Home Benessere Fumo passivo: attenzione al rischio di demenza

Fumo passivo: attenzione al rischio di demenza

Il-fumo-passivo-aumenta-il-rischio-di-demenza

Pensate che solo fumare sia pericoloso? In realtà vi sbagliate di grosso, perché anche respirare il fumo di altri è pericoloso, infatti, il fumo passivo aumenta il rischio di demenza. La conferma arriva direttamente da uno studio che tende a sottolineare anche il grave pericolo di contrarre malattie cardiovascolari e respiratorie.

Gli esperti di salute continuano a creare una vera lotta al fumo e ogni giorno vengono realizzate un sacco di ricerche per stabilire quante e quali malattie possono arrecare fumare una sigaretta. Pensate che in queste ultimi anni è stato accertato che il fumo è la causa di malattie cardiache e gli stessi rischi li deve prendere in considerazioni chi vive con dei fumatori.

Una recente ricerca dichiara che il fumo passivo aumenta addirittura il rischio di demenza o declino cognitivo lo ha dimostrato un team di scienziati in arrivo da Cina, Stati Uniti e Gran Bretagna. Per offrire un’analisi completa lo studio ha coinvolto 6.000 persone che vivono in Cina, ovvero il paese con il più alto numero di fumatori al mondo: 350 milioni.

I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Occupational and Environmental medicine, nonostante la Cina continui ad attivare campagne che invitano a smettere di fumare, oltre alla legge governativa che vieta di fumare in luoghi pubblici, si prevede l’attivazione di controlli severi per evitare che un sacco di gente sia messa a rischio di contrarre malattie.

Sono state intervistate 5000 persone dal dottor Ruoling Chem, docente di sanità pubblica al King’s College London e dal suo team. Queste persone avevano tutti più di 60 anni e sono residenti in diverse comunità rurali e urbane.

Pensate che una volta stabiliti i livelli di esposizione al fumo passivo, sono stati raccolti anche i dati e valutati i livelli di sindrome da demenza. Le cifre finali sono davvero inquietanti, pensate che il 10% dei partecipanti soffriva di questo disturbo ed è stato certificato che il collegamento e relativo all’esposizione al fumo passivo.

In alcuni casi le persone che dichiaravano di sentirsi male, non avevano mai fumato in vita loro. La lotta al fumo è planetaria, sono stati presi provvedimenti molto severi per evitare la diffusione del fumo passivo nei luoghi pubblici, ma non è ancora sufficiente.

Ti è piaciuto l'articolo? Dai un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui