Home Salute Il frenulo, cos’è e dove si può trovare

Il frenulo, cos’è e dove si può trovare

le possibili cause della psoriasi guttata

In anatomia, la definizione di frenulo è una piega della pelle o una piega della mucosa. Nel primo caso si può definirla anche come una piega cutanea, in quanto le parti coinvolte appartengono all’epidermide ossia alla cute. Tale piega congiunge due parti di un organo impedendo o limitando il movimento dello stesso o unisce due organi. Un sinonimo potrebbe essere frenello o filetto. L’etimologia della parola frenulo deriva dal latino frenulum che è un diminutivo di frenum da cui l’italiano freno. Avendo spiegato la funzione di questa parte anatomica, e cioè congiungere due parti di un organo o più organi per contenere il movimento, si spiega subito la sua derivazione da frenum da cui il verbo frenare ossia bloccare, rallentare, diminuire.

Nella lingua italiana compare intorno al 1800 e in anatomia è abbinato a parti del corpo ben precise. Si parla infatti di frenulo labiale (che riguarda le labbra), frenulo linguale, frenulo del clitoride e infine, frenulo del pene. Se questa piega ha una lunghezza “normale” non ci sono problemi fisici ma solo benefici. Si pensi alla funzione del frenulo linguale. Esso serve per tenere la lingua unita al palato, permettendo i normali movimenti che consentono la masticazione, la deglutizione e l’emissioni di suoni che consentono all’uomo di comunicare con i propri simili. Se il frenulo fosse assente, la lingua sarebbe non “controllabile” perché priva del “freno” che ne limita il movimento. Questa piega contiene dei filamenti che sono elastici perché possono, in una certa misura, ampliare i movimenti della lingua come se si trattasse di un vero e proprio elastico legato in questo caso alla cavità orale inferiore da una parte e dall’altra alla lingua stessa.

Se però la lunghezza del frenulo linguale non fosse adeguata ma troppo corta potrebbero esserci seri problemi con i movimenti che si fanno quotidianamente per parlare, masticare, con serie conseguenze per una vita normale. In questo caso si parla di una vera e propria patologia detta anchiloglossia. Se non si interviene con terapie idonee, l’individuo che ne soffre avrà seri problemi per la masticazione o per sviluppare il linguaggio. Un fatto curioso è che sono più i maschi che soffrono di anchiloglossia e da ciò probabilmente deriva il detto che le donne hanno la lingua lunga!

Infatti, con il frenulo corto la lingua rimane praticamente quasi aderente se non incollata al palato inferiore della bocca.

rossetto

Il frenulo labiale invece interessa le labbra. Anche in questo caso si tratta di un tessuto fibroso che si trova tra il labbro superiore o inferiore e l’arcata dentaria superiore o inferiore. Le labbra sono tenute aderenti alla dentatura. Cos’, se la lunghezza del filetto non fosse della giusta misura, potrebbero esserci dei motivi per intervenire. Si deve procedere chirurgicamente se il frenulo limita di parecchio i movimenti del palato, della lingua andando a danneggiare la masticazione o la facoltà del parlare.

Il frenulo labiale sia inferiore che superiore potrebbe essere della giusta lunghezza ma non dello spessore ideale, risultando magari troppo grosso. Anche in questo caso si avrebbero dei problemi più di carattere estetico che patologico. Un frenulo troppo spesso può causare infatti una distanza troppo grande tra un dente e l’altro. Di solito sono i due incisivi centrali i denti in questione e cioè che presentano un diastema (dal greco, intervallo) evidente. Sono però conseguenze di poco conto che spesso non vengono neppure curate perché danno originalità al volto della persona. Eddie Murphy è un personaggio molto noto che ha questo tipo di problematica che però lo caratterizza per la simpatia.

Un altro personaggio molto noto che però non si è fatto problemi di questa sua peculiarità è Madonna, la cantante famosa in tutto il mondo. Anche se molto attenta al corpo, passando ore e ore della giornata in palestra e quasi fanatica per quanto concerne la sua immagine, Madonna ha tenuto intatto il suo diastema che le procura una distanza maggiore del normale tra gli incisivi.

Trapianto facciale

Un’altra tipologia di frenulo che si ritrova nel corpo umano è il frenulo del pene o del prepuzio. In tal caso la piega molto sottile connette il glande al prepuzio. Il glande è la parte terminale del pene mentre il prepuzio è una membrana molto ricca di vasi sanguigni e terminali nervosi per cui, se stimolata, provoca un intenso piacere. Ovviamente la stimolazione deve essere fatta in maniera appropriata perché sono parti delicate del corpo e quindi, se fatta troppo violentemente, può dare anche fastidio e dolore. In casi estremi si può giungere fino alla lacerazione dello stesso prepuzio con la fuoriuscita di molto sangue essendo molto vascolarizzato. Certamente è una circostanza che non fa piacere a nessuno ma non deve spaventare oltremodo perché è normale che la fuoriuscita di sangue sia così abbondante data la zona considerata.

Anche in questi casi la lunghezza conta parecchio perché se il frenulo del pene risulta troppo corto, l’individuo va incontro a molti problemi sia di carattere psicologico che fisico. Intanto, l’erezione e quindi qualsiasi tipo di rapporto sessuale risulterà doloroso perché la poca elasticità della lamina che tiene uniti il glande al prepuzio non favorirà lo scorrimento normale del prepuzio e quindi il glande non riuscirà a scoprirsi come dovrebbe. A parte il dolore provocato anche dallo sfregamento dell’organo contro le pareti vaginali, l’uomo potrebbe soffrire di mancata erezione o di eiaculazione precoce data dal fastidio che si sente durante l’amplesso. Questo sarà fonte di grande frustrazione che può provocare seri problemi tra la coppia se non affrontati nella giusta maniera. Prima buona norma è come sempre parlarne e non tenersi dubbi, paure e ansie solo per se stessi. Parlare con la propria o il proprio partner servirà per capire che si è di fronte ad un problema e una volta stabilito questo, sarà più facile concentrarsi su cosa fare per risolvere il problema. Quindi l’uomo dovrà sottoporsi ad una visita andrologica che valuterà il problema e troverà la terapia più idoena per risolvere la patologia.

Di solito si procede o con la frenulotomia o con la frenuloplastica. Nel primo caso viene reciso definitivamente il frenulo che è la causa della patologia mentre nel secondo si preferisce procedere ad un taglio longitudinale che possa in qualche modo allungare la lamina in modo da raggiungere una misura sufficientemente giusta per un buon rapporto sessuale. In entrambi i casi gli interventi non sono pericolosi e richiedono una anestesia locale ma le complicazioni potrebbero essere diverse come infezioni o rapporti per molto tempo dolorosi. In alcuni casi, inoltre, i pazienti lamentano una minor sensibilità dell’organo genitale. Bisogna anche precisare che se si pensa di risolvere il problema dell’eiaculazione precoce solo con questi tipi di interventi svolti sul frenulo, si è in grave difetto. Infatti l’eiaculazione precoce può essere una conseguenza di una frenulo corto ma può derivare da altri mille fattori e quindi non bisogna aspettarsi dei miracoli da queste operazioni.

Sicuramente i casi comprovati di frenulo corto vanno affrontati chirurgicamente ma il partner anche se restio deve essere sincero con la propria compagna se dopo la visita andrologica è stato appurato che il problema dell’erezione breve non è da ricondursi alla lunghezza scarsa del frenulo. Sono argomenti molto delicati che gli uomini specialmente fanno fatica ad affrontare e ancora più spesso a parlarne con la propria partner. Queste paure andrebbero superate perché non è in questione la più o meno scarsa virilità maschile ma semplicemente entrano in gioco molteplici fattori. Se ci si nasconde dietro al problema, senza affrontarlo, non si potrà mai risolverlo con la conseguenza di una vita di coppia difficile e non appagante per entrambi.

Non bisogna infatti dimenticare che l’ultima forma di frenulo è quello del clitoride, ossia l’organo del piacere femminile.

Anche in questo caso si tratta di una lamina sottile che si colloca tra l’orifizio uretrale e il glande del clitoride. Non importa se si tratta di uomo o donna, le parole si ripetono… Glande si trova sia nell’uomo che nella donna, anche se in quest’ultima ha una dimensione molto minore ed è completamente ricoperto da un cappuccio. Inoltre, il glande femminile termina senza alcun orifizio perché quello urinario è più in basso mentre nel glande maschile tale orifizio si trova all’estremità del glande stesso. Il frenulo è una piega sottile che collega il glande femminile alle piccole labbra. In questo caso la lunghezza del frenulo non ha poi un’importanza rilevante ma può essere sede lo stesso di infiammazioni dovute a secrezioni del clitoride o a rapporti sessuali occasionali. Inoltre, essendo una parte molto delicata e sottile può subire lacerazioni in seguito a sfregamenti troppo violenti. In generale però non si riscontrano molte gravi patologie. Il problema se non riguarda nello specifico il frenulo del clitoride potrebbe però riguardare altre parti del corpo della donna come ipertrofia del clitoride. In tutti i casi è buona regola sottoporsi a controlli presso andrologi e ginecologi e parlare sempre con chi ci sta accanto per poter affrontare con più serenità qualsiasi problema si abbia, dal più grande al più piccolo. Il dialogo resta come sempre la migliore terapia che si possa trovare.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 3 Media: 2.3]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui