Home Rumors I metodi giusti per depilarsi e mantenere l’abbronzatura

I metodi giusti per depilarsi e mantenere l’abbronzatura

depilazione--fai-da-te-jpg_144240

Dorata dal sole e liscia come la seta. Tutte le donne durante la stagione estiva desiderano avere una bella pelle abbronzata, baciata dal sole e completamente liscia, libera dai peli superflui. Peccato però che la bella stagione è il momento peggiore durante tutto l’anno per combattere la peluria in eccesso, ciò è dovuto al fatto che molti metodi di depilazione possono andare a rovinare e modificare l’abbronzatura vanificando le ore passate sotto il sole per sembrare più belle. Ad esempio la ceretta e la crema depilatoria, se usate possono schiarire l’abbronzatura poichè sono metodi che vanno a eliminare lo strato più superficiale della pelle.

Altri metodi invece modificano meno l’abbronzatura, stiamo parlando del rasoio e degli epilatori elettrici che non vanno a rovinare l’abbronzatura. Anche questi tipi di depilazione hanno un limite, sia d’estate che d’inverno e possono causare la follicolite.

I metodi di depilazione migliori per conservare l’abbronzatura

Ecco allora tutti i metodi di depilazione migliori da utilizzare al mare quando non vogliamo rovinare la nostra abbronzatura.

Il Rasoio:

Le lamette sono un ottimo alleato per depilarsi al mare. L’unico fattore negativo è che i peli ricrescono nel giro di pochissimi giorni, perché con il rasoio vengono tagliati alla base. Questo però è un ottimo epilazione-inguine-depilazione-zona-bikini-procedimento-formati-epilazione-pube-epilatometodo di depilazione estivo perché non elimina l’abbronzatura. Questo tipo di depilazione è adatta alla schiena e al torace di lui, ossia delle zone particolarmente ricche di ghiandole sebacee e a rischio di follicolite. Con la rasatura, senza lo strappo del bulbo, si può eliminare il rischio di follicolite. La rasatura inoltre costa molto poco, basti pensare che i rasoi monouso costano 20-30 centesimi, quelli per la depilazione femminile circa 10 euro.

L’unica avvertenza è quella di non usare quelli già utilizzati per depilarsi perché possono causare irritazioni, meglio usarne uno nuovo, usa e getta. Per evitare i tagli, che possono far male con il sole, prima di depilarti ammorbidisci la pelle con dell’acqua tiepida, poi spalma la schiuma da barba oppure il sapone e passa la lametta contropelo. Per disinfettare la parte che è stata depilata, usa una qualche crema lenitiva e astringente che sia a base di ossido di zinco e magnesio silicato. Poichè d’estate la pelle tende a seccarsi, ogni giorno ricordati di mettere il doposole, che aiuta l’abbronzatura.

Gli epilatori elettrici

D’estate per conservare l’abbronzatura sono ottimi anche i piccoli apparecchi che vanno a corrente come il silk epil, da usare a casa quando si ha poco tempo. Questi strumenti funzionano grazie a delle lame rotanti che pinzano il pelo e direttamente lo strappano, insieme con il suo bulbo, come se fossero delle pinzette. I silk epil costano da 30 a 100 euro, non danno particolari problemi alla pelle abbronzata, perché non eliminano la pelle perciò non la schiariscono, inoltre garantiscono una ricrescita dopo 7-10 giorni.

L’unico rischio è quello della follicolite, per scongiurarla prima della depilazione bagna la parte da depilare con acqua tiepida e massaggiala usando un guanto in fibra di cellulosa, per poter ammorbidire la cute ed eliminare tutti i peli sotto pelle. Dopo l’epilazione, applica delle creme a base di ossido di zinco e magnesio silicato, mentre se hai una pelle molto sensibile, puoi utilizzare una crema antibiotica oppure un detergente alla clorexidina. Questi epilatori invece vanno evitati sulla zona dell’inguine e delle ascelle e non vanno adoperati su peli corti.

La ceretta:

La ceretta come metodo di depilazione deve essere usata in estate con qualche cautela. Lo strappo infatti garantisce una pelle particolarmente liscia per 15-30 giorni, perchè toglie il pelo con il suo bulbo. D’estate può portare via lo strato più esterno della pelle e di conseguenza schiarire l’abbronzatura. Per poter salvaguardare la tintarella basterà stendere un velo di talco sulla zona da depilare, in tal modo la cera si attacca al pelo, ma non alla pelle. Inoltre, soprattutto d’estate quando si suda in modo particolare, la ceretta può causare la follicolite.

Per ridurre il dolore, prima di iniziare a fare la ceretta si consiglia di passare una spugna con acqua calda per dilatare i pori oppure si consiglia di appoggiare sulla zona da depilare un sacchetto col ghiaccio per poterla anestetizzare. Per togliere al meglio i residui di cera, usa delle salviettine, ma anche gli oli oppure le creme grasse.

Le creme depilatorie:

Le creme depilatorie, soprattutto d’estate, sono uno dei sistemi più delicati per poter rimuovere i peli, se vengono usate bene. D’estate utilizzatele con qualche cautela, infatti il rischio è che vadano ad intaccare la cheratina dello strato superficiale della pelle, schiarendo l’abbronzatura. L’effetto è molto simile al rasoio e i peli ricrescono in un periodo pari a cinque – sette giorni. Il consiglio è quello di usare la crema di sera, sciacquando poi bene con l’acqua. I residui chimici che si trovano sulla cute potrebbero poi fare reazione con i raggi Uv e andare a causare delle discromie.

Per approfondimenti

i rimedi contro la follicolite

la depilazione all’inguine

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui