Home Alimentazione Funghi: Pericolo intossicazione e avvelenamento

Funghi: Pericolo intossicazione e avvelenamento

È ufficialmente aperta la caccia ai funghi, che diciamo la verità sono buoni da mangiare ma il pericolo intossicazione e avvelenamento è sempre dietro l’angolo. Ottobre è il mese ideale per la raccolta  e gli amanti dei funghi non vogliono assolutamente perdersi questa occasione ghiotta.

Proprio per sottolineare la gravità della situazione o comunque chiarire punti magari ignoti a tanti, riportiamo la notizia di qualche ora fà,che vede una intera famiglia di Pisa purtroppo vittima di funghi velenosi. Una donna di 40 anni, trova vicino casa dei funghi e decide di cucinarli; Purtroppo si trattata di funghi velenosi che risultano letali per la donna, il marito e i genitori di lei.

Una notizia davvero triste ma che deve mettere in guardia chi non conosce a fondo la materia e  si accinge a raccogliere funghi, cucinarli e mangiarli,senza aver prima preso le dovute precauzioni. Chi non è esperto di funghi, può comunque avvalersi dell’assistenza di un micologo, per far controllare i funghi appena raccolti. Lo può fare rivolgendosi all’ispettorato micologico dell’ASL della vostra zona d’interesse, che in modo gratuito, controllerà i funghi da voi raccolti e il modo in cui vanno correttamente preparati.

Il Centro Antiveleni tempestato negli ultimi giorni da telefonate che vedono persone intossicate nel migliore dei casi, da consumo di funghi, ha stilato un vero e proprio decalogo di regole,su come comportarsi e cosa fare per evitare l’avvelenamento di funghi.

  •  Anzitutto, come già detto, far controllare preventivamente da un micologo.
  • Non consumare a quantità esagerate, ma bisogna sapersi anche limitare
  •  Consumarli ben cotti
  • Stare attenti anche ai funghi sott’olio che possono sviluppare la tossina botulinica
  • Evitare di consumarli in gravidanza e di farli mangiare ai bambini.

I funghi sono buoni e quindi non bisogna assolutamente eliminarli dalla nostra tavola, serve solo del buon senso per consumarli in modo corretto, e prestare maggiore attenzione a ciò che mangiamo.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui