Home Integratori Alimentari & Cosmetici Integratori di arginina: cosa sono e a cosa servono

Integratori di arginina: cosa sono e a cosa servono

L’arginina è un aminoacido non essenziale per gli adulti che potrebbe diventare essenziale in caso di carenze dovute a diete restrittive, stress psicofisici importanti o traumi fisici. Ma allora quando è indicato assumere arginina come integratore?

L-Arginina- foto almeglio.it

Bisogna precisare che si tratta di un aminoacido essenziale per i bambini in fase di sviluppo psicofisico e un aminoacido non essenziale per gli adulti giacché riescono a sintetizzarla a livello renale ed epatico.

Generalmente l’apporto quotidiano di 3,5-5 grammi deriva da un’alimentazione a base di carne, frutta secca e alimenti vegetali proteici.

Gli integratori di L-Arginina entrano in gioco nel momento in cui una dieta fatta di rinunce, un periodo particolarmente stressante o un trauma fisico impongono un apporto complementare di questo aminoacido importante per molte funzioni fisiologiche.

Integratore di arginina: a cosa serve?

Integratore di L-Arginina- foto qualescegliere.it

L’integrazione assume un ruolo importante durante l’adolescenza e la pubertà e contribuisce a gestire condizioni quali traumi estesi e ustioni.

Le ricerche scientifiche hanno fatto luce sulle principali funzioni biologiche in cui viene coinvolto l’aminoacido per sostenere il benessere con un’integrazione ad hoc.

L’arginina ha effetti sul ciclo metabolico dell’urea (corpo elimina l’ammoniaca particolarmente tossica per le cellule introdotta con l’alimentazione o l’esercizio fisico intenso), precede la creatina precursore dell’ATP (energia con cui lavorano i muscoli), stimola la produzione dell’ormone della crescita e della prolattina, sintetizza l’ossido nitrico (elemento dotato di potere vasodilatatore delle arterie) e abbassa la pressione arteriosa.

Gli integratori di L-Arginina possono essere utili in caso di patologie cardiache, ipertensione, dismetabolismi, gravi traumi e infertilità maschile.

In realtà è opportuno riconoscere i diversi sali caratterizzati da una differente biodisponibilità allo scopo di valorizzare le rispettive formulazioni e superare i preconcetti di chi pensa che l’arginina fa male:

  • Arginina α-chetoglutarato (AAKG) – L’associazione dell’aminoacido in un sale con l’alfachetoglutarato migliora le capacità ergogeniche e assicura una maggior protezione delle strutture muscolari.
  • Arginina piroglutammato – La combinazione dell’aminoacido e una molecola di piroglutammato formula tenta di stimolare la secrezione di GH, meglio ancora se viene arricchita anche di Lisina.

Arginina: effetti e benefici

Sport- foto polet.delo.si

Le proprietà biologiche di questo aminoacido non essenziale spingono verso un uso applicativo degli integratori con questo aminoacido per gestire diverse situazione:

  • Cardiovascolare – L’aminoacido potrebbe essere utile in ambito cardiologo nella misura in cui tiene sotto controllo ipercolesterolemia, ipertensione e angina pectoris, riduce il danno vascolare e l’ossidazione delle lipoproteine LDL e migliora la perfusione sanguigna.
  • Fertilità – I trial clinici concordano sul legame tra arginina ed erezione: tratta la disfunzione erettile con un’azione vasodilatatrice e influenza positivamente la motilità e la qualità degli spermatozoi.
  • Traumi – L’attività immunomodulante e la capacità di favorire la sintesi di proalina (aminoacido del collagene) faciliterebbero la rigenerazione strutturale e funzionale dei tessuti che hanno subito traumi quali interventi chirurgici, ferite o ustioni.
  • Immunità – Le integrazioni sarebbero capaci di migliorare l’assetto immunologico potenziando l’attività dei linfociti citotossici e le cellule Natural Killer contro gli agenti esterni.
  • Sport – Il ruolo antiossidante e immunomodulante sostiene le sessioni sportive estenuanti e l’attività detossificante riguardo le scorie azotate. Non ci sono evidenze scientifiche di un contributo reale alla secrezione endogena dell’ormone della crescita in soggetti sani e allenati!

Integratori di arginina: dosi e modi d’uso

Assunzione aminoacidi- foto healthintegratori.com

Il mercato offre una vasta gamma di integratori a base di L-Arginina sotto forma di capsule, polvere e alimenti addizionali.

Generalmente il dosaggio quotidiano si aggira intorno ai 3-20 grammi, ovviamente da suddividere in più assunzioni mentre in campo sportivo, la dose più utilizzata è quella dei 3 grammi assunti in fase pre-allenamento o prima del riposo notturno.

L’aminoacido può essere usat0 con una dose giornaliera di 10 grammi solo ed esclusivamente per contribuire a gestire un problema cardiologico o andrologico.

Arginina: Effetti collaterali e controindicazioni

Effetti collaterali – foto bellezzasalute.it

Gli integratori con questo aminoacido devono essere assunti secondo i dosaggi consigliati dal momento che un sovra dosaggio (15 grammi) potrebbe comportare problemi gastrointestinali quali crampi addominali, nausea, vomito ed episodi di diarrea.

Non bisogna dimenticare che l’uso di L-Arginina è controindicato in caso di sensibilità all’aminoacido, sindrome genetiche da disordini dell’arginina, gravidanza e allattamento. Il rischio è contrarre insufficienza epatica e renale!

L’argina integratore potrebbe alterare le caratteristiche e il potere d’azione di alcuni principi attivi quali Ciclosporina, Ibuprofene, Sildenafil citrato, nitrati organici e piante ad attività fitoterapica.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 4 Media: 2,8]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui