Home Integratori Alimentari & Cosmetici Integratori contro la stitichezza: come funzionano?

Integratori contro la stitichezza: come funzionano?

La stitichezza può colpire chiunque e non dovrebbe essere sottovalutata. Scopriamo quando ricorrere agli integratori contro la stitichezza!

Integratori- foto pixabay.com

Il disturbo si verifica quando l’intestino non riesce a svuotarsi così come dovrebbe a causa di disidratazione, vita sedentaria, problemi digestivi e malattie varie (diabete, ipotiroidismo, problemi al colon e simili).

Il problema più grande è che il ristagno di sostanze di scarto sviluppa una serie di fastidi come pancia gonfia e meteorismo fino a compromettere l’equilibrio fisico dell’organismo.

In linea di massima assumere più acqua, mangiare più frutta e verdura e aumentare l’attività fisica possono aiutare ad affrontare la stitichezza con rimedi a impatto zero sull’organismo.

Anche il consumo di lassativi naturali può aiutare a regolarizzare la funzionalità intestinale, ma quando anche questi si rivelano insufficienti allora si deve ricorrere agli integratori e farmaci contro la stitichezza.

Integratori contro la stitichezza

Stipsi- foto pixabay.com

Gli integratori contro la stitichezza rappresentano una soluzione veloce alla perdita della regolarità intestinale. Ma quando si può dire di soffrire di stitichezza?

La stipsi è caratterizzata da meno di 3 evacuazioni a settimana, senso di svuotamento incompleto, cambiamento delle feci (grosse, dure e secche) e sintomi correlati (gonfiore, nausea, mal di pancia e altri).

Il mondo degli integratori per stipsi cronica può essere suddiviso in integratori a base di sostanze nutritive provenienti dagli alimenti e integratori erboristici a base di estratti vegetali ed erbe per la stitichezza.

In entrambi i casi, tuttavia, l’efficacia dell’integratore dipende dal meccanismo di azione con cui agisce contro la stitichezza.

  • Lassativi di massaQuesti prodotti a base di fibra alimentare attirano l’acqua presente nei tessuti in modo da gelificare la massa fecale e stimolare la corretta evacuazione.
  • Lassativi osmotici – Gli integratori osmotici a base di sali di magnesio, sorbitolo o lattulosio non fanno altro che trattenere l’acqua a livello del colon allo scopo di rendere più morbide le feci.
  • Lassativi stimolanti – Questa categoria sfrutta i principi attivi ricavati da organismi vegetali per aumentare la motilità intestinale e stimolare l’espulsione delle feci.
  • Lassativi lubrificanti – I prodotti solitamente a base di lipidi creano un’azione lubrificante e promuovono la corretta espulsione delle feci.

Integratori di fibre per stitichezza

La fibra alimentare racchiude molecole vegetali che assorbono l’acqua, ammorbidiscono le feci, sollecitano la flora batterica del colon e distendono le pareti dell’intestino a favore dell’evacuazione.

Il più comune è senza dubbio l’integratore a base di crusca (controindicata in caso di diverticolosi), seguito da Gomma di guar (farina ricavata dai semi della pianta erbacea indiana) e Gomma di Karaya (secrezione della corteccia di piante della Sterculia).

A questi si aggiungono gli integratori naturali per la stitichezza a base di mucillagini come i semi di Psillio, gli integratori a base di alghe come l’agar agar e i glucomannani come gli estratti del tubero Amorphopallus.

La carrellata degli integratori di massa contro la stitichezza termina con la pectina, una sostanza presente nei tessuti vegetali di frutta e verdura.

Integratori a base di lattulosio

Il lattulosio è uno zucchero che raggiunge il colon e si rivela capace di richiamare l’acqua nell’intestino, aumentando il volume della massa fecale e facilitando l’espulsione delle feci.

Le formulazioni contenenti questo disaccaride devono essere evitate in caso di galattosemia, un disturbo che porta all’accumulo di lattulosio nel corpo e causa danni a fegato, reni e cervello.

Integratori a base di piante irritanti

Gli integratori stimolanti contengono principi attivi ricavati da organismi vegetali dalla funzione lassativa. Attenzione, però, perché non sono integratori per la stitichezza in gravidanza e allattamento.

Tra gli integratori per intestino pigro e stitichezza più comuni spiccano il succo di Aloe Vera ricco di antrachinoni stimolanti della mucosa intestinale e le formulazioni a base di senna che si attivano a contatto.

E ancora, i prodotti a base di cascara con un’azione più blanda e gli integratori a base di fragola e rabarbaro.

Integratori contro la stitichezza a base di lipidi

Le formulazioni lubrificanti contengono sostanze lipidiche come l’olio extravergine d’oliva, la glicerina o l’olio di ricino in grado di lubrificare le feci e contrastare la stitichezza.

Se i prodotti a base di olio EVO possono essere considerati dei veri alimenti, non si può dire lo stesso per le altre formulazioni.

Gli integratori con olio di ricino risultano efficaci, ma dovrebbero essere assunti con parsimonia per sfuggire agli effetti nocivi delle molecole tossiche ed essere evitati in gravidanza per via della capacità di sitmolare le contrazioni uterine.

Per quanto riguarda gli integratori a base di glicerina, invece, non deve essere assunta per periodi prolungati e dosi massicce.

In effetti questi integratori causano stitichezza e possono aggravare il problema se non vengono usati nel modo giusto.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui