistema nervoso.

Integratori di fitoestrogeni

Soia- foto naturalfoodseries.com

La soluzione naturale alla terapia ormonale arriva dagli integratori di fitoestrogeni, formulazioni a base di sostanze di origine vegetale con capacità estrogeniche (isoflavoni e lignani).

La struttura chimica e l’azione biologica degli estrogeni di origine vegetale sono molto simili a quelli degli ormoni utilizzate nelle terapie ormonali e possono rappresentare una valida terapia sostitutiva.

Le case produttrici offrono una vasta gamma di soluzioni con caratteristiche differenti, motivo per cui occorre chiedere il parere del medico o del ginecologo:

  • Isoflavoni di soia – Le sostanze con azione estrogenica estratte dalla soia sembrano riuscire a contrastare la carenza ormonale e i suoi effetti come l’irritabilità e le vampate, oltre che l’osteoporosi. Ma attenzione a non usarli in caso di ipotiroidismo per evitare interferenze con l’attività della tiroide!
  • Cimicifuga – I rizomi della pianta officinale riservano componenti fitoestrogeni che aumentano i livelli di serotonina e tengono sotto controllo l’umore e le vampate di calore.
  • Salvia officinalis – La pianta possiede un olio essenziale e un pool di flavonoidi che agiscono sulle ghiandole sudorifere e alleviano le vampate di calore e la sudorazione eccessiva.
  • Ginseng – La radice di ginseng possiede dei composti chiamati ginsenosidi che regolano i livelli ormonali e tengono a bada i sintomi legati alla menopausa.
  • Biancospino – Il piccolo arbusto contiene un’elevata percentuale di flavonoidi che sviluppa un’azione vasodilatatrice, migliora l’assorbimento del calcio e contrasta il problema dell’insonnia.
  • Melograno – La buccia di melograno contiene acido ellagico con proprietà simil-estrogenica mentre i semi possiedono polifenoli con spiccate doti antiossidanti, l’ideale per gestire gli sbalzi di umore, le vampate e la fragilità ossea.
  • Luppolo – Questa pianta nasconde un mix di flavonoidi con azione simil-estrogenica che stimola le funzioni ovariche e sviluppa un effetto sedativo.

Combattere la ritenzione idrica

Ritenzione idrica- foto fitbodywrap.com

Abbiamo già accennato alla ritenzione idrica come a uno dei segnali visibili dovuti ai cambiamenti ormonali della menopausa.

Trattare la cellulite durante la menopausa è possibile optando per uno degli integratori a base di erbe e principi attivi naturali appositamente studiati:

  • Pilosella – Le proprietà diuretica legata ai flavonoidi e in particolare al luteoloside stimolano i reni a espellere sodio e cloro e promuovono una maggiore escrezione urinaria, combattendo la ritenzione idrica.
  • Tè verde – La ricchezza dei polifenoli si rivela importante per l’eliminazione delle tossine, la presenza delle catechine stimola il metabolismo, le xantine promuovono l’eliminazione renale di acqua ed elettroliti mentre le teofilline migliorano la filtrazione a livello renale.
  • Ananas – Gli estratti vegetali del gambo possiedono un potere antinfiammatorio e decongestionante che si traduce in una lotta serrata alla ritenzione idrica e alla cellulite.
  • Betulla – La linfa di betulla promette di eliminare i liquidi in eccesso e contrastare gli inestetismi cutanei come la cellulite.

Dimagrire in menopausa: integratori

Prendere peso in menopausa- foto eu.courier-journal.com

L’aumento di peso è una delle conseguenze dirette del cambiamento che il corpo vive in menopausa, soprattutto a livello addominale.

Gli integratori per dimagrire in menopausa e gli acceleratori di metabolismo che si trovano in commercio possono aiutare le donne in menopausa coinvolte da tale problema a migliorare i risultati di un’alimentazione corretta e uno stile di vita sano:

  • Citrus Aurantium –Il fitocomplesso dell’arancio amaro e in particolare la sinefrina ha dimostrato di riuscire a ossidare gli acidi grassi e a contrastare il grasso presente a livello addominale.
  • Garcinia – Tra gli integratori naturali per dimagrire in menopausa non possiamo non parlare della garcinia, una pianta capace di influenzare il metabolismo dei grassi e di disciogliere il grasso depositato a livello sottocutaneo.
  • Fucus – Il fucus si rivela un’alga che agisce sulla funzionalità tiroidea e attiva il metabolismo in modo da evitare ritenzione idrica, cellulite e aumento di peso.

Integratori per la pelle in menopausa

Integratori pelle- foto teotrandafir.com

Nell’articolo come proteggere la pelle durante la menopausa avevamo accennato all’effetto della carenza di estrogeni sulla pelle e sui capelli e alla possibilità di assumere integratori per menopausa con fitoestrogeni con l’obiettivo di limitare l’impatto avverso nei confronti di pelle e capelli.

  • Pelle – La pelle perde elasticità e appare secca e gli integratori pelle viso in menopausa possono aiutare a gestire la situazione: vitamina A per migliorare la pigmentazione e vitamina E, vitamina C, selenio e betacarotene per contrastare l’azione dei radicali liberi e dei raggi solari.
  • Capelli – La perdita dei capelli può essere contrastata con integratori per capelli: vitamina A per rigenerare i tessuti cutanei, vitamine del gruppo B per regolare la produzione di sebo e vitamina C per promuovere la crescita e migliorare l’assorbimento di ferro.
Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui