Home Fitness HEAT, la sfida fitness di sudore, impegno ed elevata intensità

HEAT, la sfida fitness di sudore, impegno ed elevata intensità

La ricerca di un allenamento che lavora su muscoli e fiato può dirsi conclusa grazie al format HEAT, un protocollo di allenamento che coinvolge la muscolatura del corpo e migliora le capacità aerobiche. Di cosa si tratta?

High Energy Athletic Training- foto runlikeneverbefore.com

Se l’allenamento funzionale promette di preparare il corpo a ogni sfida motoria allora il format HEAT o High Energy Athletic Training può essere considerato una specie di fiore all’occhiello.

L’allenamento atletico ad alta energia firmato Virgin Active promette sudore, impegno ed elevata intensità per sfidare sia le persone sedentarie che gli appassionati di fitness.

HEAT

Il format HEAT (significato allenamento atletico ad alta energia) è stato studiato per replicare i benefici di tutte le attività sportive che si svolgono all’aperto come il walking, il running o il trekking.

Sostanzialmente l’allenamento HEAT sfida le capacità aerobiche attraverso una sollecitazione total body a suon di ritmo veloci, stimoli a rotazione, esercizi a corpo libero e movimenti eseguiti con attrezzi fitness.

L’High Energy Athletic Training richiede l’uso di un cardiofrequenzimetro in un’area appositamente attrezzata con corsie parallele chiuse con una fila di treadmill e un wall (a metà tra spalliera e parete da arrampicata) in cui ogni partecipante può eseguire esercizi funzionali.

Una sessione di allenamento HEAT è caratterizzata da esercizi che prevedono spostamenti avanti e dietro, uso delle barre orizzontali del treadmill e movimenti con kettlebell, slam ball e lunghe corde con un capo agganciato al muro.

Lezione tipo HEAT: la sfida

Una lezione tipo di HEAT dura più o meno 40-60 minuti e comprende un allenamento che promette di far bruciare fino a 1000 calorie:

  • Parte I – Condizionamento generale (esercizi aerobici e di mobilizzazione).
  • Parte II – Esercizi che lavorano sulla forza.
  • Parte III – Movimenti che migliorano la potenza.

In linea generale, dopo la prima fase, la classe viene divisa in due gruppi: il primo gruppo esegue un mini-circuito ripetuto di esercizi al wall e lungo le corsie mentre l’altro gruppo lavora sui treadmill.

La monotonia viene spezzata dall’inversione dell’allenamento in modo rapido e continuo, un format che  aumenta progressivamente di intensità fino al cool down finale.

Chi si allena con il format HEAT si può trovare sul treadmill, può passare velocemente agli scatti di corsa alla velocità massima e in un secondo momento può dedicarsi a movimenti di sollevamento, piegamento, trazione, lancio e arrampicata (affondi con torsione in avanzamento, squat, camminata  a quattro zampe, battling rope con le corde).

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui