Gomma di Guar: fa male? Cos’è, a cosa serve, utilizzo e dove si trova la farina di Guar

La gomma di Guar è un prodotto rivoluzionario che può essere usato sia per mantenersi in forma che per cucinare. Scopriamo tutto quello che c’è da sapere!

Iniziamo col dire che si tratta di una polvere idrosolubile di colore bianco-avorio derivante dal processo di raccolta, separazione di albume e tegumenti esterni e macinazione dei semi della pianta di Guar (Cyamopsis tetragonolobus, famiglia delle Leguminose).

Dal punto di vista chimico, invece, si tratta di un polisaccaride idrocolloidale costituito da galattomannani ad alto peso molecolare, vale a dire polimeri fatti di catene lineari di monomeri di mannosio (ramificati con unità di monosaccaridi di galattosio).

La composizione chimica della gomma o della farina di Guar rende il prodotto capace di assorbire una grande quantità di acqua.

A cosa serve la gomma di Guar? In pratica può essere usata come un addensante in campo alimentare, una soluzione addensante nel settore cosmetico e un integratore in ambito medico.

Gomma di Guar: Valori nutrizionali e proprietà

Questo prodotto contiene una quantità elevata di galattomannano, una percentuale minima d’acqua e un apporto proteico ridotto. A margine ci sono le fibre grezze e i grassi.

Il successo della gomma di Guar non è legata ai valori nutrizionali eccezionali, ma alla sua igroscopicità ovvero alla sua capacità di assorbire acqua formando una specie di gel.

Domandarsi se la gomma di Guar fa male o è cancerogena è normale, ma bisogna tener presente che la polvere e la gomma di Guar in capsule riesce a conservare le stesse proprietà benefiche della pianta indiana:

  • Stitichezza – Come qualsiasi fibra solubile, anche la fibra della gomma di Guar assorbe l’acqua nell’intestino e forma un gel che ammorbidisce le feci e ne favorisce l’espulsione.
  • Colon irritabile – La gomma di Guar è un toccasa per il colon irritabile che si manifesta con un’eccessiva fermentazione intestinale (diarrea, flatulenza e gonfiore addominale): le molecole di mannosio e galattosio aiutano a costruire l’equilibrio della flora intestinale.
  • Diabete – Il gel che si forma nell’intestino riesce a inglobare le molecole e i nutrienti in modo da impedirne l’assorbimento, ridurre la captazione degli zuccheri ed evitare l’innalzamento dell’indice glicemico.
  • Trigliceridi e colesterolo – Il potere chelante agisce anche nei confronti dei grassi, limitando l’assorbimento di trigliceridi e colesterolo a livello intestinale.
  • Celiachia – La gomma di Guar è senza glutine e questo la rende perfetta per le preparazioni gluten free che richiedono un addensante.
  • Dieta – La gomma di Guar si usa per dimagrire poiché, assorbendo i nutrienti come zuccheri e grassi, riduce l’apporto calorico dei pasti e migliora la silhouette.

Integratori

Dove si usa la gomma di Guar? Il settore in cui si utilizza di più è quello dell’integrazione alimentare in quanto gli integratori conservano le principali proprietà dei semi della pianta originaria dell’India.

Possono essere utilizzati per trattare disturbi intestinali, combattere il diabete e contrastare trigliceridi e colesterolo ematici.

In commercio è possibile acquistare la gomma di Guar a un prezzo variabile in base al tipo di prodotto: da un lato le bustine di gomma Guar parzialmente idrolizzata (PHGG) da sciogliere in acqua aiutano a risolvere i casi di stitichezza mentre dall’altro lato le capsule (da prendere prima dei pasti) aiutano a ridurre l’appetito e limitare l’assorbimento dei nutrienti.

Al di là di come sciogliere la gomma di Guar o come assumerla, il consiglio generale è non superare i 15-20 grammi al giorno, suddividendo la dose in due o tre somministrazioni nell’arco della giornata.

Se la gomma di Guar viene assunta per perdere peso allora è essenziale assumerla in modo continuativo per almeno 15 o 20 giorni.

Settore cosmetico

Il potere addensante viene sfruttato in campo cosmetico per dare consistenza a creme, gel, dentifrici e shampoo e per garantire un effetto emolliente ai prodotti:

  • Pelle – Riesce a creare un film sulla pelle che impedisce l’evaporazione di acqua dall’epidermide e rende il derma idratato.
  • Capelli – Gli shampoo interagiscono con l’acqua, idratando la chioma e proteggendo le fibre del capello dall’elevata temperatura del phon.

Gomma di Guar: Uso in cucina

La gomma di Guar dove si trova? Il prodotto è presente nei prodotti che mostrano la sigla E412 sulle etichette e viene utilizzato come addensate per salse, gelatine gelati e carni conservate.

Fortunatamente non è relegato ai soli prodotti industriali, ma può essere usato anche nelle preparazioni casalinghe.

A questo punto la domanda sorge spontanea: la gomma di Guar dove si compra? In linea di massima è possibile acquistare la gomma di Guar al supermercato, in farmacia oppure online.

Ovviamente è possibile risparmiare acquistando la gomma di Guar su Amazon e altri e-commerce con un ottimo rapporto qualità/prezzo. Si può scegliere tra gomma di Guar NaturaSì e tanti altri prodotti.

Oltre sotto forma di bustine e capsule, la si può trovare come farina di semi di Guar da aggiungere alle ricette dolci e salate allo scopo di migliorare la consistenza e renderle meno caloriche. Dove si compra la farina di Guar? Anche questo prodotto si trova al supermercato, in farmacia oppure online.

In pratica, grazie alla sua capacità di assorbimento, la gomma di Guar può sostituire qualsiasi addensante alimentare. Per questo la gomma di Guar trova utilizzo nelle preparazioni dolci e salate tradizionali e gourmet.

Gomma di Guar: Controindicazioni

La gomma di Guar fa male? No, non fa male ma non bisogna esagerare con l’uso di gomma di Guar come addensante o integratore in quanto potrebbero sopraggiungere delle controindicazioni:

  • Gonfiore addominale – Aumentare la dose significa favorire la fermentazione batterica all’interno dell’intestino.
  • Assorbimento dei farmaci – Il suo potere chelante non risparmia i principi attivi dei farmaci e per questo è consigliabile assumerla dopo molte ore dalla terapia farmacologica.
  • Allergia – È che stato riscontrato un legame tra gomma di Guar e allergia nei soggetti sensibili alle proteine della soia.

P.S. Chi non vuole rischiare e si chiede come si può sostituire la gomma di Guar può fare affidamento su la gomma di tara o la gomma di xantano.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 7 Media: 4.3]

Myriam Amato

Informazioni sull'autore
Laureata in Informazione e sistemi editoriali, amante della cultura orientale e appassionata di benessere, salute e fitness.
Tutti i post di Myriam Amato